Gerard Piqué rivoluziona il mondo della comunicazione: l’importanza di Twitch

Gerard Piqué rivoluziona il mondo della comunicazione: l’importanza di Twitch

Profilo di Rios
 WhatsApp

Gli sport e la TV non riescono più a parlare con i giovani, è un dato di fatto. I presidenti dei club calcistici si sono resi conto della cosa da tempo (Andrea Agnelli in primis). Ma Gerard Piqué, giocatore del Barcellona, potrebbe aver fatto uno step successivo.

Lo spagnolo, nei giorni scorsi, ha convocato una conferenza stampa davvero poco tradizionale. Il calciatore ha infatti scelto Twitch per chiarire una vicenda che lo ha visto coinvolto personalmente. Una vera e propria rivoluzione, che porta la comunicazione sportiva molto vicina al mondo degli esports.

La sua iniziativa sarà seguita da altri in futuro? Forse, ma questo potrebbe essere solo il primo passo di una inevitabile evoluzione dell’informazione sportiva.

Gerard Piqué e la rivoluzione della comunicazione

Mettersi in contatto con i giovani

Il mondo dello sport (del calcio nel caso specifico) e della TV ha perso lentamente presa sui giovani. Molti preferiscono informarsi e dedicare le loro attenzioni a piattaforme come TwitchYouTube, contenitori di contenuti sempre freschi, nuovi ed al passo con i tempi.

Tanti club calcistici e tanti calciatori e sportivi di vario genere hanno capito la situazione e, per cercare di ricucire lo strappo, si sono buttati a capofitto nel mondo degli esports. Gerard Piqué è stato uno dei primi pionieri in questo senso (insieme ad altri colleghi), in quanto ha prima esplorato e poi agguantato le opportunità che gli esports offrono.

Il capitano del Barcellona è infatti diventato proprietario del team KOI insieme ad Ibai Llanos, investendo una cifra considerevole per far partire da zero questa nuova realtà. Il suo è stato un successo più mediatico che esportivo (visti i risultati ottenuti in LVP), ma che è riuscito comunque ad assicurargli una grandissima fetta di nuovi fan e gli ha aperto le porte su un mercato molto florido.

La “rivoluzione”

Come abbiamo detto in precedenza, c’è un problema di comunicazione tra gli sport tradizionali ed i giovani. Sono delle realtà che ormai non si parlano, in quanto gli sport sono rimasti molto indietro con i tempi (salvo alcune rare eccezioni come la F1).

Ma Gerard Piqué potrebbe aver trovato la chiave di volta giusta: sfruttare Twitch. In questi giorni, infatti, il difensore blaugrana ha convocato una conferenza stampa per chiarire uno scandalo che lo ha coinvolto personalmente, e per farlo ha deciso di utilizzare proprio la piattaforma di Amazon.

Il risultato è stato straordinario. La diretta ha avuto 120.000 spettatori di media, raggiungendo dei picchi di 150.000. Dei numeri importantissimi, che possono battersi direttamente con gli show sportivi trasmessi dalle varie TV nazionali.

Twitch ha però un enorme vantaggio sulle TV: è disponibile su tutti i dispositivi gratuitamente. Proprio grazie a questa caratteristica potremmo assistere ad una rivoluzione della comunicazioni. Se le società sportive o anche i singoli giocatori decidessero di seguire la strada tracciata da Piqué, il ruolo degli sport potrebbe cambiare da un giorno all’altro.

Sfruttare questo tipo di piattaforme è uno dei tanti modi per poter comunicare con i giovani, riavvicinandoli al mondo sportivo e mettendosi al pari con gli esports. E’ indubbiamente un percorso difficile, vista la tendenza refrattaria al cambiamento che hanno gli sport, ma è un primo passo avanti.

Problemi con le armi su Apex Legends, ora si parla del ritorno del Volt

Problemi con le armi su Apex Legends, ora si parla del ritorno del Volt

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

La Stagione 13 di Apex Legends ha portato sicuramente una ventata d’aria fresca rispetto alle due stagioni precedenti, offrendo ai giocatori nuove meccaniche di gioco (con le armerie), un nuovo personaggio ed un nuovo split classificato nel quale provare a scalare i rank.

Grandi protagoniste di quest’ultimo aggiornamento sono state soprattutto le nuove rotazioni delle armi, con R301 e Rampage che sono entrate nei replicatori per fare invece spazio a Flatline, Spitfire e Longbow, di nuovo disponibili nel loot presente a terra e nelle casse rifornimento.

Alcune fette della community, tuttavia, non sono troppo felici dei cambiamenti. Se infatti guardiamo soprattutto alla sezione delle armi energetiche, vediamo che attualmente nessuna di queste è utilizzabile tranne il Volt, che rimane comunque un’arma a muzioni limitate presente solo nelle Capsule Assistenza.

