ULTIMI MAZZI

Guarda tutti i mazzi
Chiarimenti sulla Caccia ai Mostri di Hearthstone

Chiarimenti sulla Caccia ai Mostri di Hearthstone

Profilo di Stak
 WhatsApp

Negli ultimi giorni sono stati diversi i membri della community che hanno chiesto chiarimenti in merito alla nuova modalità “Caccia ai mostri” di Hearthstone, aggiunta solamente pochi giorni fa nella Locanda più frequentata del mondo.
Questa nuova e divertentissima modalità ci permetterà di giocare un Hearthstone decisamente alternativo, fuori dagli schemi, divertentissimo ed anche molto proficuo.
Con un po’ di spirito di avventura infatti, potreste portare a casa quattro bustine della nuova espansione ed un retro delle carte esclusivo.

Andiamo con ordine però.
Per vincere le bustine, dovrete portare a termine le missioni della Caccia ai Mostri (che troverete nel vostro registro missioni; se ancora non l’avete è perché avete 3 missioni da completare e non c’è quindi lo spazio per quelle della Caccia ai Mostri).
In tutto le missioni sono 4 ed ognuna prevede che sconfiggiate, con ognuno dei 4 eroi disponibili, 10 mostri di Boscotetro (le vittorie non devono essere consecutive).
Per vincere il retro esclusivo dovrete invece sconfiggere il super big boss della Caccia ai Mostri…la terrificante Hagatha.
Per sfidare Hagatha però dovrete prima sconfiggere con ognuno dei 4 eroi protagonisti della Caccia almeno 8 mostri…
Gli 8 mostri che dovrete sconfiggere con ognuno degli eroi, andranno abbattuti consecutivamente!

Per quanto riguarda la Caccia vera e propria, c’è da dire che Blizzard ha fatto un lavoro straordinario. Il PVE porta un ulteriore ventata di aria fresca nella Locanda permettendo ai giocatori di esplorare situazioni di gioco fino a questo momento mai viste.
Consigliare i giocatori sul come affrontare questa sfida è tuttavia complicato. Premesso che è inutile consigliare un eroe piuttosto che un altro, dato che dovrete giocare con tutti e 4 quelli presenti, è anche difficile poter consigliare cosa fare ed in che dato momento.
La Caccia ai Mostri è quasi unicamente “rng”…è tutto casuale anche se il giocatore che ha una marcia in più riesce perfettamente (o quasi) a veicolare questo fattore random prendendo le decisioni migliori possibili.
Questo perché la strategia è un fattore molto importante in questo contenuto PVE, specialmente quando, dopo una partita vinta, ci sarà permesso di espandere il nostro deck armandolo di nuovi e devastanti potenziamenti.

Voi come stato affrontando questa sfida? Quanti mostri avete abbattuto durante la vostra caccia?
La discussione è aperta community!

Si dia inizio al Festival del Fuoco e all’evento dedicato a Yogg-Saron

Si dia inizio al Festival del Fuoco e all’evento dedicato a Yogg-Saron

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Tutto pronto! La brace è calda ed i festeggiamenti sono pronti a cominciare. Da questa sera ha inizio il Festival del Fuoco che porterà tantissime ricompense ai giocatori che ne completeranno le missioni leggendarie.

Ogni estate siamo qui, una volta Ragnaros, qualche altra volta con altri amici di Hearthstone, ma sempre festeggiamo, in un modo o in un altro, il Festival del Fuoco. Evento che per tradizione ci “infiamma” di regali.

Anche quest’anno sono arrivate ben 7 missioni leggendarie che ci ricompensano con altrettanti premi. Se le completeremo tutte avremo a disposizione una Busta Standard, una di Alterac, una di Città Sommersa, una di Mercenari, una della nuova espansione Assassinio al Castello di Nathria e poi due skin (una per BG e l’altra per Constructed).

Ad aggiungersi a questi festeggiamenti, poi, c’è anche il nuovo evento dedicato a Yogg-Saron, uno degli Dei Antichi, che porterà nuove missioni ricche di ricompense nella modalità. Potremo anche sbloccare in anteprima Yogg come Mercenario e vari suoi ritratti esclusivi.

Be’ cosa aggiungere se non invitarvi al Festival del Fuoco e al nuovo evento di Mercenari con Yogg? Buoni festeggiamenti!

Che ne pensate di questi favolosi eventi?

