Perché negli esport l’attività fisica è fondamentale

Perché negli esport l’attività fisica è fondamentale

Profilo di Victor
 WhatsApp

Benvenuti gentili lettori, il mio nome è Victor e oggi voglio spiegarvi Perché negli esport l’attività fisica è fondamentale. Nell’articolo “Legends of Runeterra non è uno sport: un pregiudizio italiano da sfatare” avevo spiegato come mai l’esercizio fisico fosse necessario per mantenere la concentrazione in quanto lo sforzo mentale si manifesta fisicamente. Lascio qua sotto la parte di testo in cui spiego velocemente l’argomento.

Ripensa alla tua ultima partita intensa: quando il risultato era sul filo del rasoio e dovevi ragionare su ogni mossa avversaria, quindi mantenere al massimo la concentrazione per fare la giocata corretta, in quanto ti importava del risultato.

Dopo ore di ban, giocate e pensate, senti di essere esausto, sia nel corpo che nella mente. Questo perché lo sforzo mentale si manifesta fisicamente. Una dura partita a Legends of Runeterra può aumentare la frequenza cardiaca, la pressione sanguigna, la sudorazione. Tutto ciò anche se le uniche attività fisiche fatte sono muovere le carte e allungare la mano per prendere le patatine di fianco a te.

Non solo, l’allenamento fisico è fondamentale per giocare al meglio un torneo di Legends of Runeterra. Avere un corpo allenato permette di mantenere la concentrazione per un maggior lasso di tempo. Quindi l’allenamento fisico è estremamente utile.

Prima di proseguire voglio ricordarvi che, se volete essere sempre aggiornati sui miei articoli potete seguirmi su facebook o instagram.

Perché negli esport l’attività fisica è fondamentale

Ciò che ho scritto nel preambolo però è privo di fondamenta scientifiche. Come fai a dimostrare che l’esercizio fisico è fondamentale negli esports? Per rispondere a questa domanda mi affiderò agli scacchi, in particolare, alla tesi di Geller Yakov Vladimirovich (Геллер Яков Владимирович), il quale è riuscito a dimostrare l’importanza dell’allenamento fisico nello sport sopra citato.

Ogni esport presenta dall’altro differenze evidenti, anche se appartenenti alla medesima categoria, di conseguenza la diversità è nettamente presente anche fra scacchi ed esport.

Detto ciò, le somiglianze sono moltissime, inoltre l’allenamento fisico influisce sulla capacità di mantenere la concentrazione per lunghi periodi. Questa cosa è estremamente utile nei tornei, i quali possono durare anche diverse ore.

Prima di proseguire, se voleste leggervi la tesi essa è presente solamente in russo, ma potete cliccare qui per trovarne il PDF. Il testo è stato supervisionato dal professore M. Ya. Vilensky (профессор, М.Я. Виленский) ed è stato pubblicato nel 2016 dall’Università Statale Togliatti, Istituto di Cultura Fisica e Sport, Dipartimento di Cultura Fisica e Sport.

L’obbiettivo della tesi è quello di dimostrare il collegamento dell’attività mentale a quella fisica. Per farlo prende 2 gruppi di studenti e li analizza. La differenza sostanziale è che uno si sottopone ad allenamenti fisici, mentre l’altro no.

Ora: è fuor da ogni dubbio che i 2 gruppi non siano formati da persone identiche, ma sono stati comunque presi giocatori dalle capacità indubbiamente simili.

La tesi dimostra anzitutto come gli esercizi servano a mantenere alte le prestazioni degli atleti durante le partite. Le attività che maggiormente influiva positivamente sugli atleti era quella aerobica che avesse un maggiore apporto di sangue al cervello. Infine i miglioramenti del gruppo che praticava attività fisica è diventato più netto a metà e a fine esperimento.

