Microsoft, Electronic Arts, Valve o PUBG: come potrebbe presto cambiare il mondo degli eSports?

Microsoft, Electronic Arts, Valve o PUBG: come potrebbe presto cambiare il mondo degli eSports?

Profilo di Stak
 WhatsApp

Alcuni rumor pubblicati durante la giornata di ieri attraverso un report sul noto sito Polygon.com sembrerebbero indicare un’imminente nuova acquisizione nel settore dei videogiochi da parte del colosso americano Microsoft.
Stando a quanto riferito dal giornalista di Polygon Colin Campbell (le cui fonti sarebbero molto vicine proprio a Microsoft oltre che estremamente affidabili), in questo momento Microsoft sarebbe in procinto di avviare una nuova ed importante acquisizione societaria e nel mirino della Public Company con sede a Redmond dovrebbe esserci una tra Electronic Arts, PUBG Corp. o Valve; in realtà, per quelli che sono stati fino ad ora i rumors, Microsoft potrebbe anche essere interessata a tutte le società sopra citate e non è quindi da escludere una via per la quale il colosso dell’elettronica e dell’informatica fondata nel 1975 da Bill Gates possa ritrovarsi attivamente impegnata su 3 differenti fronti.

La prima cosa importante da analizzare è il valore che queste varie aziende possiedono ed il fatto che per Microsoft siano tutte assolutamente alla sua portata: se PUBG Corp., “madre” dell’omonimo titolo Battle Royale, resta un qualcosa di assolutamente semplice da acquisire per un’azienda grande quanto quella di Redmond, di diversa entità sarebbe l’acquisizione di Valve o EA.
Electronic Arts ha un valore che si attesta intorno ai 35 miliardi di Dollari mentre di Valve sappiamo che il suo boss Gabe Newel possiede circa il 50% delle azioni e che solo lui valga circa 4,1 Miliardi di Dollari.
Microsoft ha però, anche grazie ai recenti tagli alle tasse per le gradi aziende operati dal Governo, abbia disponibile una liquidità di circa 135 miliardi di Dollari, capitali che dovrebbero bastare anche nel caso venga infine deciso di acquisire tutte le realtà citate.

Attraverso un’azione simile, Microsoft acquisirebbe una tale quantità di risorse e di nuove strutture che l’intero ecosistema esportivo, e più in generale quello dei videogiochi, potrebbe essere completamente stravolto. Un vero e proprio terremoto che porterebbe un colosso della portata di Microsoft a trasferire, solo per fare un rapido esempio, sulla piattaforma Xbox quel piccolo colosso chiamato Steam (di proprietà di Valve).
Potrebbe anche permettere un recupero del GAP che attualmente esiste tra Play Station ed Xbox One (la Sony dovrebbe aver venduto circa il doppio delle unità console rispetto a Microsoft) arricchendo l’offerta di quest’ultima anche con delle sicure e future esclusive che andrebbero a complicare la vita della Play Station.

E’ in ogni caso evidente che l’interesse di Microsoft e del suo CEO Satya Nadella (nella foto sopra) verso i videogiochi è fortemente in ascesa e lo dimostra anche la recente promozione a vice presidente della sezione Gaming di Microsoft di Phil Spencer, ormai ex Head della sezione Xbox.
Se tutto questo dovesse alla fine rivelarsi vero, ci troveremmo davanti ad una delle più grandi acquisizioni della storia con l’unione di due o più colossi tutti pesantemente radicati, in un modo o nell’altro, all’interno del mondo eSportivo.
Da una simile situazione non ci si può che attendere un fortissimo cambiamento per il futuro che potrebbe definitivamente cambiare il volto di questo settore.


Scopri le possibilità dei marketplace digitali

Scopri le possibilità dei marketplace digitali

Profilo di Stak
 WhatsApp

Quando si tratta di fare acquisti online per le tue esigenze di gioco, i marketplace digitali sono sicuramente diventati la scelta migliore negli ultimi anni. Tali mercati come Eneba hanno una vasta selezione di prodotti a un prezzo molto interessante, il tutto mantenendo l’esperienza di acquisto rapida, semplice e intuitiva.

Scegli tra migliaia di videogiochi, DLC, buoni regalo, abbonamenti a giochi, valute di gioco e praticamente qualsiasi cosa relativa ai videogiochi che si possa presentare in forma digitale.

Vasta selezione di videogiochi

La selezione di videogiochi in un marketplace digitale è molto più ampia di quella che potresti trovare in qualsiasi negozio di videogiochi fisico. Sono disponibili giochi di tutti i generi, piattaforme e creatori. Da giochi indie, stravaganti a semplici ma enormi AAA.

Molti giochi hanno anche varie opzioni extra che possono essere acquistate per rendere l’esperienza di gioco ancora migliore. Roblox ne è un ottimo esempio. Sebbene la piattaforma stessa sia gratuita e la maggior parte dei giochi sia accessibile gratuitamente, puoi scegliere di acquistare Robux, una valuta di gioco di Roblox. Acquista avatar e altri aggiornamenti, ottieni un abbonamento Roblox Premium o persino noleggia server privati ​​per goderti il ​​gioco in compagnia dei tuoi amici senza che nessun altro ti interrompa.

Lo stesso vale per qualsiasi altro gioco con acquisti in-game. È probabile che sarai in grado di trovare una qualche forma di carta regalo a un prezzo inferiore rispetto a quello che troveresti direttamente il gioco. Dato che la maggior parte dei generi ha transazioni in-game, potrai trarne vantaggio e goderti il ​​tuo gioco MMO, RPG, sparatutto o sport preferito al 100%.

L’Italia e il calcio

Non è un segreto che il calcio sia lo sport più amato d’Italia. Con le sue tradizioni calcistiche che risalgono alla fine del 19° secolo, è diventata una parte importante della cultura e delle tradizioni italiane. Con così tanto amore per il gioco, non sorprende che la serie di videogiochi FIFA abbia ricevuto tanto amore anche dai fan italiani del gioco. E con l’ultima uscita in arrivo proprio prima della Coppa del Mondo, ci sono molte ragioni per essere entusiasti.

Un sacco di persone sono pronte a pagare il prezzo di FIFA 23 e a mettere le mani sul gioco non appena sarà disponibile. Questa edizione presenta per la prima volta la Women’s Super League e segna il ritorno della Coppa del Mondo, proprio mentre la competizione vera e propria si avvicina. Anche la tecnologia HyperMotion2 sta subendo una rielaborazione, promettendo un’esperienza di gioco ancora migliore e più realistica.

Ovviamente, anche l’Ultimate Team sta tornando in questo gioco, poiché è diventata la modalità di gioco più popolare della serie. Proprio come ogni anno, i punti FIFA sono lì per aiutarti.

Tutto sommato, i marketplace digitali come Eneba ti danno la possibilità di acquistare tutto ciò di cui potresti aver bisogno per la tua esperienza di gioco in un unico posto. Ancora più importante, non stai pagando in modo eccessivo per il prodotto.


Xbox colpisce PlayStation: “in SONY si preoccupano delle esclusive? Sono incoerenti, per non dire altro”

Xbox colpisce PlayStation: “in SONY si preoccupano delle esclusive? Sono incoerenti, per non dire altro”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Uno scambio a distanza particolarmente “piccato” quello che si sta consumando in questi giorni tra PlayStation e Xbox. Da un lato Microsoft sta continuamente ribadendo il suo totale disinteresse nel rendere Call of Duty un’esclusiva per Xbox.

Dall’altro (lato) però, la stessa Microsoft ha utilizzato parole molto “fiammeggianti” per parlare di PlayStation, “colpevole” secondo Xbox di essere semplicemente “incoerente” con la loro stessa filosofia aziendale.

Il tutto si è consumato attraverso una serie di documenti inoltrati da Microsoft alla CADE (ovvero l’Administrative Council for Economic Defense dello stato del Brasile). In questi, delle fonti hanno potuto leggere tutto il disappunto di Xbox rispetto alle politiche del colosso giapponese.

Secondo Microsoft infatti, il loro operato sarebbe stato “fortemente ostacolato” da Sony proprio per l’utilizzo estremo che PlayStation ha fatto delle esclusive.

Nel documento si legge “considerando che le esclusività sono state al centro della strategia Sony per rafforzare la propria presenza nell’industria dei videogiochi, e che Sony è leader nella distribuzione di giochi digitali, la loro preoccupazione per una possibile esclusività di Activision è molto incoerente, per non dire altro”.

Xbox: “PlayStation fa esclusive da sempre, non si deve preoccupare ora della cosa!”

Sempre nel documento Microsoft prosegue: “In effetti, finanche la capacità di Microsoft di continuare a espandere il Game Pass è stata ostacolata dal desiderio di Sony di inibire questa crescita. Sony paga dei “diritti di blocco” cosi da impedire agli sviluppatori di aggiungere nuovi contenuti al Game Pass o ad altri servizi di abbonamento concorrenti“.

Un confronto quindi serratissimo, che nonostante tutto la stessa Microsoft continua a definire un “non problema”. Questo perchè sempre Microsoft ha confermato che un’eventuale esclusiva di Call of Duty per Xbox genererebbe più problemi che ricavi, e non sono quindi interessati a percorrere questa via (almeno per il momento).

Cosa ne pensate community? Microsoft sta solamente “sondando” il terreno sull’argomento? O i giocatori PlayStation possono continuare a dormire sonni tranquilli rispetto ai titoli in arrivo? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 


Rekkles e NIKE lanciano una nuova partnership sull’APP ufficiale!

Rekkles e NIKE lanciano una nuova partnership sull’APP ufficiale!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Il celebre Martin “Rekkles” Larsson ha da poco reso noti i primi dettagli relativi alla sua nuova partnership con il colosso dell’abbigliamento sportivo Nike!

La star svedese del team Karmine Corp è infatti uno dei nuovi volti di Nike, con una collaborazione assolutamente unica che sarà rivolta ai tantissimi fan degli esports e di League of Legends. In particolare, la partner si andrà a sviluppare principalmente sull’App ufficiale di Nike.

Su questa, sarà disponibile per tutti gli appassionati un’intera sezione dedicata a Rekkles, all’interno della quale sarà possibile trovare sia oggetti e capi d’abbigliamento che veri e propri corsi d’allenamento.

Sarà lo stesso Rekkles a redigere dei veri e propri training per tutti gli interessati, al fine di far coincidere l’attività esports con una sana attività fisica.

Il player dei Karmine Corp. è da sempre uno dei giocatori maggiormente convinti che il fitness ed il movimento quotidiano siano fondamentali per riuscire a performare al meglio per lunghi periodi di tempo negli esports.

Rekkles nuovo volto di NIKE sull’APP ufficiale

Questa nuova collaborazione non farà altro che rendere di dominio pubblico il “Rekkles pensiero” riguardo alla preparazione fisica di un professionista… Ecco il video trailer dell’iniziativa:

Cosa ne pensate di questa nuova straordinaria partnership che vede il mondo degli esports assoluto protagonista? Ricordiamo che per accedere all’app di Nike, vi basterà visitare lo store di Apple o Google Play.

 

 

Articoli correlati: