Scandalo molestie anche in Italia: licenziato manager esport

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Aggiornamento 28 luglio 2020: In riscontro ad un’espressa richiesta pervenuta alla redazione si ribadisce, come già chiarito nell’articolo originale, che Francesco “itsmeuen” Marchetti non aveva alcun legame con la società per cui ricopriva il ruolo di manager, con cui alla data degli eventi sotto descritti non era neanche in rapporti e che comunque tali azioni non erano a conoscenza del team al momento della costituzione del rapporto lavorativo tra coach e team stesso. Non è quindi mai stata nostra intenzione paventare alcun tipo di coinvolgimento della società con i comportamenti perpetrati da itsmeuen.
Sicuri di aver chiarito la nostra posizione. 

Molestie di un Manager Esport- L’ondata di scandali relativi a maltrattamenti e molestie che ormai da mesi attanaglia il mondo dello spettacolo, del cinema, e dello sport sembra star tristemente continuando a rivelare nuovi episodi sempre più preoccupanti, anche nel mondo degli Esports.

In particolare, nelle ultime ultime 24 ore si è scatenato un vero e proprio putiferio all’interno della community italiana degli esport e più specificatamente in quella di League of Legends a causa della pubblicazione su Twitter di un intero documento di 23 pagine che richiude una serie di screenshot davvero inaccettabili.

Protagonista della vicenda, oltre a Stella, ragazza all’epoca quattordicenne (i fatti risalgono al 2018), è il Manager di un team Esport italiano Francesco “itsmeuen” Marchettiche da maggio scorso collaborava con un team della scena, dopo un passato negli YDN Gamers.

Il Manager e le molestie ad una 14enne – la vicenda e le reazioni

Nel lunghissimo e dettagliato documento (del quale potete prendere visione a questo link, ma vi avvertiamo che non è un bello spettacolo) la ragazza vittima degli abusi di itsmeuen racconta per filo e per segno le meccaniche della loro “relazione”, iniziata poichè “eravamo amici, e giocavamo spesso a League of Legends insieme” e che da subito presentava degli aspetti non proprio ideali per un’amicizia: “Mi faceva complimenti ogni volta che parlavamo” confessa la ragazza  “non pensavo fosse una cosa malintenzionata ai tempi ma ora sono molto sicura che mi diceva cose simili per farmi affezionare a lui in modo da usarmi più tardi“.

Il comportamento tenuto dal Manager di un team esport italiano era infatti ben presto sfociato nelle molestie vere e proprie: richieste di foto e video, domande sconce e poco appropriate (soprattutto per l’età della ragazza coinvolta), proposte di “scambio” di regali in cambio di potete immaginare cosa. Il tutto condito da quelli che per una ragazzina di 14 anni sembravano complimenti sinceri di una persona che sembrava davvero interessata e che la hanno portata a continuare il rapporto almeno fin quando lei, sempre più ansiosa e spaventata, non ha deciso di bloccarlo e tagliare ogni rapporto.

Inutile dire che la vicenda, andata avanti per più di anno tra il 2018 e la fine del 2019, ha ottenuto da subito un forte riscontro sopratutto su Twitter, dove è stata postato, da un’amica della ragazza, il link che vi abbiamo riportato poco sopra: dopo poche ore dallo scoppio dello scandalo lo stesso Francesco “itsmeuen” Marchetti ha pubblicato un tweet in cui ammetteva che quello che si legge nel documento corrisponda alla verità, per poi chiedere scusa e annunciare: “ho bisogno di un periodo di pausa per prendermi cura di me stesso andando in terapia“.

In seguito a ciò, lo stesso itsmeuen ha provveduto a cancellare il suo account Twitter. Quanto queste scuse possano essere sincere, e quanto invece siano di “comodità” per provare a mettere una pezza alla valanga social che si è riversata su di lui, non ci è dato saperlo.

Oltre a varie personalità dell’Esports italiano, a prendere una dura posizione nei confronti dell’ex-giocatore di League Of Legends è stata in primis la sua ex organizzazione, che in un Tweet ha annunciato di aver interrotto ogni tipo di collaborazione con l’ormai ex manager, dissociandosi da quanto successo e dal suo riprovevole comportamento.

A prendere le distanze dal 24enne anche PG Esports, che sempre su Twitter annuncia (stavolta tramite un Tweetlonger) di aver terminato ogni tipo di rapporto lavorativo con itsmeuen, vietando “a quest’ultimo di partecipare o presenziare a qualsiasi evento organizzato o gestito da PG Esports, in qualsiasi tipo di veste o ruolo” e precisando che questa sospensione durerà a tempo indefinito.

Articoli Correlati

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701