Oggi la release di INSIDIA – ecco le nostre impressioni definitive

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Fra poche ore andrà live il nuovo MOBA a turni di Bad Seed – INSIDIA , di cui vi abbiamo già accennato qualche giorno fa!
Il gioco, un 1v1 arena, ha la sua peculiarità nel sistema a turni che permette di pianificare le azioni nella fase “tattica” per vederle poi realizzate in quella “di risoluzione” che si andrà necessariamente a scontrare con le contro-mosse dell’avversario.
Abbiamo registrato un intero match per mostrarvi il tipo di gioco, dopo il quale parleremo in dettaglio dei 10 eroi presenti nell’Early Access (il gioco andrà live con un corposo update questo pomeriggio e al momento è inaccessibile con ETA di lancio alle 15.00 CET ndr)

Comparto Tecnico

Per la sua natura di MOBA, il gioco è molto fluido e non richiede particolari risorse. Con il motore UNITY sotto la scocca, girerà probabilmente su ogni macchina su cui lo proverete.
A livello grafico lo stile ricorda altri MOBA ma alcuni personaggi sono molto originali e ben caraterizzati.
Dal punto di vista sonoro, degna di nota è la colonna sonora, in pieno stile Punk-rock post-apocalittico, perfetto per il setting in cui è ambientato il gioco!

Il Gameplay

Il gioco si divide in due fasi : la fase Tattica e quella di Risoluzione.
Nella fase tattica si pianificano le mosse potendo spostare per ogni turno un solo personaggio, e col limite di non poter riutilizzare lo stesso eroe per due turni di fila.
Ciò garantisce ad entrambi gli sfidanti un margine su cui giocare, sapendo ad esempio che il personaggio appena mosso rimarrà fermo in quella casella per il turno successivo.
Lo scopo del gioco è quello di “sabotare” la base avversaria attraverso uno dei tre fori luminosi che si aprono via via che le difese della base vengono meno; queste saranno distrutte in vari modi  ovvero sparando col cannone al centro della mappa (fulcro degli scontri tra team) oppure saranno distrutte anche dal continuo respawn dei personaggi fino a quando, scomparse tutte e tre, la rinascita degli eroi sarà impedita totalmente (fino al Game over quando una delle due squadre viene obliterata)
In questo modo le strategie da affrontare saranno due : controllare per tre turni la piazza centrale e far sparare il cannone oppure vincere aggressivamente ogni team fight e tenere sempre una ratio K/D migliore del proprio avversario, costringendolo a respawn continui e quindi a sguarnire le difese della propria base.
Dal momento che anche solo uno dei tre cancelli della fortezza avversaria è distrutto, potremo cercare di sabotare il core della stessa e guadagnarci la vittoria; ovviamente con una sola porta giù, il nostro nemico avrà tutto l’interesse e i vantaggi nel difendere il pertugio che ci permetterebbe di vincere e non sarà sempre una mossa saggia andare a testa bassa verso la meta perchè rischieremmo di mandare a morire ripetutamente i nostri eroi.
Una strategià più saggia sarà sicuramente quella di mettere pressione sia al centro della mappa sia nell’apertura della base nemica in modo da dividere le forze avversarie e garantirci almeno la seconda apertura che in genere permette una conclusione del match.
Nelle sfide più accese ho potuto assistere anche a scontri che si protraggono con le tre porte distrutte per entrambi i  team,con la conseguente impossibilità di respawnare per gli eroi e in genere sono i match più divertenti da giocare!

 

I Personaggi – Skins, abilità ed impressioni

Il cast è composto al momento da 10 personaggi ma la griglia di selezione lascia intuire che gli sviluppatori abbiano intenzione di aumentare il numero degli eroi molto presto. Ogni personaggio può essere inquadrato nei “classici” ruoli dei MOBA : Tank, Dps, Support, Specialist.
Ogni personaggio gode di abilità attive, di passive e di una ultimate – le attive possono essere utilizzate in qualsiasi momento, le passive si attivano soltanto se l’eroe non ha effettuato alcuna azione quel turno, e l’ultimate è usabile soltanto con la barra di energia carica che si riempie col tempo oppure raccogliendo le sfere luminose sul terreno di gioco.
Ecco le loro skin e le loro abilità, con un breve parere su ognuno di essi:

Naima

La cecchina Naima è un personaggio molto molto interessante; pur non godendo di un pool di vita eccezionale (viene one-shottata da quasi tutti gli eroi avversari) il suo lungo range garantisce la copertura di un’area (in genere quella del cannone centrale) e la sua ulti uccide tutti gli eroi avversari tranne Gunther (che rimane comunque ad un punto di vita).
Viene counterata dalla distanza  o dagli ostacoli, in quanto sia la sua passiva (cecchinare chiunque nel suo raggio visivo) che la sua ulti vengono azzerate da un ostacolo o, nel caso dell’ulti, addirittura possono essere usate CONTRO la squadra del cecchino stesso se il bersaglio dello shot si “nasconde” dietro ad un nemico.

