Quanto guadagna un venditore di CHEAT? Una breccia rivela le incredibili CIFRE di Aprile 2022

Quanto guadagna un venditore di CHEAT? Una breccia rivela le incredibili CIFRE di Aprile 2022

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

A seguito del rilascio di Overwatch 2 ed a distanza di appena qualche giorno, abbiamo negli scorsi articoli visto insieme come siano già moltissimi i fornitori di Cheat ed Hack in circolazione. Un mercato in continua crescita che spaventa moltissimi giocatori onesti e sviluppatori.

A pagare le conseguenze di queste compravendite, sono chiaramente i player comuni e gli sviluppatori delle grosse case videoludiche, che in un modo o nell’altro si trovano spesso costretti a mettere una pezza dove possibile ed a subire le angherie degli utenti.

Ma vi siete mai chiesti quanto possa guadagnare un rivenditore di cheat dal proprio lavoro? Una breccia nei sistemi di uno di questi commercianti di software, ha rivelato cifre e movimenti di ogni tipo. Ecco i dettagli.

Quanto guadagna un venditore di cheat? Rivelate le cifre

Ad occuparsi della questione, sono stati ancora una volta i ragazzi dela pagina Twitter @AntiCheatPD, che in un odei loro ultimissimi post hanno rivelato che:

”Un noto fornitore di cheat di Overwatch che ha attaccato e rovinato Overwatch dall’inizio del 2018, è stato colpito da un altro fornitore di cheat oggi che ha fatto trapelare e-mail, key ed entrate del rivale. Secondo i nostri contatti, il fornitore ha incassato solo questo mese 10.000$, ovviamente non tassati.”

Non tratterò questo come una vittoria, poiché ci sono altri fornitori di cheat là fuori che fanno molto peggio di questo e guadagnano di più. Guardate quei numeri ed immaginate quanti di questi utenti si sono infiltrati nelle vostre partite classificate rovinando ogni giorno l’integrità competitiva.”

Insomma, un dato davvero spaventoso se pensiamo che quest’ultimo si riferisce solamente ad un mese di guadagno di quello che nemmeno è nella top 10 dei provider di cheat a livello globale. Cosa ne pensate? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli Correlati:

Arriva SNAP! Il nuovo videogioco Marvel è un card game alla Hearthstone!

Arriva SNAP! Il nuovo videogioco Marvel è un card game alla Hearthstone!

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

L’annuncio è finalmente arrivato e possiamo adesso scoprire il futuro videogame della Marvel, in collaborazione con Second Dinner e Nuverse. Presentato al pubblico finalmente Marvel SNAP.

Il teaser già arrivato ieri, ci mostrava varie scene d’azione di alcuni dei maggiori personaggi Marvel e davvero in pochi avrebbero sospettato un plot twist del genere. Anche il trailer d’annuncio, che vedrete in allegato, poteva far immaginare cose diverse.

Invece a chiusura del trailer scopriamo la vera essenza del futuro gioco Marvel, un vero e proprio card game, in cui potremo dar libero sfogo ai poteri dei nostri personaggi.

Per quanto non immaginabile dai trailer, considerando il team di sviluppo, capitanato dall’ex Game Director di Hearthstone alla Blizzard, Ben Brode, avremmo dovuto sospettare di un gioco di carte collezionabili.

Marvel SNAP

Dal sito ufficiale marvelsnap.com possiamo scoprire molto del gioco in arrivo. Un frenetico card game (la durata di ogni partita è stimata sui 3 minuti), in cui potremo utilizzare un deck di 12 carte su un totale di 150+ personaggi Marvel.

Con il multiverso, ormai sdoganato anche dal MCU, avremo anche qui intere serie di carte incentrate su varianti di eroi e cattivi più famosi dei fumetti Marvel. Il gioco, poi, sarà ricco di effetti grafici e suoni, in modo da entrare in simbiosi con il mondo Marvel.

Il gioco sarà free to play e a livello di gameplay non avrà turni. Lo scopo sarà quello di collezionare “Cosmic Cubes” prima dell’avversario, giocando in contemporanea contro di lui su tre luoghi diversi. Il nostro obiettivo sarà quello di vincere su due dei tre luoghi.

Marvel SNAP sarà disponibile per Mobile e PC ed è già a disposizione di tutti la pre-registrazione su Android. Purtroppo, però, non conosciamo ancora la data di uscita ufficiale.

Insomma, tanta carne al fuoco, Ben Brode con i colleghi di Second Dinner e Nuverse (e la collaborazione di Marvel) cercherà di porterà i giochi di carte online su di un altro livello. Dallo spunto di Hearthstone riuscirà a creare il nuovo card game definitivo?

