Viaggi nel tempo: le leggendarie parte 2


Da quando venne pubblicato World of Warcraft ad oggi Blizzard ha sempre implementato nel gioco oggetti di potenza incredibile chiamati Leggendari. Che siano Armi o Armature questi oggetti raccontavano parti di storia che gli amanti del Lore hanno sempre definito Eccezionale. Vediamo ora insieme come riuscire ad aggiungere alla propria collezione questi oggetti utili per avere le relative prove di forza, impresa di gilda o semplicemente armi fortissime che fanno la differenza nei relativi viaggi del tempo (dell’espansione o quelle inferiori).


Le Leggendarie di Cataclism


 Dopo i fasti di Wotlk ed un inizio di Cataclysm, giudicato da molti player insoddisfacente, dove la casa madre non aveva fatto annunci riguardanti oggetti leggendari con la prima patch e l’apertura delle Terre del fuoco apparve anche Drachira requie di Tarecgosa. Per ottenere questa staffa bisogna affrontare una serie di missioni che
ti porta a dover completare più volte il relativo raid e affrontare missioni da completare esclusivamente da solo per completare tutti gli step. Questa staffa è ottenibile solo dalle classi “caster” che possano usare le staffe e possano quindi accedere alla missione iniziale. Quando finalmente usci la patch 4.3 (l’ora del crepuscolo), l’ultima di Cataclysm saltò subito all’occhio dei giocatori la presenza di due elementi che hanno segnato la storia di questo gioco: il raid finder, una modalità dove i giocatori potevano mettersi in coda con altri giocatori da tutti i reami per affrontare una versione più semplice del raid; e le Zanne del progenitore la prima arma leggendaria disponibile solo per una
classe, il ladro! Per ottenere questi straordinari pugnali bisognava borseggiare il 4° boss del raid per ottenere la missione iniziale e una cifra importante per poter proseguire (10000 gold). Anche la serie di scenari fuori dal raid erano particolarmente difficili ( qui trovate la video guida) portando un giocatore casuale della classe a desistere ma una volta superati gli “scogli” degli scenari le altre quest erano di solo raccoglimento di oggetti dai boss del raid. Compare in questa serie di missioni
Irathion, detto il Principe Nero, (Wrathion in lingua inglese)
 il controverso figlio di Neltharion (Alamorte/Deathwing) che ritroveremo anche a Pandaria nelle quest per il mantello leggendario e intravediamo a warlods of draenor alla fine delle missioni per l’anello leggendario.

 

 

 

 

Consigli e Suggerimenti

Allo stato attuale delle cose non ci sono fasi “difficili” con un personaggio di livello superiore al 90. la pazienza è un requisito indispensabile per ottenere queste leggendarie e il tempo da dedicargli è il requisito al secondo posto. In media serve dal mese ai due per completarle. La staffa è quasi vitale per tutte le classi dps caster in tutti i viaggi nel tempo, il suo effetto di “replicazione” ben si sposa con le attuali necessità di queste classi, in particolare per quelle che fanno della replicazione la propria forza. Diverso è il discorso per i pugnali, nei viaggi del tempo di tbc per un ladro combattimento le Lame da guerra di Azzinoth sono la scelta più consigliata in tutti gli altri casi il bonus dei due pugnali è fantastico, agilità che aumenta colpo dopo colpo e la possibilità di guadagnare 5 punti combo con ogni mossa risolutiva vi farà fare un balzo incredibile nella lista dps.


Le Leggendarie di Mist of Pandaria


Quando venne annunciata Mist of Pandaria i giocatori più vecchi erano molto curiosi di capire che leggendaria avrebbero inserito nell’espansione. Quando si trovarono davanti Irathion pensarono subito ad un oggetto limitato a una o poche classi, ma per l’ennesima volta Blizzard sorprese tutta la comunità mettendo a disposizione i mantelli dei protettori di Pandaria, questi 4 mantelli disponibili in 6 versioni erano oggetti di incommensurabile potenza.  Per ottenere questi mantelli bisognava raccogliere oggetti nei raid della patch in corso, la reputazione col nostro simpatico draghetto e le missioni assegnateci per poi aspettare la patch successiva per poi iniziare da capo il procedimento da capo, e questo fino all’uscita della patch 5.4 (L’Assedio di Orgrimmar) dove finalmente la versione definitiva dei mantelli vide la luce. Con l’uscita di WoD Blizzard decise di rimuovere le missioni e la possibilità di ottenere questi oggetti.

Consigli e Suggerimenti

Per i viaggi nel tempo questi mantelli sono spettacolari per tutte le classi e tutte le specializzazioni, soprattutto in abbinamento con altri oggetti leggendari.


Le Leggendarie di Warlords of Draenor


Arriviamo ai tempi attuali, in Wod Blizzard decise di continuare con la strada già iniziata con MoP e fare un oggetto disponibile per tutte le classi e specializzazioni. L’anello dell’arcimago al contrario dei mantelli è presente in 5 versioni rendendo più semplice la scelta giusta ai giocatori. La particolarità di questo oggetto è la possibilità di potenziarlo fino ad un livello oggetto (795) molto vicino a quelli presenti nella prossima espansione (legion).

Consigli e Suggerimenti

Con l’uscita della patch 6.2 (Furia Infernale) le missioni delle precedenti patch possono essere completate più velocemente rendendo l’ottenimento della versione base leggendaria (735) in modo più veloce e semplice. Portarlo poi alla massima potenza (795) richiede di uccidere Archimonde (il boss finale del raid attuale) in modalità normale o superiore oppure spendere 1250 punti valore. Inoltre Blizzard ha già annunciato che con legion rimuoveranno le quest per ottenere questo oggetto quindi se siete interessati ad ottenere questo oggetto dovreste iniziare ora. Nei viaggi nel tempo anche questo oggetto come i suoi colleghi più antichi fa sentire la differenza in maniera sensibile per tutte le classi.