La questione IGL ed il comunicato di GEC e di LNE

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Premesso che il presente articolo giunge non a caso oggi ed a seguito delle richieste che una parte della community ci ha fatto riguardo la sua “non pubblicazione”.
La redazione di Powned.it è impegnata 24 ore su 24, 7 giorni su 7 per monitorare ed aggiornare la community eSports italiana e, ovviamente, sia la situazione inerente il campionato IGL sia il comunicato di Giochi Elettronici Competitivi che quello di Lega Nazionale eSports erano a noi conosciute (in particolare Marco “Stak” Cresta); la mancanza di un qualsiasi aggiornamento sul sito è da ricondurre unicamente al fatto che prima di intervenire mediaticamente nella più delicata situazione della storia recente del nostro settore volevamo aspettare altre informazioni più dettagliate rispetto a quelle al momento presenti.
Questo perché pensiamo che davanti ad una situazione difficile, da qualsiasi punto di vista la si voglia vedere, come quella in questione che vede coinvolte decine di persone e realtà impegnate nella crescita degli eSports italiani bisogna per forza, obbligatoriamente, fornire informazioni precise ed ineccepibili.
In ogni caso, la situazione che vede coinvolte diverse realtà italiane eSports ha attualmente avuto due unici comunicati informativi da parte di Giochi Elettronici Competitivi e di LNE che con una comunicazione sul suo sito ha parlato dell’organizzazione dei tornei e della possibilità che le associazioni hanno nello stipulare i contratti (che trovate sotto).
Non volevamo che il nostro andare con “i piedi di piombo” su questa vicenda venisse da qualcuno mal interpretata come una “mancanza” giornalistica pertanto, procediamo con la pubblicazione dei comunicati di settore aspettando eventuali repliche e sperando che la giustizia possa fare chiarezza sulla vicenda nel minor tempo possibile.

Comunicato GEC

Carissimi Associati,

lancio questa informazione per affrontare una problematica sorta a seguito della organizzazione dell’attuale torneo Italian Gaming League, che, per chi lo non lo sapesse, è in svolgimento tramite una non meglio identificata A.s.d. Nana Bianca, che dichiara di essere associata all’ente di promozione sportiva CSEN.

Il torneo oggi in corso è l’evidente sequenza di una prima edizione tenutasi nell’autunno del 2016 da parte della A.s.d. Nextgaming che, a seguito di controlli e dichiarazioni ricevute, non ha mantenuto standard di sportività, avendo svolto il torneo senza la conoscenza dei diretti partecipanti, falsificando sia la compilazione del calendario che i risultati ottenuti. Lo stesso Maurizio Ragno ha, seppur non chiaramente, ammesso che vi sono stati errori o inconvenienti.

Il torneo in sostanza era totalmente falsato nella creazione del calendario, le Associazioni non sapevano di essere iscritte al tabellone, ed oltretutto portava falsamente lo svolgimento di gare con risultati. Questo primo torneo ha fatto sì che si fosse accreditato lo svolgimento di questo secondo, e Nana Bianca, che è una società, ha costituito un’apposita A.s.d.. Prima di svolgere il torneo, A.s.d. Nana Bianca ha fatto sottoscrivere dei contratti antisportivi e contro legge, che vincolavano gli atleti, anche quelli iscritte ad altri enti, tipo ASI, a non partecipare ad altri campionati.

Noi abbiamo interpellato i responsabili di ASI che hanno confermato l’illegittimità del tutto, contattando lo stesso CSEN che ne ha condiviso l’illegittimità e ha detto di non esserne assolutamente a conoscenza. Riteniamo che il torneo in corso, IGL, potrebbe non avere i requisiti per lo svolgimento, e che, quindi, i premi erogati possano comportare conseguenze negative per le Associazioni, in quanto potrebbe mancare o l’autorizzazione o le procedure emanate da CSEN, o i permessi a seguito di domanda presentata al Ministero per lo Sviluppo Economico per il concorso a premi.

Invitiamo, quindi, le associazioni tutte a fare attenzione a quello che sta succedendo e particolarmente le Nostre associazioni affiliate, senza la loro volontà conoscitiva al torneo IGL. Le invitiamo a controllare che il torneo oggi in corso abbia la regolarità e le autorizzazioni proprio per non trovarsi sfortunatamente o malauguratamente a subirne le conseguenze, come la legge prevede.

Vi ricordiamo che GEC ASI ha in questi anni gestito più di 300 tornei, lasciando assolutamente libere tutte le associazioni e non incorrendo in nessuna sanzione.

Il Settore rimarrà comunque a disposizione per eventuali chiarimenti.

Cordiali saluti,

Il Segretario Nazionale

Giorgio Pica

Comunicato LNE

Ecco una breve guida sulla corretta gestione di un Torneo, in particolare per quanto riguarda le autorizzazioni al fine di garantire il corretto adempimento delle procedure necessarie.

Una manifestazione è da considerarsi legittima fintanto che la stessa rispetti le normative imposte dall’Ente di appartenenza, dal CONI e dal Ministero dello  Sviluppo Economico (MISE).

  • In merito alla validità di un torneo organizzato dalle associazioni che sono affiliate al nostro ente di appartenenza, presupposto il rispetto costante delle normative imposte da quest’ultimo, dal CONI e dal MISE, non sono necessarie autorizzazioni, a meno che l’Ente non sia direttamente coinvolto nell’organizzazione della manifestazione.
  • Le associazioni hanno la libertà di stipulare contratti di qualunque genere con i giocatori o con altre associazioni, a patto che gli stessi rientrino nei termini autorizzati dal MISE e dal CONI.

Si ricorda, inoltre, che tutti i partecipanti alla Manifestazione Sportiva devono essere preventivamente tesserati o associati presso l’associazione di riferimento.
Per ulteriori chiarimenti LNE ed il suo supporto restano a vostra disposizione all’indirizzo
[email protected].


La questione IGL ed il comunicato di GEC e di LNE
Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701