Questo spiega anche perché i migliori giocatori di scacchi facciano costanti allenamenti fisici e, a volte, pratichino anche altri sport. Indubbiamente gli esport sono giovani, ma potrebbero imparare molto da questo mondo, in particolare allenamenti fisici e, in alcuni casi, anche mentali.

Conclusione

Onestamente spero che questo articolo aiuti molti giocatori a capire perché è importante fare allenamento fisico per avere buoni risultati. Spesso infatti si pensa che questi non sia fondamentale, ma non è così, e dobbiamo essere noi giocatori i primi a pensarla così e ad allenarci.

Prima di concludere sappiate che sono sempre pronto al dialogo e alle critiche costruttive, motivo per cui, se avete dubbi, incertezze, o se avete notato qualcosa che, a vostro parere, va corretto, non fatevi problemi a contattarmi sulle mie pagine facebookinstagram, sarò più che contento di discutere con voi della questione.

Apex Legends Mobile ha una Leggenda esclusiva, ecco la storia e le abilità di FADE

Apex Legends Mobile ha una Leggenda esclusiva, ecco la storia e le abilità di FADE

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Finalmente è il grande giorno, oggi ci sarà il lancio di Apex Legends Mobile e la community è già curiosissima di sapere tutte le novità che Respawn inserirà per rendere questo titolo uno dei più importanti per il mercato da Mobile, tra le quali spunta anche una nuova Leggenda, FADE.

Gli sviluppatori ci hanno tenuto a specificare che le due versioni del gioco vengono gestite da team di lavoro totalmente diversi, ognuno con la propria sede e con idee e progetti totalmente diversi. Per questo la versione Mobile del gioco avrà addirittura una Leggenda che non si era mai vista sulla versione classica.

Di seguito andiamo a vedere tutte le informazioni che per ora abbiamo su FADE, comprese le sue abilità, i suoi punti di forza e le sue debolezze rispetto al resto dei personaggi che avremo modo di sbloccare man mano che andiamo avanti di livello nel gioco.

FADE è la Leggenda esclusiva di Apex Legends Mobile, i dettagli

Come potete vedere dall’immagine poco più in basso, Fade è il nickname del Solaciano Ignacio Huamani, membro di una famiglia di mercenari che gli stessi sviluppatori descrivono come un “combattente con una mobilità incredibile ed estremamente aggressivo”.

Il suo kit, a differenza delle altre Leggende, è stato pensato e sviluppato direttamente per la versione Mobile del gioco, il che lo dovrebbe rendere la perfetta esemplificazione della direzione che gli sviluppatori hanno voluto dare al gioco.

Fade bio in Apex Legends

Per quello che riguarda le abilità, questa Leggenda usa una tuta che gli permette di usare lo stesso potere del vuoto di Wraith. In game ecco quali saranno le sue personali abilità:

  • Passiva: Slipstream – Fade ottiene un breve aumento della velocità di movimento alla fine della scivolata.
  • Tattica: Flashback – La tuta di Fade lo trascina all’indietro attraverso un’altra dimensione, portandolo ad una posizione precedente.
  • Ultimate: Phase Chamber – Fade lancia un nucleo attivatore dalla sua tuta. L’esplosione risultante colpisce tutti i giocatori nel raggio per alcuni secondi, rendendoli incapaci di infliggere o ricevere danni. Se Fade si trova nel raggio dell’esplosione, riceverà invece un BOOST alla velocità di movimento.

Insomma, per ora è stato confermato che FADE rimarrà probabilmente un esclusiva della versione Mobile di Apex Legends, ma siamo certi che l’opinione degli sviluppatori possa cambiare come ha già fatto in passato. Che ne pensate community? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli Correlati:

 

Problemi con le armi su Apex Legends, ora si parla del ritorno del Volt

Problemi con le armi su Apex Legends, ora si parla del ritorno del Volt

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

La Stagione 13 di Apex Legends ha portato sicuramente una ventata d’aria fresca rispetto alle due stagioni precedenti, offrendo ai giocatori nuove meccaniche di gioco (con le armerie), un nuovo personaggio ed un nuovo split classificato nel quale provare a scalare i rank.