Articoli Correlati:

Sono giusti gli aggiornamenti al gioco poco prima di un torneo ufficiale? Risponde Abar

Sono giusti gli aggiornamenti al gioco poco prima di un torneo ufficiale? Risponde Abar

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Aggiornamenti Hearthstone – Abbiamo visto nei giorni scorsi la nuova patch 23.6, che oltre a tanti contenuti ha annunciato ufficialmente il futuro arrivo della prossima espansione Assassinio al Castello di Nathria. Ma subito dopo è scoppiata la bufera, perché?

L’unica differenza notevole, alla Constructed, con questa Patch, è stata l’introduzione di Principe Renathal che cercherà di stravolgere un po’ il meta prima dell’arrivo dell’espansione. Ma anche nel competitivo torneistico la confusione è dietro l’angolo.

Questo soprattutto se il prossimo grosso torneo ufficiale, il Masters Tour, è proprio dopo pochi giorni dall’aggiornamento. Molti sono stati i giocatori che hanno lamentato il timing di questa patch, che romperà le uova nel paniere a molti deckbuilder che parteciperanno alla competizione di Blizzard.

Altri, però, non sono contrari a queste tempistiche spiegando che per TUTTI i giocatori ci saranno difficoltà nel provare i mazzi nuovi e testare nuovi deck, quindi tutti sulla stessa barca.

Tra le decine di testimonianze per una “fazione” o l’altra ha risposto Abar, Product Manager per Hearthstone Esports. Con un lungo thread su Twitter, Abar ha cercato di spiegare che il maggior profitto per il team proviene sicuramente dagli acquisti dei giocatori, ma ciò non vuol dire che i dev non sono ben attenti alle richieste della sezione Esports di Hearthstone.

Parafrasando il PM si capisce come, a volte, per un’esigenza o un’altra le tempistiche possano “infastidire” le competizioni ufficiali, ma nonostante ciò i feedback sono sempre ben accetti per vedere come non scontentare nessuno. (Per una maggiore precisione e minore interpretazione del messaggio vi lasciamo il post ufficiale in basso).

Sicuramente le lamentele sono giustificate, ma bisogna anche comprendere ed accettare le dinamiche di un’azienda e soprattutto di un business (alla fine anche Hearthstone è un business). Sicuramente c’è un motivo dietro determinate tempistiche.

Questo è quello che comprendiamo dalla testimonianze di Abar, voi cosa ne pensate? È giusto lamentarsi delle tempistiche di Blizzard, o bisogna comprendere ed adattarsi di conseguenza agli aggiornamenti?

Articoli Correlati:

Le Locande del Tempo sono finalmente qui. Come cambia l’Arena?

Le Locande del Tempo sono finalmente qui. Come cambia l’Arena?

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Come preannunciato qualche giorno fa, e soprattutto con l’arrivo della nuova patch 23.6, finalmente hanno fatto oggi il loro esordio le Locande del Tempo in Arena. O meglio, potremmo dire che hanno ri-esordito.

Già, ovviamente le Locande del Tempo non sono una novità ed anzi sono la seconda edizione di questo interessante evento per la modalità. Ma non ci ritroveremo le stesse copie delle carte del primo evento, anzi troveremo molte delle carte bilanciate ed adattate ad un Hearthstone moderno. Una novità su tutte è la rimozione dal pool di carte di Murozond che ha bisogno di un brainstorming maggiore prima di essere reintrodotto nell’evento insieme alle altre carte.

Purtroppo non si conosce la lista completa delle carte, che ancora non è stata pubblicata sul sito ufficiale, ma le restanti carte originali (più probabilmente un paio di carte del Cacciatore di Demoni) sono già in-game e Matt London, responsabile delle modalità per Hearthstone, ha svelato tutte le modifiche alle carte.

Bilanciamenti alle nuove carte di Locande del Tempo

Più in basso vi pubblicheremo le vecchie carte, in modo da cominciare a vedere le differenze con le nuove modifiche.

Le carte originali delle Locande del Tempo

Con l’introduzione delle Locande del Tempo avremo anche un ticket gratuito per l’Arena, in modo da poter provare le novità appena sbarcate.

Molti i giocatori che in queste ore le hanno provate: lo stesso Matt London ha svelato che in una run dovrebbero capitarvi da 1 a 3 carte nuove. Ci sono giocatori che ne stanno ottenendo anche molte di più, quindi incrociate le dita.

Che ne pensate di questa novità per l’Arena?

Articoli Correlati: