La Federazione Italiana Taekwondo apre agli eSports

La Federazione Italiana Taekwondo apre agli eSports

Profilo di Stak
 WhatsApp

Poche ore fa la Federazione Italiana Taekwondo, attraverso alcune dichiarazioni rilasciate dal suo Presidente, ha fatto sapere di essere entusiasta di aprire le proprie porte alla scena eSports nazionale.
Nello specifico, il Presidente federale Angelo Cito ha comunicato che la FITA ha deciso di intraprendere un nuovo percorso di apertura nei confronti del mondo eSportivo e che vuole proporsi come la casa dei titoli esport di combattimento.
Il tutto è fortemente legittimato dal fatto che, secondo quanto riportato nel comunicato, il CIO ha riconosciuto gli eSports come disciplina sportiva ufficiale (cosa che purtroppo non è ancora del tutto vera).

Leggendo il comunicato della FITA è tuttavia lecito che sorgano alcune perplessità, sia di natura tecnica che di natura pratica ed organizzativa.
La doverosa premessa generale da fare è che è certamente positivo che una Federazione importante e diffusa come quella del Taekwondo mostri interesse, curiosità e forte entusiasmo verso gli eSports.
E’ altrettanto positivo come tra le primissime dichiarazioni della FITA vi sia stata quella per la quale, la Federazione, voglia andare incontro alle esigenze competitive di chi per motivi fisici è impossibilitato a gareggiare contro un avversario in pedana.
Andrebbe però anche evidenziato come sull’argomento “disciplina sportiva riconosciuta dal CIO” vi siano diversi aspetti poco chiari.

Il CIO non ha ancora riconosciuto gli eSports come disciplina sportiva. Il CIO ha detto che gli eSports potrebbero presto divenire disciplina sportiva (e quindi, potenzialmente, anche con un proprio medagliere alle prossime Olimpiadi) se rispetteranno i valori olimpici e se vi sarà l’esistenza di un’organizzazione che garantisca il rispetto delle norme e delle regole del Movimento olimpico (anti-doping, scommesse, manipolazione, ecc.).
Molti affermano che sia solo una formalità, ma allo stato attuale gli eSports in Italia non sono ancora assolutamente una disciplina sportiva o olimpica (la differenza tra le due è che: sostanzialmente, la disciplina olimpica è una disciplina sportiva con un proprio medagliere ai giochi olimpici).
A questo agganciamo anche una perplessità di carattere strutturale riguardo il comunicato della FITA: se la Federazione del Taekwondo davvero dovesse diventare la “casa” degli eSports da combattimento, non si rischierebbe di scatenare ulteriore caos e confusione all’interno di un ancora giovanissimo (e quindi già di suo caotico e poco definito) settore?
Distinguere tra titoli di combattimento e titoli di altro genere andrebbe ad accrescere il già diffuso pensiero per il quale vi sia una differenza tra titoli “sportivi” (come FIFA, NBA2K17, F1 2017, MotoGP17 solo per fare alcuni esempi) e titoli non sportivi.

Tutte queste categorizzazioni e “forzature” non sono positive per il nostro settore, perché delegittimano e non aiutano il giusto orientamento dei futuri protagonisti del mondo degli eSports.
La scena italiana è purtroppo anche arretrata rispetto a molte delle controparti europee per quanto riguarda il processo di riconoscimento politico e sociale degli eSports ed ha necessariamente bisogno di un unico faro a cui tutti i soggetti coinvolti possano fare affidamento.
Altrimenti saremmo costretti a pensare che forse, fra 20 anni, vi saranno due campionati italiani di Tekken: uno organizzato dalla FITA perché Tekken è un videogioco di combattimento, ed uno dalla FIVC (ci siamo permetti di ipotizzare la Federazione Italia Videogiochi Competitivi) sempre perchè Tekken è un videogioco.

In Italia pensiamo sia molto importante cercare di convergere tutte le forze verso un unico centro, un unico polo che possa funzionare da locomotiva per il treno del movimento.
La scena esportiva italiana ha bisogno di un riconoscimento totale, e non solo di alcuni giochi, ed ha necessità che la sua già diffusa frammentarietà non aumenti di volume.