Grandi protagoniste di quest’ultimo aggiornamento sono state soprattutto le nuove rotazioni delle armi, con R301 e Rampage che sono entrate nei replicatori per fare invece spazio a Flatline, Spitfire e Longbow, di nuovo disponibili nel loot presente a terra e nelle casse rifornimento.

Alcune fette della community, tuttavia, non sono troppo felici dei cambiamenti. Se infatti guardiamo soprattutto alla sezione delle armi energetiche, vediamo che attualmente nessuna di queste è utilizzabile tranne il Volt, che rimane comunque un’arma a muzioni limitate presente solo nelle Capsule Assistenza.

Armi ed Apex Legends, il Volt tra le richieste della community

Proprio il Volt è tornato tra le richieste della community per la prossima Stagione di Apex Legends, dopo che su Reddit alcuni membri hanno postato alcuni messaggi di sconforto per la mancanza di armi energetiche competitive rispetto agli altri tipi di armi presenti nel gioco.

”Il gioco sarebbe molto più divertente con Volt e G7 Scout di nuovo a terra. Perchè queste armi sono state tolte? Tutti le amavano. Adesso nessuno usa le armie enrgetiche e l’R 301 è nel Replicatore, quindi l’unica vera arma leggera è l’R99. Perchè mai tutte le armi più divertenti, a parte la Wingman, vengono ogni volta tolte?”

L’intervento, che attualmente conta un incredibile 91% di upvote sul Subreddit ufficiale, ha sctenato gli animi della community, che ora torna a chiedere un rinnovamento più bilanciato delle armi, senza lo strapotere di quelle pesanti che finiscono inevitabilmente per cambiare drasticamente il gameplay.

Insomma, cosa ne pensate? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli Correlati:

Apex Legends: Le ranked sono più difficili? ImperialHal spiega che in realtà è colpa nostra

Apex Legends: Le ranked sono più difficili? ImperialHal spiega che in realtà è colpa nostra

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Le recenti modifiche alle ranked su Apex Legends, arrivate insieme all’aggiornamento della Stagione 13, hanno sicuramente migliorato la situazione, ma c’è ancora una certa percentuale di giocatori che ha ritenuto opportuno notare come effettivamente sia diventato ora più difficile scalare.

In particolare, le lamentele della community si sarebbero concentrate sulla Solo-Queue, ossia per tutti quei giocatori che per mancanza di tempo (e compagnia) si buttano in ranked da soli per cercare di scalare nonostante l’inettitudine dei random.

Prima di continuare con la lettura, in caso ve le foste perse, CLICCANDO QUI potrete consultare il nostro articolo d’approfondimento in cui spieghiamo esattamente tutte le novità ed il funzionamento del nuovo sistema delle Ranked su Apex Legends.

Le ranked su Apex Legends sono sempre state difficili

Interrogato durante una recente diretta streaming sulla sua opinione sul nuovo sistema classificato del Battle Royale di Respawn, il noto professionista dei TSM ImperialHal ha spiegato il suo personalissimo punto di vista.

”Le persone si lamentano del fatto che è difficile salire di livello perché sono in coda da soli. Secondo me comunque è giusto avere un rank oltre il quale non puoi andare avanti da solo. Alla fine si tratta di un gioco di squadra, bisogna giocarci con altri due premade. Se non lo fai, ti stai imponendo un handicap da solo e giustamente non dovrai superare un certo rank.

Insomma, cosa ne pensate community? Siete d’accordo con l’opinione di Hal? Come al solito non mancate di farci sapere la vostra con un commento qui sotto, oppure sui nostri canali social. A questi potrete accedere usando i pulsanti che trovate ad inizio pagina.

Articoli Correlati: