Chi sono Tarim ed i Tol’Vir nella storia di Azeroth?

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Molti di voi ricorderanno la nostra rubrica dedicata alla storia delle principali carte di Hearthstone in cui narravamo le origini e le gesta che i grandi protagonisti della Locanda avevano compiuto nella meravigliosa Azeroth.
Dopo diversi mesi di inattività, questa rubrica torna prepotentemente alla ribalta con una nuova puntata dedicata lievemente diversa dal solito: oggi infatti non parleremo di uno specifico protagonista ma di un’intera razza…i Tol’Vir!
I Tol’Vir, che originariamente erano costituiti interamente di pietra, sono delle particolari creature caratterizzate dal fatto che la loro parte superiore del corpo è antropomorfa mentre la parte inferiore e gli arti sono invece più simili a quelli di un felino (una pantera piuttosto che un leone o una tigre).

Originariamente creati dai titani questi particolari “abitanti” di Azeroth sono facili da trovare nella zona di Uldum e sono divisi in 3 specifiche tribù: i Ramkahen (il cui leader è il Re Phaoris), i Neferset (che invece seguono le direttive di Dark Pharaoh Tekahn) ed infine gli Orsis (che sono guidati dal General Ammantep e da Itesh).
Per quanto riguarda la lingua, i Tol’Vir dovrebbero averne una propria anche se è appurato che sappiano sia ascoltare che parlare in lingua umana ed orchesca; secondo alcuni inoltre, i Tol’Vir dovrebbero anche essere in grado di parlare la lingua dei Titani di Azeroth!
Per quanto riguarda alcuni dei più noti aspetti culturali di questo popolo, si può dire che pur non conoscendone i dettagli della religione sappiamo che tantissimi sono i Sacerdoti che godono di profondo rispetto all’interno delle varie tribù e che quando un loro confratello muore il corpo di questo viene mummificato seguendo gli antichi riti di questa razza.

Parlando invece della politica che caratterizza la vita e la società dei Tol’Vir, sappiamo che ogni tribù ha un suo Re o comunque una forte personalità a capo del gruppo che dirige in modo monarchico e piramidale la vita quotidiana del popolo; nel momento in cui il regnante muore il suo posto viene preso dal suo più anziano erede similarmente a quanto avviene nelle altre monarchie tradizionali presenti su Azeroth.
Per quanto riguarda il loro stile di combattimento, possiamo dire che le tecniche dei Tol’Vir sono un qualcosa di estremamente affascinante ed antico: ogni Tol’Vir conosce le arti della guerra grazie ad un addestramento che segue regole ancestrali che sono state modellate e perfezionate nell’arco degli anni cosi da renderne delle perfette armi da combattimento pronte a tutto pur di servire il loro originale scopo!
Un altro interessante argomento riguarda le abitazioni di questo singolare popolo: per combattere le avversità dei grandi venti e del grande sole che caratterizzano le zone desertiche in cui i Tol’Vir vivono, questa razza costruisce gli edifici in forma cubica utilizzando pietra, mattoni e fango.

In Hearthstone i Tol’Vir sono presenti con diverse creature anche se non fanno parte di una razza specifica ma rientrano tra i servitori “generici” del gioco…il più importante di loro è indiscutibilmente il Custode del Sole Tarim anche se questo non è specificatamente presente su World of Warcraft ma è una creatura “unicamente” della Locanda di Hearthstone.
In tutto abbiamo 5 Tol’Vir presenti su Hearthstone:

Cosa ne pensate di questo popolo? Vi è piaciuta questa puntata? Vi ricordiamo che potete leggere tutte le altre storie da noi pubblicate sulle carte di Hearthstone nell’apposita sezione del sito!

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.