Gunther

Gunther è il classico personaggio “TANK”. Tanta vita, stun, e un ulti che azzera i danni subiti per tutti (anche i suoi nemici!!!!) coloro che sono sotto la cupola.
In generale è un personaggio che ritenevo imprescindibile nei primi match che ho giocato e che ho poi abbandonato ma che rimane uno dei migliori  personaggi da giocare per via della sua vita infinita.
Pur non infliggendo quasi danni, riesce a “tirare” alla Blitzcrank gli avversari verso di se (togliendoli magari dal centro) e a resistere per molti turni agli assalti nemici.

Trauma

La Fighter Trauma ha la peculiarità di attaccare AoE su più caselle colpendo indifferentemente nemici ed amici. La sua passiva è un contrattacco, danneggiando per 2 punti tutti coloro che le sono intorno dopo aver subito danno.
La sua attiva e la sua ulti invece sono danni aoe, rispettivamente sulle tre caselle frontali e nei 360° attorno a Trauma.
Per la sua natura l’ho usata molto buttandola nelle “mischie” affollate da nemici, in particolare con la sua ultimate devastante.

Angor

Angor è un combattente che ha una grande, grandissima mobilità, resa un po’ meno controllabile dal fatto che è gestita tramite una passiva, Frenzy, che lo fa “caricare” in avanti per tre caselle e danneggiare la prima unità colpita.
La sua attiva è un “semplice” danno, mentre la sua ulti è una charge che non solo danneggia, ma rende Angor immune da Stun, Root e che spinge all’indietro l’avversario (utile per “cacciare” dalla zona centrale il nemico pronto a caricare il cannone).

Archaios

Archaios è il primo vero support che incontriamo ma è anche abbastanza complesso da giocare.
Si divide in due “modalità” diverse, la prima, quella da Supp vero e proprio, è l‘Energy Link, ovvero l’abilità con cui Archa si connette ad un suo alleato e lo cura di 1 hp.
Nei turni successivi, se è rimasto inerte (le passive di Insidia si attivano sempre se non si è fatta alcuna mossa ndr) Energeia cura quel target fino a 3 punti di vita.
L’altra modalità è quella offensiva e include anche la sua ulti.
Overload è un proiettile che parte dall’alleato a cui Archaios è connesso e danneggia in linea retta il primo bersaglio che colpisce. Attivare questa abilità rompe la connessione tra Archaios e l’alleato.
Protocol : Keres si attiva e dura 4 turni, ogni turno danneggia per 2-4 danni TUTTE le unità vicino l’alleato connesso ad Archaios. (da usare ad esempio con Gunther al centro che prova a tenere il cannone ).

Baz III

Baz è un altro support che si differenzia tra Archaios perchè punta principalmente a buffare gli alleati.
La sua passiva velocizza l’alleato più lento che ha a range.
La sua attiva, la Runa di Keres, è multifunzione, danneggiando i nemici vicini ad essa nel caso nessuno vi sia sopra, o curando un eroe per ben 6 punti vita se vi stazioni durante quel turno.
La sua ultimate, Ride the Lightning, è un proiettile che stunna ed infligge un danno ma che scambia le posizioni (e il facing, importantissimo per le passive!) tra Baz e il suo bersaglio.

Infestus

Infestus viene definito “specialist” ed è uno dei miei personaggi preferiti di Insidia sia per la sua skin sia per le sue abilità.
Maestro dei veleni, Infestus può controllare tre “torrette” che infliggono 1 danno AoE appena piazzate e poi, all’attivazione della passiva, infliggono ben 3 danni a tutti coloro che sono nel loro range.
Questo eroe permette  una gestione molto interessante del campo di gioco per vari motivi : le torrette intercettano i proiettili di Naima, possono essere usate per recuperare le sfere di energia per ricaricare le ultimate e in più sono comunque un ostacolo noioso che gli avversari devono valutare nei loro spostamenti.

La sua ultimate è un cast di un intero turno (interrompibile molto facilmente purtroppo) ma che crea davvero l’apocalisse in un raggio d’azione enorme.
La pecca di Infestus? I suoi punti vita bassi che lo rendono molto fragile pur avendo la necessità di muoversi e di stare spesso in campo aperto.

Jaril

Jaril è molto interessante ma ancora non sono stato in grado di imparare a giocarlo a dovere.
La sua attiva piazza una spora su un bersaglio che danneggia l’eroe nemico e applica questo debuff che “esplode” quando si subisce un altro danno. Al raggiungimento dei 4 danni delle spore, il loro danno aumenta di 1 in modo indefinito, per cui le spore faranno 2 danni..dopo altri 4 danni 3 danni e così via.
La sua Ulti danneggia TUTTI gli eroi nemici a prescindere dalla posizione sulla mappa.

Shiryo

Shiryo è, insieme ad Infestus, il mio preferito da giocare.
Di base è un eroe molto semplice, ha un attacco e un’ulti che lo teletrasporta dietro al nemico selezionato.
Ciò che lo rende speciale è la sua passiva, Dirge of Ancestors: rimanendo inerte Shyrio acquista delle cariche, per un massimo di tre, che gli garantiscono 1 punto di movimento, di armatura e di danni.
Questi punti bonus permettono quindi a Shiryo di “tankarsi” uno shot di Naima, di oneshottare quasi tutti gli eroi (la sua attiva fa 2 danni + 1 per ogni carica di Dirge) e di andare a fare “touch-down” nella base prima di ogni altro.
Insomma, trovo che sia un eroe imprescindibile da ogni team!

Coma

Coma è l’ultima eroina in ordine di tempo ad essere stata inserita in Insidia.
Il suo revolver contiene 5 proiettili, e la sua attiva gli permette di ricaricarne 3 alla volta e di curarsi di un punto di vita.
La sua particolarità è la passiva : ogni volta che un eroe nemico passa nelle vicinanze di Coma, questa gli spara per 1 punto danno, azione che si ripete per quanti proiettili ha Coma a disposizione in canna.
Allo stesso modo, Barrage, la sua ulti, scarica il caricatore sul bersaglio che può, nella maggior parte dei casi, solo morire sotto i colpi della temibile assassina.

Considerazioni Finali

Il gioco è disponibile in versione completa da oggi (uscirà fra poche ore) su tutte le piattaforme su cui gira Steam (PC,Mac e Linux); i ragazzi di Bad Seed, italianissimi, hanno scelto la modalità Free to Play con acquisti in game opzionali di skin ed eroi, acquistabili con valuta di gioco o con valuta reale.
Mi ha divertito molto in queste ore e penso che continuerò a giocarci alla release e vi consiglio di dargli più di una chance perchè gli sviluppatori hanno dimostrato di essere molto attenti ai feedback degli utenti; in arrivo, forse già per oggi alla release, dovrebbe esserci la traduzione in italiano del gioco e un corposo update ricco di fix e novità.
Di cosa ha bisogno Insidia per sfondare? Non solo nuovi eroi, ma probabilmente anche una o due nuove mappe di gioco che modifichino almeno in parte la strategia, inoltre ha bisogno di utenza per garantire che il matchmaking sia rapido e che ci si possa divertire quando se ne ha voglia.
La modalità di gioco, esclusivamente 1v1, potrebbe far storcere il naso i fan duri e puri dei MOBA e non attirare invece una fetta che potrebbe trovare il gioco interessante (quella degli Strategy Game, o perfino dei Card Game, essendo di fatto Insidia un gioco molto più tattico dei Moba in real time); per questo il mio consiglio finale è quello di giocarlo in modo estensivo e non fermarsi alle prime 2-3-4 partite, ma provandolo a lungo e cercando di capire se il gioco può effettivamente divertirvi o meno.
Se avete bisogno di un consiglio o volete esprimere la vostra opinione in merito potete scrivere alla pagina di Powned.it o lasciare un commento qui sotto, risponderò a tutti!

Buon gioco e ci vediamo su Insidia! 😀


Oggi la release di INSIDIA – ecco le nostre impressioni definitive
Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701