In conclusione, siamo entusiasti del comunicato della FITA e dell’interessamento di una Federazione dalla storia decennale al “nostro mondo” ma pensiamo anche che gli eSports abbiano bisogno di una loro federazione che regolamenti le attività e che questa, ovviamente, collabori con entusiasmo con le “sorelle” maggiori che lo vorranno fare, come la FITA appunto.

Fonte: Gazzetta dello Sport

Tawkwondoitalia

MrBeast festeggia quota 100 milioni di SUB con un giveaway: AL VINCITORE UN’ISOLA PRIVATA!

MrBeast festeggia quota 100 milioni di SUB con un giveaway: AL VINCITORE UN’ISOLA PRIVATA!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Giveaway con isola – Il celebre MrBeast ha da poco raggiunto quota 100 milioni di subscribers su You Tube (il secondo nella storia a riuscirci dopo PewDiePie, ndr), e per festeggiare ha optato per un evento molto “sobrio”…

La star statunitense ha infatti scelto di lanciare un gigantesco giveaway per i suoi fan, mettendo in palio un’intera isola! Si avete capito molto bene, una vera e propria isola privata verrà regalata da MrBeast al fortunatissimo vincitore del suo giveaway.

Chi parteciperà al contest di MrBeast con in palio un’isola? 

Al giveaway hanno partecipato 100 sub del canale, tutti estratti a sorte. Questi si sono dovuti sfidare in una serie di challenge sull’isola, sapendo che il vincitore di tutte le sfide si sarebbe portato a casa il “mazzo di chiavi” dell’isola…

Purtroppo non sono ancora stati chiariti i dettagli dell’evento, anche se il video a questo dedicato uscirà ufficialmente nel corso della giornata di domani. MrBeast ha svelato che il video andrà online il 3 Agosto alle ore 22 (ora italiana), ma le sorprese non finiscono qui.

Già perché lo youtuber ha spiegato che il primo fan che commenterà il video, riceverà 10.000 Dollari di premio… Inutile dire che la clip promo di pochi secondi ha già raccolto quasi 10 milioni di visualizzazioni.

Non ci resta altro da fare che attendere il rilascio di questa nuova pietra miliare dell’intrattenimento su You Tube, cosi da scoprire quale dei 100 sub sarà il legittimo proprietario di questa paradisiaca isola!

Articoli correlati: 

xQc nuovamente Re di Twitch; Tumblurr il migliore degli ITA: ecco gli streamer più visti di Luglio 2022!

xQc nuovamente Re di Twitch; Tumblurr il migliore degli ITA: ecco gli streamer più visti di Luglio 2022!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Dopo due mesi di assenza, il celebre xQc viene incoronato nuovamente Re di Twitch per Luglio 2022 nella classifica degli streamer più visti al mondo.

Anche se in lieve calo rispetto al mese di Giugno (circa il 10% in meno di visualizzazioni), xQc è infatti riuscito a concludere con ben 18 milioni di ore guardate in diretta.

Questo risultato è ancor più importante se si osservano i diretti “avversari” in classifica, in questo caso il celebre player di Valorant Tarik (comunque sorprendentemente ancora in seconda posizione), il canale CSGO di ESL e Gaules, tutti fermi a metà dello score di xQc.

Tra gli assenti svettano invece i nomi di Asmongold, che ha subito un calo del 65,6% degli spettatori dovuta alla pausa che ha deciso di prendersi durante il mese.

Ma anche Auronplay che ha avuto un destino simile, segnando una battuta d’arresto sulle ore visualizzate generate dal suo canale del 56,3%.

Ecco la classifica degli streamer di Twitch più visti a Luglio 2022: 

  1. xQc: 18,376,935 (-11.6%)
  2. tarik: 9,771,637 (+50.3%)
  3. ESL_CSGO: 9,638,891 (+183.1%)
  4. Gaules: 9,609,189 (-25.4%)
  5. loud_coringa: 8,381,974 (+65.9%)
  6. AdinRoss: 8,179,280 (+25.7%)
  7. LCK_Korea: 7,879,969 (+67.1%)
  8. Rubius: 7,716,628 (+110%)
  9. fps_shaka: 6,763,936 (-28.7%)
  10. ibai: 6,737,180 (-68.9%)

Gli streamer italiani più visti a Luglio

Se andiamo a vedere solamente gli streamer in lingua italiana, la classifica di SullyGnome riporta Tumblurr in prima posizione, TheRealMarzaa in seconda (stabilissimo rispetto a Giugno) e ZanoXVII.

L’ultimo citato per un nulla non perde il podio a causa di Pizfn, streamer che è cresciuto del 10% rispetto al mese precedente.

Xiuder, Moonryde, LyonWGFlive, DarioMocciaTwitch, Grenbaud e Pow3r concludono poi la Top10, tutti in lieve flessione rispetto a Giugno.

  1. Tumblurr 1.650.017
  2. TheRealMarzaa 1.156.930
  3. ZanoXVII 795,953
  4. Pizfn 795,244
  5. Xiuder 621,786
  6. Moonryde 603,065
  7. LyonWGFlive 510,282
  8. DarioMocciaTwitch 502,834
  9. Grenbaud 492,424
  10. Pow3r 454,790

Cosa ne pensate di questi numeri community? Nel caso voleste dare un’occhiata più dettagliata su numeri e risultati (italiani compresi), troverete tutto cliccando qui.

La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

NBA 2K22 dedica un tributo alla leggenda dei Celtics Bill Russell

NBA 2K22 dedica un tributo alla leggenda dei Celtics Bill Russell

Profilo di Stak
 WhatsApp

NBA a lutto – Nel corso della giornata di ieri il mondo della pallacanestro ha dovuto dare il suo addio ad una delle più grandi leggende del parquet, la star dei Boston Celtics Bill Russell.

Chi era Bill Russell? 

Centro di quasi 2.10 metri, Bill Russell ha dominato sotto al canestro nel corso degli anni 50 e 60. In sole 13 stagioni giocate è riuscito a vincere ben 11 titoli della NBA con i suoi Boston Celtics. Considerato il centro con le miglior capacità difensive di sempre di tutta la lega, Russell detiene ancora oggi alcuni incredibili record.

Oltre al numero di anelli vinti (11, mai nessuno meglio di lui, ndr), Russell detiene anche il record per il maggior numero di finali vinte consecutivamente (8, insieme ai suoi compagni dei Celtics nel periodo NBA che verrà poi ricordato come “era della dinastia”).

Non solo, perchè in due di queste non era protagonista solo come giocatore, ma anche come allenatore. Parliamo delle stagioni 67/68 e 68/69, in cui Bill Russell ha guidato i Celtics dentro e fuori dal campo, divenendo il primo allenatore afroamericano della storia della NBA.

Leggenda sia dentro ai palazzetti che nelle strade di Boston (si è sempre battuto per i diritti civili in USA, ed in passato è stato anche membro del movimento Black Power), nel corso del 2011 Russell ricevette anche la più importante onorificenza per un civile statunitense: la Medaglia Presidenziale delle Libertà che gli è stata consegnata dall’ex Presidente Obama.

NBA 2K22 ricorda Bill Russell

Un Gigante della pallacanestro come Russell non poteva non essere ricordato anche su NBA 2K22. Proprio per questo è presente da qualche ora nella schermata iniziale di NBA 2K con un tributo che i devs gli hanno voluto dedicare.

Il tributo: 

bill russell nba

In questo, Bill viene chiamato “il Segretario della Difesa“, un’allusione al fatto che in NBA Bill Russell è considerato il miglior difensore di sempre.

Su NBA 2K22 l’uomo dagli 11 anelli è un giocabile nel myteam con la carta dedicata, ed anche nel roster “All-Time” dei Celtics.

Articoli correlati: