ULTIMI MAZZI

Guarda tutti i mazzi

BRUTE DEMON HUNTER – DIVERTENTE, MA NULLA DI PIU’?

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Brute Demon Hunter – la ladder dello standard di Hearthstone ristagna in attesa dell’arrivo della nuova modalità Mercenari, che sarà rilasciata il 12 ottobre. Nel frattempo, dovremo pur giocare e da qualche giorno gira nel meta un mazzo molto divertente e soddisfacente.

La classe che lo propone è il Cacciatore di Demoni, sfruttando la sua missione in una veste nuova, alternativa rispetto al solito OTK, perfino nerfato. Il mazzo sembra abbastanza solido, anche se presenta limiti di cui parleremo più avanti.

Sto parlando del Brute Demon Hunter, una versione più aggressiva del classico OTK che presentava il vecchio Zio Gino. Un mazzo che vuole pescare e tanto, ma sfruttando a pieno la pescata in un turno per sfondare il nemico di danni o per mettere una board devastante.

Il mazzo funziona in questo modo. Pescare a non finire per riuscire ad attivare le due combo vincenti dell’archetipo. Da una parte riuscire a pompare a mille la Frenesia del Leone, arma fornita al DH da Uniti a Roccavento, per farla sfociare in una valanga di danni un solo turno. Dall’altra riuscire a generare e schierare 3 0 4 Bruti Irafunesta in un solo turno, magari a costo 0, così da scoraggiare le velleità nemiche.

LISTE CONSIGLIATE

Se riuscite in uno dei due intenti, la partita volgerà a vostro favore e potrete vincerla in maniera agevole e anche divertente. Ma se il nemico riesce a mettervi pressione e vi impedisce di sviluppare le vostre combo, allora è davvero la fine. Il limite del mazzo infatti, è proprio questo: non contesta nulla. 

Qualora l’avversario riuscirà a mettere board, a generare servitori ciccioni o a farvi danni in poco tempo, avrete pochissime risorse per riuscire a ribattere colpo su colpo. A differenza di altri OTk, anche se il Brute Demon Hunter è un più ibrido, questo va per la sua strada senza tenere conto del mazzo avversario.

Senza contestare o avvilire le risorse nemiche, difficilmente un mazzo può andare molto avanti. Godiamocelo ora,, prima di vederlo abbattuto da i vari counter che fioccheranno. A meno che la Blizzard non fornirà altri tool.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701