ULTIMI MAZZI

Guarda tutti i mazzi
Bilanciamenti HS: buon tentativo, ma ancora non basta

Bilanciamenti HS: buon tentativo, ma ancora non basta

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Sono passati alcuni giorni dall’arrivo dei bilanciamenti su Hearthstone, e tutti i giocatori stanno cercando una quadra per il meta corrente. Per quanto il tempo prima di un prossimo aggiornamento sia probabilmente “lungo”, questo è un ottimo momento per tirare le prime somme della recente patch.

La 20.2.2 ha portato con sé tanti bilanciamenti, sia nerf che buff, ma sono stati effettivamente efficaci? Diciamo di sì anche se non completamente. La migliore azione è stata sicuramente in fase di nerf, meno per quanto riguarda i buff.

Nerf

I primi giorni sono stati tragici perché sembrava che niente fosse cambiato, ma poi effettivamente si sono visti gli effetti della patch su alcune carte/classi. I Top Tier hanno perso la loro popolarità e percentuale di vittorie (eccezion fatta per il Paladino di cui parleremo dopo). Mankrik è stato forse il nerf meno incisivo eppure le classi che lo utilizzano sono diminuite drasticamente: meno Face Hunter e meno Tempo Rogue.

Acqua Sorgiva Rinfrescante, personalmente, resta fortissima, e quindi anche lo Spell Mage eppure la popolarità del Mage è crollata, o meglio si è bilanciata. Isteria è stata equilibrata, non aveva l’obiettivo di aggiustare nessun archetipo in particolare, ma solo di bilanciare al meglio il potenziale di questa spell.

Brutto colpo anche per Rush Warrior dopo il nerf a Cavalcagranchi, introvabile ormai anche nei vari Paladin. Proprio quest’ultima classe è un dettaglio importante: diminuita molto la popolarità, ma la winrate non accenna a diminuire in nessun modo. Sembra che il Paladin sia la classe più adattabile del meta, a dimostrazione del potenziale devastante di TUTTE le carte di Uther nello Standard.

Infatti il nerf a Primo Giorno di Scuola ha abbassato il potenziale dei mazzi aggro, ma è stata inserita perfettamente in archetipi più midrange.

Buff

I buff sono un punto dolente di questo aggiornamento. Gli unici buff utili guardando il meta? I miglioramenti a Zannaguzza, Signora dello Scudo e N’Zoth, Dio degli Abissi, ma la prima solo perché il Deathrattle Demon Hunter di per sé è un buon mazzo, favorito dai nerf; la seconda ha migliorato le potenzialità del Control Warrior, ma non è una carta core di questo archetipo; mentre la terza è l’unica carta che ha visto il suo utilizzo incrementarsi a dismisura, ma neanche tanto per il guadagno di un mana sul suo costo, ma ancora per la mancanza di altre archetipi, dovuta ai nerf.

Le altre carte buffate sono praticamente invisibili soprattutto quelle dello Shaman. Thrall è introvabile in Ladder, neanche i buff sono riusciti a farlo risorgere, neanche di poco. Le altre carte, del Priest e del Warlock, hanno purtroppo bisogno o di un rework o, meglio, di altre carte a supporto di queste.

Chiudiamo anche questa sezione parlando di Paladin: anche in questo caso, gli archetipi si sono evoluti. Si è passati dall’avere tanti Secret/aggro ad avere Secret/Mid, Secret/N’Zoth Paladin. Addirittura in Ladder si trovano dei Big Paladin, non fortissimi ma neanche tanto meme.

Le carte buffate non presenti nel meta

Tutto quello sopracitato potete anche constatarlo nell’ultima analisi di HS Replay che ha pubblicato i risultati dei bilanciamenti con le differenze di popolarità e winrate delle classi rispetto al meta pre-patch.

Quindi? Come sono stati questi bilanciamenti? Se dovessimo fare una media, direi sotto la sufficienza, poiché i nerf sono stati sopra la media, ma i buff molto deludenti. Blizzard ha dichiarato che i buff sono orientati di più ai futuri contenuti, ma i giocatori di Hearthstone non possono ricevere una patch che però guarda alle future patch. È un cane che si morde la coda all’infinito, o almeno cerca di mordersela. Però spezzerei una lancia a favore dei dev: ancora una volta voglio sottolineare la loro vicinanza alla community con frequenti aggiornamenti e consideriamo anche che bilanciare al 100% un gioco non è di certo una passeggiata.

Che ne pensate? Fateci sapere la vostra…

Articoli correlati: 

Apparsa una misteriosa missione leggendaria. Errore o regalo di Blizzard?

Apparsa una misteriosa missione leggendaria. Errore o regalo di Blizzard?

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Missione Hearthstone – Difficilmente oggi avremmo avuto notizie su eventi o soprattutto bilanciamenti, come abbiamo visto nello scorso articolo. Eppure ai giocatori una novità è apparsa, ma senza nessun annuncio ufficiale.

Stiamo parlando di una curiosa quanto misteriosa missione, apparsa probabilmente a tutti i giocatori della Locanda. Questa missione era inaspettata e perdipiù è leggendaria quindi assicura una ricompensa maggiore rispetto ai soliti XP.

Infatti questa missione, denominata “Un assaggio di Animum“, con il semplice utilizzo di 5 carte con Infusione dà l’opportunità di ottenere una bustina della nuova espansione, Assassinio al Castello di Nathria.

Aggiungiamo che a quanto pare questa missione ha un timer: bisognerà completarla in 7 giorni. Non sappiamo, poi, ancora se a conclusione di questo periodo di tempo ne arriveranno altre o se sarà una tantum.

Ancora al momento nessuna notizia ufficiale da parte di Blizzard quindi è lecito chiedersi se questo sia stato un errore, una missione sfuggita da un futuro evento o semplicemente un regalo da parte degli sviluppatori.

Non ci resta che attendere ulteriori informazioni. Nel dubbio approfittatene e cercate di completarla il prima possibile.

Che ne pensate di questa situazione misteriosa?

Articoli Correlati:
In arrivo bilanciamenti prima del prossimo Masters Tour? La risposta dei dev

In arrivo bilanciamenti prima del prossimo Masters Tour? La risposta dei dev

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Masters Tour bilanciamenti- La nuova espansione di Hearthstone, Assassinio al Castello di Nathria, è ai suoi primi momenti di vita, ma pian piano arrivano le conferme dei migliori mazzi/carte del meta. E sappiamo benissimo che con ciò arrivano le prime richieste di nerf dalla community.

ImpLock, Skeleton Mage, Face Hunter, sono tanti i mazzi ai quali viene richiesto un nerf (giustamente o ingiustamente sottolineiamo) ed a tutto questo, ovviamente, i dev tendono l’orecchio.

A queste prime richieste, però, arrivano anche le preoccupazioni dei giocatori competitivi che mai apprezzano cambi in dirittura di un torneo importante.

Per questo motivo è stato chiesto agli sviluppatori se prima del Masters Tour, in arrivo questo fine settimana, ci saranno cambiamenti al meta tramite bilanciamenti.

La risposta dei piani alti di Blizzard è arrivata velocemente ed è risuonata con un grande “no”.

Non ci saranno variazioni né modifiche prima del prossimo Masters Tour, quindi prima di una decina di giorni non si vedrà nulla di nuovo. Per i giocatori competitivi sarà sicuramente un bene, forse per i giocatori di Ladder, o i casual player, un po’ meno.

Che ne pensate di questa scelta di Blizzard? È condivisibile o c’è un impellente bisogno di bilanciamenti prima del Masters Tour?

Articoli Correlati:
Ci sono leggendarie più rare di altre? Forse sì!

Ci sono leggendarie più rare di altre? Forse sì!

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Leggendarie Hearthstone – Una delle grandi certezze di Hearthstone è sempre stata quella delle percentuali di ottenimento delle varie carte. Ogni carta è ugualmente ottenibile rispetto ad un’altra della sua stessa rarità, ma se questa regola avesse eccezioni?

Con l’introduzione della nuova espansione di Hearthstone, sono molti i giocatori che si sono domandati come ottenere le versioni dorate delle carte del Percorso Ricompense, poiché non craftabili. Un esempio è Principe Renathal, che però è ottenibile al livello 40 del Pass a pagamento.

Caso diverso, a quanto pare, per il protagonista dell’espansione, Sire Denathrius, ottenibile nella sua versione normale al livello 1 del Percorso Ricompense gratuito (quindi disponibile per tutti).

Ma la sua versione dorata?

La versione superiore del Sire ha una storia strana poiché non è né ottenibile tramite Percorso Ricompense, né è possibile craftarla.

E allora come la si può ottenere? Il dubbio è venuto a molti, ma sono stati i dev che hanno risolto il mistero.

Sire Denathrius dorato è possibile ottenerlo tramite pacchetti, ma solamente quando tutte le leggendarie dell’espansione sono state collezionate (questo per la “protezione duplicati” del gioco).

Strano però l’aggettivo usato per descrivere questa carta dorata: è stata definita infatti ULTRA RARA. Ciò vuol dire che a livello di percentuali è più difficile che esca a differenza di qualsiasi altra leggendaria dorata?

Purtroppo non ne abbiamo la certezza, ma la difficoltà è sicuramente superiore anche solo per il fatto di dover finire tutta la collezione di leggendarie di Assassinio al Castello di Nathria prima di avere la POSSIBILITÀ di collezionarla.

Non ci resta che attendere prima di vedere se si darà l’opportunità di ottenerla tramite dust in futuro o si lascerà questa possibilità a pochi eletti.

Che ne pensate di questa idea? È giusto “aumentare” la difficoltà di ottenimento di alcune leggendarie (ovviamente solo nelle sue versione avanzate)?

Articoli Correlati: