Prime impressioni sul futuro di Hs e sullo Standard: le parole di Lik!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Lik, celebre giocatore del team Powned, ha voluto esprimere i suoi primi commenti a caldo sull’arrivo del formato Standard potendo finalmente conoscere quelle che sono tutte le carte di Old Gods!
Ecco il suo punto di vista…cosa ne pensate?

ANALISI STANDARD

Inutile ribadire che il meta verrà stravolto, più per i nerf e per la dipartita di Naxxramas/GvG che per la nuova espansione.
La maggior parte delle carte nuove giocabili sono carte tempo oriented e questo fattore porterà tutti gli eroi a giocare in maniera molto simile combattendo per il board dai primi turni (stile midrange druid o zoo warlock per intenderci), non sono uscite carte veramente forti per gli archetipi particolari legati ai vari eroi.

I deck già esistenti che ne escono vincitori sono:

  • Face Shaman: già tier 2 alto perde solo Crepitio ma i suo avversari perdono Curabot Antico, Masticatore Zombi, Signore della Morte ecc… e queste carte non sono state rimpiazzate con carte altrettanto forti.
  • Freeze Mage: tier 2 alto non riceve nulla di nuovo e perde Scienziato Pazzo ma non riceve nessun nerf e come face shaman guadagna molto dalle perdite degli altri deck (Curabot e Loatheb su tutto).
  • Aggro Paladin: Favore Divino non è stato nerfato e in ottica metagame lento questa carta è veramente op per un archetipo che perde Adunata Militare e Gnomo Contaminato ma guadagna molto dall’assenza di carte come Curabot Antico e Masticatore Zombi.
  • Midrange Hunter: attualmente non fortissimo riceve diverse carte che danno opzioni valide per questo archetipo.

1526739_1312942962056156_2688171727468716256_n

I deck che scompaiono:

  • Anyfin Paladin: senza Old Murk-eye non è giocabile.
  • Mech Mage/Shaman: non ci sono più i mech.
  • Aggro Druid: I Vilrazziatori erano la parte forte di questo deck e ora non ci saranno più, potrebbe nascere una versione “veloce” di druid ma sarà un deck completamente diverso da quello che conosciamo ora.
  • Oil Rogue: Perde la carta che da il nome al deck e non c’è nulla di simile di nuovo, il nerf enorme a Blade Flurry è la mazzata finale.

I deck esistenti che perdono di più:

  • Control Priest: perde Masticatore Zombi, Signore della Morte e sopratutto Bomba Fotonica, nessuna di queste carte viene sostituita degnamente e l’unica carta nuova veramente buona è il Darkshire Alchemist.
  • Patron Warrior perde il suo motore di combo principale (Morso della Morte) e non riceve nuove carte all’altezza.
  • Secret e Midrange Paladin: perdono tutto l’early game e principalmente Adunata Militare, non guadagnano nulla.

12936780_1328931720457280_6469622669978371426_n

I mazzi che probabilmente nasceranno:

  • C’thun deck: Priest, Druid e Rogue son tutti ottimi candidati per giocare C’thun e i suo scagnozzi.
  • Midrange Shaman: a mio avviso le carte più belle e forti son quelle date allo shaman e rientrano tutte molto bene in deck con archetipo midrange.
  • Tempo Rogue: Sarà la volta buona, a quanto pare alla Blizzard l’oil che abbiamo giocato finora non piace per nulla e vuole farcelo giocare in stile zoo, per ora i suoi tentativi non hanno avuto successo vedremo se questa volta ci saranno riusciti o meno.
  • Druid Ramp: Senza Combo e con i nerf a Custode del Bosco e Antico del Sapere il druid ramp pieno di taunt e minion value sembra l’opzione migliore per sfrutta le carte op del druid (Innervazione e Crescita Rigogliosa su tutte).
  • Control Paladin: Il nuovo Ragnaros di per se è una carta molto bella e il Control Paladin ha sempre avuto degli ottimi matchup in meta lentissimi grazie ai suoi forti board clear (EguaglianzaPiromanteConsacrazione) e alle sue cure value (come Giostrante e Mano Celestiale), se il meta rallenterà tanto sicuramente sarà un’opzione valida.
Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701