Armi ed Apex Legends, il Volt tra le richieste della community

Proprio il Volt è tornato tra le richieste della community per la prossima Stagione di Apex Legends, dopo che su Reddit alcuni membri hanno postato alcuni messaggi di sconforto per la mancanza di armi energetiche competitive rispetto agli altri tipi di armi presenti nel gioco.

”Il gioco sarebbe molto più divertente con Volt e G7 Scout di nuovo a terra. Perchè queste armi sono state tolte? Tutti le amavano. Adesso nessuno usa le armie enrgetiche e l’R 301 è nel Replicatore, quindi l’unica vera arma leggera è l’R99. Perchè mai tutte le armi più divertenti, a parte la Wingman, vengono ogni volta tolte?”

L’intervento, che attualmente conta un incredibile 91% di upvote sul Subreddit ufficiale, ha sctenato gli animi della community, che ora torna a chiedere un rinnovamento più bilanciato delle armi, senza lo strapotere di quelle pesanti che finiscono inevitabilmente per cambiare drasticamente il gameplay.

Insomma, cosa ne pensate? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli Correlati:

Apex Legends: Le ranked sono più difficili? ImperialHal spiega che in realtà è colpa nostra

Apex Legends: Le ranked sono più difficili? ImperialHal spiega che in realtà è colpa nostra

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Le recenti modifiche alle ranked su Apex Legends, arrivate insieme all’aggiornamento della Stagione 13, hanno sicuramente migliorato la situazione, ma c’è ancora una certa percentuale di giocatori che ha ritenuto opportuno notare come effettivamente sia diventato ora più difficile scalare.

In particolare, le lamentele della community si sarebbero concentrate sulla Solo-Queue, ossia per tutti quei giocatori che per mancanza di tempo (e compagnia) si buttano in ranked da soli per cercare di scalare nonostante l’inettitudine dei random.

Prima di continuare con la lettura, in caso ve le foste perse, CLICCANDO QUI potrete consultare il nostro articolo d’approfondimento in cui spieghiamo esattamente tutte le novità ed il funzionamento del nuovo sistema delle Ranked su Apex Legends.

Le ranked su Apex Legends sono sempre state difficili

Interrogato durante una recente diretta streaming sulla sua opinione sul nuovo sistema classificato del Battle Royale di Respawn, il noto professionista dei TSM ImperialHal ha spiegato il suo personalissimo punto di vista.

”Le persone si lamentano del fatto che è difficile salire di livello perché sono in coda da soli. Secondo me comunque è giusto avere un rank oltre il quale non puoi andare avanti da solo. Alla fine si tratta di un gioco di squadra, bisogna giocarci con altri due premade. Se non lo fai, ti stai imponendo un handicap da solo e giustamente non dovrai superare un certo rank.

Insomma, cosa ne pensate community? Siete d’accordo con l’opinione di Hal? Come al solito non mancate di farci sapere la vostra con un commento qui sotto, oppure sui nostri canali social. A questi potrete accedere usando i pulsanti che trovate ad inizio pagina.

Articoli Correlati:

 

Apex Legends, come si ‘countera’ la ultimate di Newcastle?

Apex Legends, come si ‘countera’ la ultimate di Newcastle?

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Apex Legends – L’ultimo arrivato agli Apex Games, Newcastle, ha già conquistato moltissimi giocatori con il suo playstyle basato sugli scudi e sul gioco di squadra e mano mano che i giorni passano, sempre più player decidono di usarlo nelle loro partite.

A questo punto, data la situazione, per cincere un maggior numero di fight e salire in classificata sarà necessario iniziare a capire come contestare l’ultimate di questa nuova Leggenda, sicuramente una delle abilità più forti del gioco, capace di ribaltare le sorti di un combattimento.

L’attesa per un counter sicuro non è arrivata in ritardo e a mostrarla ci hanno già pensato diversi utenti Twitter che hanno iniziato a ricondividere un contenuto cariato in origine su Reddit (CLICCANDO QUI il video originale).

Newcastle una vera spina nel fianco – Un giocatore di Apex Legends mostra come counterarlo

Come notato dall’utente Car0nix all’interno del video che potrete recuperare cliccando il link poco più in alto, Horizon potrebbe essere la scelta giusta quando si incontrano un gran numero di Newcastle in partita, soprattutto vista l’interazione particolare tra la sua ultimate e quella dell’eroe mascherato.

A quanto si apprende dalle immagini, pare che quando Newcastle si lancia per piazzare il gigantesco scudo fornito dalla sua ultimate in una zona in cui nelle vicinanze è presente la ultimate di Horizon, venga improvvisamente attratto dal centro di gravità, cosa che annullerebbe istantaneamente il piazzamento dello scudo.

Insomma, sicuramente un trick interessante che, sia che siate main Horizon, che stiate cercando di mainare Newcastle, sarà bene tenere a mente. Cosa ne pensate community? Come al solito non mancate di farci sapere la vostra con un commento qui sotto, oppure sui nostri canali social!

Articoli Correlati: