“Gli Esports non esistono”: dura presa di posizione di Beuth ed Hörmann!

Profilo di Disfact
 WhatsApp

L’Esport è come lavorare a maglia“, ha esordito cosi Peter Beuth, politico tedesco del partito CDU, in una recente dichiarazione “al veleno” nei confronti del mondo del Gaming.

Lo segue in coro anche Alfons Hörmann, il presidente della DOSB, la Federazione degli Sport Olimpici tedesca, il quale sostiene che “Gli Esport non esistono e non saranno inclusi nel programma olimpico.” 

Alfons Hörmann, il presidente della DOSB

Non è la prima volta che in Germania viene presa questo tipo di posizione nei confronti dell’Esport e sulla questione se considerarli sport e, successivamente, disciplina olimpionica. Già a dicembre 2018 era arrivata una forte opposizione nei confronti di Dorothee Bär, ministro tedesco a capo del ministero per la digitalizzazione dello Stato, che qualche settimana prima aveva equiparato gli Esport, appunto, ad uno sport vero e proprio.

La risposta degli organi competenti è stata dura, con la seguente dichiarazione di Beuth: “L’Esport è uno sport che si può equiparare al lavoro a maglia o al premere il pulsante di un registratore.
Lo sport, a differenza dei giochi per console, trasmette valori come fair play e rispetto per le persone.
Non dobbiamo permettere all’industria del gioco elettronico di raccogliere queste risorse sportive“.

Considerando che lo sport fa molto per la coesione della società ed è quindi anche sovvenzionato dalla politica, Beuth ha dichiarato: “L’idea che l’industria dei giochi elettronici sia in cerca di finanziamenti, penso che sia assurda“.

La strada per gli Esport per essere riconosciuti prima di tutto come uno sport, e poi come disciplina olimpionica, è ancora molto lunga. Dichiarazioni del genere certamente non aiutano il settore a potersi affermare e raggiungere il proprio obiettivo, diversi esponenti politici e non si schierano da una parte o l’altra, trascinando questa questione, ancora irrisolta, ormai da diversi anni.

escape from tarkov

Milioni di Scav eliminati e Drop ricevuti: ecco tutti i dati degli eventi festivi di Escape from Tarkov

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Escape from Tarkov ha sicuramente ricevuto un boost di popolarità durante l’ultimo mese, anche grazie alle festività in cui Battlestate Games ha deciso di organizzare eventi a tema sul gioco, oltre che a condividere Drop durante le live su Twitch.

Ma come sono andati questi numeri? Battlestate ha condiviso molti dati interessanti per il periodo che va dal 24 Dicembre al 9 Gennaio, mostrando l’elevato successo del gioco nell’ultimo mese. Milioni i giocatori coinvolti!

Per la precisione circa 56 milioni di giocatori sono riusciti a sopravvivere a Tarkov, mentre 57 milioni non sono riusciti ad evadere dalla città assediata. Male il destino degli Scav: più di 100 milioni sono stati eliminati durante i vari raid.

Benissimo, non solo a livello di gameplay, ma anche a livello di intrattenimento: più di 80 milioni di ore spese dai fan a vedere live su Escape from Tarkov e 15 milioni di Drop ricevuti durante questo tempo di visione, arrivando ad un picco di quasi 500 mila viewers per la categoria di EFT.

Ovviamente il boost c’è stato anche per gli eventi natalizi che hanno invaso il gioco: tantissimi gli alberi piantati dai giocatori e le decorazioni raccolte. Un vero successo per i ragazzi di Battlestate Games nell’ultimo mese. Ma vediamo l’infografica ufficiale…

Che ne pensate di questi numeri? Fateci sapere, come al solito, al vostra…

Domenica mattina a GamerTide Cafè si parla di cheater

Profilo di Stak
 WhatsApp

Domani mattina sarò ospite nella puntata settimanale di “GamerTide Cafè” sul nuovo ed omonimo canale streaming GamerTide, fondato da Eduardo “Sidius“, Peppe “Poldo“, Andrea “Mozzo_Zozzo“, Christian “Mirlu, Roberto “Carpenelli” e Aldo “Loyd“.

Questo progetto, nato solamente una manciata di settimane fa, vede protagonista un gruppo di amici fieramente nerd intenti a divertirsi ed a creare intrattenimento valorizzando l’esperienza di gioco garantita da alcuni storici titoli del passato, e da titoli più di nicchia che spesso i media mainstream non trattano con la dovuta attenzione.

All’interno di questo contesto, Domenica mattina ci sarà un podcast con protagonista Carpenelli, in cui si parlerà di gaming in generale, di film/serie tv e di svariati argomenti che riguardano il mondo nerd che speriamo possano essere per voi interessanti.

Questa Domenica ci sarò appunto anche io a presenziare in trasmissione, e visto che tra gli argomenti che verranno trattati vi saranno anche i cheat, e lo generale stato di salute attuale di giochi come Warzone e Battlefield, ho pensato che la diretta potesse interessarvi.

Se vi dovesse andare di fare un salto in canale (che troverete allegato qui in basso), la diretta inizierà alle 11 di domani mattina, e proseguirà per circa 2 ore fino alle 13 con vari altri ospiti e molteplici argomenti da trattare.

Ci vediamo su Twitch!

Diretta GamerTide Cafè – Ore 11.00

Hacking su Escape from Tarkov? Summit1g analizza in live con Hutch le “azioni” di un hacker

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Purtroppo, nonostante il successo di Escape from Tarkov sia molto elevato, soprattutto negli ultimi tempi, i giocatori di questo gioco dovranno ancora un po’ attendere per avere un vero e proprio anticheat che li salvi dalle razzie degli hacker.

Ed è in presenza di un hacker che sembra essersi trovato il giocatore e streamer Hutch durante uno dei suoi raid. Proprio per questo motivo Hutch ha deciso di analizzare il suo VOD di Twitch della sua live con l’amico e noto collega Jaryd ‘summit1g’ Lazar.

I due giocatori hanno provato ad analizzare alcune clip del VOD in questione alla ricerca di azioni losche da parte di questo presunto hacker e dalle scene che vi mostreremo alcuni dubbi sulla legittimità delle azioni può esserci.

La prima clip mostrata vede Hutch lentamente approcciarsi ad una scala buia e in pochissimi secondi “cadere” in una flashbang e successivamente essere crivellato da una marea di colpi che, come potete constatare dall’omino in alto a sinistra nella clip, hanno beccato solamente la testa (quest’ultima è passata da verde a rosso in men che non si dica).

La seconda sembra ancora più chiara: nella stessa partita i giocatori hanno cercato di tenere d’occhio l’hacker e si sono trovati con l’occasione di poter tenere un angolo. Proprio davanti a loro, a molti metri di distanza, appare l’hacker che velocissimo gira l’angolo e spara due colpi correndo/camminando. Il problema è che questi colpi hanno quasi colpito Hutch e nella situazione in cui si trovava l’hacker era impossibile fare shot (quasi) così precisi, considerando la balistica dei colpi.

La problematica degli hacker è pesante sempre ed in ogni gioco, soprattutto quando non si trovano soluzioni al problema, però in un gioco in cui una qualsiasi situazione può rovinarti ore di gameplay (essendo un gioco hardcore) è davvero inammissibile.

Che ne pensate di questa situazione? Avete avuto a che fare con hacker su Escape from Tarkov? Fateci sapere la vostra…