ULTIMI MAZZI

Guarda tutti i mazzi
Aleco spiega le scelte dietro i bilanciamenti della Patch 24.0.3. Occhio a Edwin!

Aleco spiega le scelte dietro i bilanciamenti della Patch 24.0.3. Occhio a Edwin!

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

La Patch 24.0.3 verrà ricordata per essere una delle più corpose in fatto di bilanciamenti, soprattutto in direzione buff. Ben 22 sono le carte che sono state potenziate e, oltre che sull’articolo ufficiale, il buon Aleco ha spiegato la scelta dietro queste variazioni.

Per il Game Designer non bastavano le righe utilizzate sul sito, scritte insieme ad Nicholas “DeckTech” Weiss, ma ha voluto ulteriormente spiegare il perché il team abbia fatto determinate scelte.

Per tutta la squadra la situazione dei Top Tier deck non era poi così male, ma ascoltando la community hanno voluto comunque depotenziare carte che effettivamente erano da tempo problematiche (o lo sono da questa nuova espansione).

Ma era la situazione delle classi di basso Tier che hanno preoccupato Aleco e compagni. Classi sotto il 40% di winrate (come DH e Warrior) erano inaccettabili e per questo si è puntato molto sui buff a queste ed altre classi problematiche.

Resta, però, una domanda della community, che Aleco ha voluto spiegare: perché buffare il Rogue e soprattutto Edwin? Aleco Gereco ha spiegato che il team ha confermato i bilanciamenti ben prima dell’arrivo dell’ultimo Masters Tour e quindi ben prima dell’ottima prestazione di Lambyseries e del suo Rogue.

Per questo motivo, nonostante i bilanciamenti non siano stati ritoccati, il Game Designer non esclude che Edwin possa venir ritoccato con un nerf nel breve futuro.

Se avessimo visto il MT prima di bloccare i bilanciamenti del Rogue, avremmo comunque buffato Edwin? Non penso lo avremmo fatto, ma ciò non vuol dire automaticamente che questo cambiamento sarà cattivo per la salute del gioco

Aleco chiude, poi, le sue spiegazioni parlando della combo Kael’thas/Brann/Sire Denathrius. Sicuramente la combo è fenomenale, ma non si allontana dall’idea degli sviluppatori per queste carte: ottime finisher. Fatto sta che saranno tenute d’occhio con l’arrivo di questo nuovo meta.

QUI potrete trovare tutta la spiegazione nel TwitLonger del Game Designer

Che ne pensate delle spiegazioni di Aleco Gereco per questi cambiamenti della Patch 24.0.3?

Articoli Correlati:
Vediamo le nuove carte svelate del miniset: Warlock, Rogue e Priest

Vediamo le nuove carte svelate del miniset: Warlock, Rogue e Priest

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Continuano ancora i reveal delle carte del nuovo miniset di Hearthstone La Fauce è Uguale per Tutti. Questa volta vedremo insieme sia le carte del Warlock, che quelle del Rogue, che quelle del Priest che si mostrano ufficialmente per il miniset.

Arrivato il momento dei reveal delle carte di classe e nella serata di ieri, Blizzard, ha svelato 3 classi molto importanti: Rogue, Warlock e Priest.

Il Priest sta cominciando ad avere una direzione ben definita che lo porta ad usufruire pesantemente delle carte dell’avversario (utilizzate anche per removal, come potete vedere da Accusa di Furto).

Il Warlock presenta carte molto diverse tra loro: arriva un nuovo supporto all’ImpLock, una particolare carta resurrect e la sua personalissima Magia Accusa (di Incendio Doloso).

Passando al Rogue, invece, dopo aver visto la Magia Accusa durante l’annuncio del miniset, ora vediamo un nuovo Segreto sempre attivabile, e una nuova carta Tempo del Rogue con Assalto.

Anteprima Carte miniset – Warlock, Rogue e Priest

Che ne pensate delle carte del Warlock, del Priest e del Rogue del miniset?

Articoli correlati: 

Svelata l’Avvocata dell’Accusa: ecco Mel’tranix

Svelata l’Avvocata dell’Accusa: ecco Mel’tranix

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Continuano i reveal del nuovo miniset di Hearthstone La Fauce è Uguale per Tutti e dopo aver visto i due protagonisti opposti della vicenda, arriva un nuovo personaggio, Mel’tranix, l’avvocata dell’accusa.

Già, il nome segue molto il ruolo del personaggio nella faccenda: Avvocata d’Accusa Mel’tranix è la nuova Leggendaria del miniset, appena svelata da Blizzard. La classe di appartenenza è quella del Cacciatore di Demoni e si capirà anche dal suo effetto.

Mel’tranix è una 4 Mana Demone con 2 Attacco e 6 Salute. Il suo effetto richiama la sua classe anche se si oppone all’avversario.

Il suo testo recita: “Grido di Battaglia: nel turno successivo, l’avversario può giocare solo le sue carte più a sinistra e più a destra“.

Nel modo in cui è scritta in italiano, significa che il nostro avversario, per giocare le carte che vuole, deve farlo in un ordine un po’ forzato dovendo partire dai bordi della sua mano.

Ciò, ovviamente, in molte circostanze significa che non riuscirà davvero a giocare ciò che vuole.

Anteprima Carta

Che ne pensate della nuova Mel’tranix?

Articoli correlati: 

Svelato anche Il Carceriere e 3 nuove carte del miniset

Svelato anche Il Carceriere e 3 nuove carte del miniset

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

In pochissimo tempo siamo già dentro i reveal delle carte del nuovo contenuto di Hearthstone: il miniset La Fauce è Uguale per Tutti. Dopo aver visto Sylvanas, Blizzard ci presenta la sua “controparte”, Il Carceriere, e tre altre nuove carte.

Il Carceriere è una nuova Leggendaria Generica da 10 Mana con un body da 10 attacco e 10 Salute, il cui effetto è assolutamente incredibile. Per un grande malus arriva la quasi invicibilità dei propri servitori.

Il testo della carta infatti recita: “Grido di Battaglia: distrugge il tuo mazzo. Per il resto della partita, i tuoi servitori sono Immuni“.

Carta con un potenziale enorme, ma difficile da usare nel momento perfetto.

Altre tre carte, poi, sono state svelate: una Comune, una Rara ed un’Epica. Tutte carte di supporto atte o a potenziare la propria strategia o a distruggere quella avversaria.

Abbiamo un servitore che si scambia con uno avversario, uno che permette ai propri servitori di accumulare Infusione anche nel mazzo ed un altro che non permette ai Segreti di rivelarsi.

Anteprima Carte

Che ne pensate di queste nuove carte? E de Il Carceriere?

Articoli correlati: