Ultime novità dal competitivo, e non, di Gwent

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Salve a tutti, pensiamo un attimo al gioco. Gwent è stato, finora, caratterizzato da grandi periodi di calma “videoludica” intervallata da grandi cambiamenti, dovuti ad aggiornamenti e miglioramenti del gioco. Al momento il competitivo di Gwent è sempre risultato solido e anche statico, con i suoi 3 team più rilevanti (Evil Genius, Gwentelmen e Complexity), ma c’era bisogno di aggiornare qualcosa, cambiare le carte in tavola e mischiare il mazzo.
Dopo la decisione di cambiare la durata di ogni stagione (da 2 a 1 mese), si sono susseguite una serie di notizie interessanti. Vediamo quali:

“Sciopero” di Swim

Molti di voi lo sapranno già, ma il più importante streamer al mondo di Gwent, aveva di recente annunicato uno “sciopero” dello streaming di Gwent per via dei bug del gioco.
La risposta di CDProjektRed, in merito allo “sciopero”, fu quella di rassicurare i giocatori (non tanto lo streamer) che un aggiornamento sui bug era già pronto e in attesa del lancio.
Così è stato poco tempo dopo e il giocatore è tornato sui suoi passi, anche se presente come prima.
L’utilizzo della parola sciopero è un po’ fuori significato, ma il gesto simbolico è stato sicuramente apprezzato dalla community. Non sono mancate le critiche al giocatore, ma penso che tutto fosse già stato calcolato da Swim.

JJPasak bannato

Anche questa notizia ha una settimana circa, ma andava trattata.
Tutti conoscevano lo streamer, non tanto per la sua qualità di gioco, ma per il suo flame e trashtalking, per i più anche fastidioso.
Da tempo, durante gli streaming e su Twitter il giocatore era solito insultare, o offendere un membro del team di sviluppo della CDProjektRed. Inutile dire che dopo i primi richiami formali è scattata la punizione: con un “comunicato” su Twitter la CDProjektRed ha bloccato, e quindi bannato dal gioco, l’account GOG del giocatore, impedendogli di utilizzare la piattaforma, non solo il gioco.
C’è stata una richiesta esterna di fargli chiudere anche l’account Twitch (richiesta non formale, da parte della community). Il team di CDProjektRed, però, non si è mosso in quell’ambito volendo punire l’atto, non il modo di intrattenere del giocatore.

Gwentelmen diventa TopDeck

Uno dei team più influenti della scena competitiva e non di Gwent, ha deciso di cambiare aspetto, ma non la sostanza. Difatti l’obbiettivo di fare analisi, notizie shoe ed eventi rimane, ma sotto un’altra faccia, quella di TopDeck appunto. Nell’ ormai passato team Gwentelmen c’erano giocatori del calibro di Swim e Freddybabes che hanno segnato la storia del competitivo e della ladder di questi ultimi mesi di Gwent. Che possa essere proprio un allargamento degli orizzonti, per inserirsi in altre realtà, magari sempre inerenti ai giochi di carte?

Freddybabes non passa TopDeck

Quello che risulta essere il più forte giocatore di Gwent, visti i suoi numerosi risultati nei vari tornei (l’unico giocatore che vanta di aver vinto ogni categoria degli stessi: GwentSlam, GwentOpen e GwentChallenger), ha deciso di non rinnovare il contratto con la vecchia famiglia Gwentelmen (ora TopDeck) e passare al team Complexity, nel quale ci sono giocatori come Merchant (che per lo più si limita al commento e intrattenimento per il titolo) e SuperJJ (uno dei più presenti nei vari tornei).
Ovviamente sono seguiti i migliori auguri da parte di tutti gli ex compagni del team.

Con questo possiamo concludere la sezione notixie, aspettando la fine della stagione, per un aggiornamento del gioco, aggiornamento che dovrebbe bilanciare il gioco e la magari la sua fluidità.
Vi auguro un buon divertimento.
Paesano.

 

Eugenio "Paesano" Fofi

Studente di ingegneria elettronica all'università La Sapienza, di Roma. Appassionato di giochi e videogiochi fin da bambino. Passione trasformata in informazione, studio e competizione. Giocatore di giochi di carte on-line e non, di sparatutto e Moba, con discreti risultati nei tornei raggiungibili. Obiettivo: far conoscere e valorizzare gli e-sports, spesso sottovalutati o addirittura sconosciuti