ghostcrawler

Ghostcrawler tornerà su WoW dopo 6 anni

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Ghostcrawler – L’espansione Shadowlands ha sicuramente incuriosito e (forse) anche conquistato tantissimi ex giocatori di World of Warcraft (diversi anche all’interno della nostra redazione), che hanno in più occasioni annunciato un loro prossimo ritorno sul celebre gioco Blizzard.

Recentemente abbiamo scoperto che tra questi c’è anche il celebre Ghostcrawler, ex membro di Blizzard e storico “volto” del team di sviluppo con cui la community di WoW si è relazionata per svariati anni, sia sui forum che sui vari Reddit e altri canali Social.

La storia d’amore tra la community Blizz e Ghostcrawler si è protratta per l’appunto per anni, fino a quando Greg Street non decise di mollare il suo ruolo di Lead Systems Designer per World of Warcraft per approdare in Riot, diretta concorrente di Blizzard e publisher di League of Legends (oggi anche di Lor e Valorant, altri due titoli in diretta concorrenza con quelli realizzati da Blizzard).

Dopo circa 6 anni lontano non solo da Blizzard ma anche dalle terre di Azeroth (è stato lo stesso Ghostcrawler ad ammettere che quando passò in Riot è stato come distaccarsi da una sua “ex”, e che ebbe bisogno di un periodo di tempo di totale distaccamento da Blizzard, anche dai suoi giochi), Ghostcrawler ha però annunciato il suo lieto ritorno, ovviamente e solamente come giocatore visto che in Riot pare si trovi benissimo.

Sempre su Twitter, ha anche spiegato che inizierà con un Paladino Alleanza pur preferendo l’Orda all’Ally…il perchè è presto detto: la sua compagnia di amici ripudia l’orda e non ne vuole sapere di giocare per questa fazione, cosi, Ghost ha dovuto optare per la sua “seconda scelta”.

A prescindere da come la si guardi, una situazione del genere non può che essere positiva per Blizzard considerato che uno dei più noti devs della scena (di una compagnia “competitor”) si è detto incuriosito dai contenuti di Shadowlands…un’espansione che infatti ha già raccolto moltissime attenzioni, e che è da poco protagonista su Azeroth con l’introduzione della sua “pre-patch” ufficiale (troverete qui altri dettagli).

Proprio l’introduzione della pre-patch è stato però anche motivo di polemica su Twitter, visto che Benjamin “Lugia“, community manager di Blizzard per la Francia, ha risposto al messaggio di Blizzard relativo al lancio del nuovo contenuto con l’annuncio di uno sciopero che riguarda l’intera sede francese di Blizz.

Come molti di voi sapranno infatti, lo scorso 6 Ottobre è stata resa nota la prossima chiusura degli uffici Blizzard presenti a Versailles, una situazione che purtroppo ancora non è del tutto  chiara, cosi come non lo è il destino che riguarda i 400 lavoratori di questi uffici.

Articoli correlati: 

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701