Altra novità in ladder: Liquidox si piazza in Legend con il suo Quest Hunter!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Un’altra interessante novità è stata da poco proposta nella ladder standard di Hearthstone, e questa volta si tratta di un mazzo del Cacciatore Rexxar che si è rivelata essere particolarmente indicata contro i mazzi dello Sciamano ed i molti aggro presenti in ladder.

Il suo utilizzatore e creatore, il giocatore Liquidox, è riuscito a vincere 35 partite sulle 48 totali giocate, una performance ottima che diventa straordinaria se si vanno a vedere unicamente le vittorie conseguite contro i mazzi di Thrall: il Quest Hunter è infatti riuscito a sconfiggere gli Sciamani in 18 delle 19 partite giocate, un vero e proprio dominio per questa “nemesi” di Quest ed Aggro Shaman, che se confermata potrebbe presto diventare un vero e proprio problema per molti giocatori della ladder.

Come affermato dallo stesso Liquidox, la lista è risultata essere positiva anche contro le versioni Aggro del Paladino ed anche contro le versioni Combo del Sacerdote…insomma un deck assolutamente consigliato per questo specifico momento della ladder.

Insieme a questa lista, andremo poi a vedere altri due specifici aggiornamenti ovvero una versione dello Chef Nomi Priest usata da Tyler fino al rank #32 del Legend, ed una dell’Aggro Evolve Shaman usata fino al #15 Legend dal giocatore Silvors, due mazzi dal costo medio che ci potrebbero garantire degli ottimi piazzamenti in ladder.

Blizz mostra il primo teaser sulla nuova espansione di Hearthstone!

Di seguito andiamo a riportare tutte le liste in questione. Vi auguriamo una buona consultazione ed un buon divertimento.

Le liste

ClasseNome Mazzo
Aggro Evolve Shaman da #15 Legend di Silvors
Chef Nomi Priest da #32 Legend di Tyler
Quest Hunter da #300 Legend di Liquidox (35W-13L)
Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.