Torna online il PTR e analisi dei probabili bilanciamenti

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Salve a tutti, qui è Paesano.
La CDProjektRed ha riaperto tutti i giocatori il PTR (Public Test Server), così da avere un feedback migliore, da parte della community e poter visualizzare il prima possibile eventali bug del gioco. Ovviamente con il rilascio del PTR, sono stati svelati tutti i bilanciamenti che potremo vedere per la prossima patch. Il server rimarrà disponibile ai giocatori fino al 5 febbraio.

Analisi dei bilanciamenti

Potrete trovare tutti i bilanciamenti del PTR su questo link, così da poterli visionare e riscontrare le analisi ora proposte.

  • Neutrali:
    La prima cosa che salta all’occhio è proprio un bel buff a Ciri:Nova, che passando a 22 di forza, evita il famigerato Geralt:Igni. La ovvia conclusione è che i mazzi saranno pieni di Scorch e tutti in x2 con la gold più forte del gioco.
  • Scoia’tael:
    Scoia’tael è la fazione che più di tutte ha subito il famigerato nerf richiesto dalla community, carte come Elven Scout e Dwarven Agitator, sebbene hanno perso un solo punto di forza, sono state le carte più colpite del nerf generale. Iorveth: Meditation, che ora potrà selezionare solo nemici sulla stessa linea, risulterà molto più situazionale e probabilmente verrà sostituito da Schirrù.
  • Skellige:
    Per Skellige, ritroviamo i nomi dei clan sulle carte, cosa da poco conto per il gioco, ma importante per la community. Troviamo dei piccoli buff per le carte che sembravano sparite come il Veterano, Flaminica e il Greatsword, ma la nota dolente risulta essere il nerf di Restore, che ora assegna anche il tag “dannato” alla carta che riprende dal cimitero, così da evitare un abuso della carta.
  • Regni Settentrionali:
    Piccoli buff per quanto riguarda la fazione dei re, esclusa Shani, forza ridotta per evitare il classico abuso del terzo round. La fazione con meno bilanciamenti e forse al momento anche la più bilanciata.
  • Nilfgaard:
    Non vediamno neache qui particolari modifiche, o pesanti buff o nerf, ma più un bilanciamento del gameplay, come Slave Driver che passa a 1 di forza, e una caratterizzazione delle carte, come Treason, che ora fa duellare 2 nemici adiacenti.
  • Mostri:
    L’unica fazione che risulta trarre un minimo di vantaggio “numerico” da questa serie di bilanciamenti è proprio la fazione della Wild Hunt. Buff che coprono un po’ tutto il fronte delle carte giocote poco (Caranthir e Kayran) e quelle della carte mai giocate (Lamia e Bridge Troll). Chissà se riusciremo a vedere carte come queste nelle liste dei giorni futuri.

E le spie argento per il card advantage?

Le famose spie, di cui vi lascio un’analisi di un precedente articolo: link bello, risultano “bloccate” o proprio buggate.
L’idea è che CDProjektRed non voglia svelare tutte le carte prima del tempo, così da ricevere dei feedback sul bilanciamento e poi presentarci le “nuove” spie, o magari ritratte completamente l’idea e proporci quindi nuove carte.

Chissà cosa dovremo aspettarci. Nel frattempo diteci la vostra. Siete soddisfatti, vorreste altri cambiamenti/bilanciamenti? Avete delle idea per le spie? Aspettiamo vostri pareri.
Nel frattempo vi auguro un buon divertimento.
Paesano.

Eugenio "Paesano" Fofi

Studente di ingegneria elettronica all'università La Sapienza, di Roma. Appassionato di giochi e videogiochi fin da bambino. Passione trasformata in informazione, studio e competizione. Giocatore di giochi di carte on-line e non, di sparatutto e Moba, con discreti risultati nei tornei raggiungibili. Obiettivo: far conoscere e valorizzare gli e-sports, spesso sottovalutati o addirittura sconosciuti