Che ne pensate di questa novità? Giocherete a Marvel SNAP? Fateci sapere, come al solito, la vostra…

Articolo Correlato:

Studio USA rivela: “I videogame migliorano il quoziente intellettivo dei bambini”

Studio USA rivela: “I videogame migliorano il quoziente intellettivo dei bambini”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Videogame & Bambini – Una nuovo importante studio pubblicato su Nature svela in modo inequivocabile quali sono gli effetti dei videogiochi sulle menti dei più piccoli: un miglioramento, seppur contenuto, del quoziente intellettivo.

Lo studio, dal titolo “The impact of digital media on children’s intelligence while controlling for genetic differences in cognition and socioeconomic background“, aveva proprio il fine di comprendere che tipo di impatto hanno i media digitali sulla psiche dei bambini.

Il tutto è stato condotto da un team internazionale coordinato dal Professor Torkel Klingberg, docente di neuroscienze cognitive presso l’istituto Karolinska di Stoccolma. Lo studio ha coinvolto quasi 10 mila bambini/e (9.855 per la precisione), tutti compresi tra i 9 ed i 10 anni, e residenti negli Stati Uniti.

Ogni bambino ha sostenuto vari test psicoattitudinali, compilando al contempo (ed insieme ai genitori) dei questionari utili per determinare la situazione socioeconomica del nucleo familiare. Dalle prime risposte date dai bambini, è emerso che in media questi trascorrevano:

  • due ore e trenta minuti al giorno guardando la TV o video online
  • un’ora giocando ai videogame
  • mezz’ora sui social

I videogame favoriscono il miglioramento del QI dei bambini

Dopo due anni, circa la metà dei bambini intervistati è stata sottoposta nuovamente ai test attitudinali, per verificare delle eventuali discrepanze/differenze.

Secondo quanto emerso da questa nuova tornata di test, i bambini che hanno giocato ai videogame per un tempo maggiore rispetto alla media (che era, lo dicevamo poco sopra, di un’ora), hanno goduto di un miglioramento del loro quoziente intellettivo.

In media, è stata calcolata una crescita di 2.5 punti di QI per i bambini che hanno giocato più tempo della media ai videogame.

Questo dato dovrebbe, forse finalmente, estirpare quel pregiudizio secondo il quale i videogiochi “bruciano il cervello”. Non è cosi, anzi semmai è l’esatto contrario (seppur, lo ripetiamo, in modo del tutto contenuto).

Su questa stessa linea le parole del Professor Klingberg, che nel comunicato stampa ufficiale relativo allo studio ha infatti dichiarato: “I nostri risultati supportano l’affermazione che […] giocare ai videogiochi può effettivamente aiutare a rafforzare l’intelligenza“.

Chissà cosa ne penserà il Ministro dello Sviluppo Economico Giorgetti, che meno di una settimana fa parlava di “giovani cervelli bruciati” a causa degli esports…

Esports, per il Ministro dello Sviluppo Economico Giorgetti “rovinano il cervello”

Articoli correlati sull’argomento: 

In arrivo un nuovo videogioco Marvel? Ben Brode ed il suo team danno un indizio

In arrivo un nuovo videogioco Marvel? Ben Brode ed il suo team danno un indizio

Profilo di VinCesare
 WhatsApp

Sembra una semplice foto di lavoro, in cui i membri del team di sviluppo si riuniscono per un felice selfie, ma c’è molto di più. Ed alcuni indizi spingono, ovviamente, alla Marvel e ad un nuovo videogioco.

Stiamo parlando di Second Dinner, game studio di cui è nota la collaborazione con la Marvel per la produzione di un nuovo videogioco. La foto che vedrete in allegato, però, finalmente parla di una “grossa” settimana davanti e una speciale occasione e ciò ci dà molte speranze per un imminente annuncio.

I più attenti, però, avranno notato un dettaglio gigante, ovvero lo sfondo dell’immagine. Dietro gli sviluppatori, infatti, si intravede uno schermo con davvero poche lettere leggibili. Ma è altamente riconoscibile lo stemma della Marvel e sotto ci dovrebbe essere il nome del nuovo videogioco, come di consueto accade. Purtroppo, però, si intravede solo una “N“, quindi le speculazioni possono essere infinite.

La foto di Ben Brode 

La parola non dovrebbe essere neanche lunghissima, poiché il font della lettera N è troppo grande per poter giustificare un nome più lungo. Per questo le persone hanno cominciato a fare qualche ipotesi, dallo Snap (lo schiocco di Thanos), fino ad Ant-Man. Anche se forse la lettera successiva può richiamare più una “Z” forse.

A confermare ancora di più la collaborazione tra Second Dinner e Marvel, ci pensa addirittura il profilo ufficiale di Marvel Games che cita la foto con una semplice, quanto evocativa, emoji degli occhi.

Non ci resta che attendere il proseguo di questa settimana e vedere cosa hanno in serbo per noi Ben Brode (noto per esser stato il Game Director di Hearthstone alla Blizzard) ed i colleghi di Second Dinner.

Cosa vi aspettate? Fateci sapere la vostra…