Serie 3: guida alle sfide della primavera

Serie 3: guida alle sfide della primavera

Profilo di Rios
 WhatsApp

L’ultima stagione della Serie 3 di Forza Horizon 5 ha finalmente offerte delle sfide interessanti, riprendendo un po’ il filo dopo le settimane di anonimato. Abbiamo anche visto dei premi degni di nota, che arrivano nel gioco come antipasto gustoso prima della Serie 4.

Nonostante tutto, però, la difficoltà generale della competizione non è stata troppo elevata. Alcuni campionati sono davvero molto semplici, mentre le acrobazie stagionali non riservano particolari sorprese. Il tutto potrà essere completato molto velocemente e senza nessun problema di sorta.

Nella nostra guida settimana vi semplifichiamo ulteriormente la vita, indicandovi le scelte preferenziali per terminare in fretta le sfide.

L’ultima stagione della Serie 3

Campionati stagionali

Scontro tra felini

  • Restrizioni: solo auto JaguarPeugeot di classe A 800
  • Auto consigliata: Jaguar I-PACE del 2018
  • Alternative: Jaguar XE-S del 2015, Peugeot 207 Super 2000 del 2007

Diciamolo subito: la Jaguar I-PACE è l’auto da battere in questo campionato. Se volete utilizzarla, però, vi consigliamo di potenziarla al massimo nella classe A, in modo da ridurne leggermente il peso ed aumentarne la maneggevolezza generale.

In ogni caso dovrete essere bravi nelle curve a gestire il minimo sottosterzo dell’auto, che non è problematico ma potrebbe mettere in difficoltà i giocatori meno esperti. Infine cercate di prendere un filino di vantaggio prima di affrontare i rettilinei, in quanto la velocità massima della I-PACE è limitata rispetto alle altre auto disponibili. Nulla di drammatico, intendiamoci, ma comunque potrebbe fare la differenza se non si sta attenti.

Ascolta il mio ruggito

  • Restrizioni: solo muscle car retrò di classe B 700
  • Auto consigliata: Chevrolet Corvette ZR-1 del 1995
  • Alternativa: Ford STV Cobra R del 2000

Questo è l’unico campionato della stagione davvero combattuto, in quanto le auto presenti si equivalgono su quasi tutti i fronti. La scelta ricade molto sul gusto personale, ma onestamente la Corvette ZR-1 è stata leggermente superiore alle altre dopo alcuni test.

Parliamo di differenze piccole, sia chiaro, ma comunque bisogna farlo presente. Se riuscirete a domarla in partenza, dove la sua potenza la fa slittare moltissimo, avrete tra le mani un’auto validissima. Ma anche la STV Cobra R si difende benissimo, anche se è leggermente inferiore in termini di prestazioni.

Fatti valere

  • Restrizioni: solo sportive moderne di classe S1 900
  • Auto consigliata: Audi TTS Coupé del 2015
  • Alternative: nessuna

Fate molta attenzione a questo campionato insidioso. Infatti, nonostante sia dedicato alle sportive moderne, presenta tre gare in fuoristrada. Se non notate questo dettaglio prima e non preparate la vostra auto, potreste avere delle grosse difficoltà.

Se non avete voglia di fare modifiche troppo approfondite al vostro veicolo, potete optare tranquillamente per l’Audi TTS Coupè. Questa macchina ha un vantaggio enorme rispetto alle sue concorrenti: dispone della trazione integrale già di serie.

In un campionato come questo, la trazione integrale è fondamentale per portare a casa la pelle. Con dei veicoli a trazione posteriore avrete davvero tanti, troppi problemi. Perciò assicuratevi di tenere a mente questa cosa, per evitare dei disastri.

Acrobazie stagionali della serie 3

Scarpata (rilevatore di velocità)

  • Restrizioni: potete usare soltanto la Volkswagen Golf R del 2014 di classe B 700
  • Obiettivo: 206,0 KM/H

Prima di provare a completare questo rilevatore di velocità, assicuratevi di dare una bella potenziata alla vostra Golf. Chiaramente potete fare ben poco, ma quel minimo vi darà la spinta giusta per raggiungere la velocità obiettivo e completare la sfida.

Vi consigliamo di prendere una lunghissima rincorsa, sfruttando la strada più o meno dritta ed evitando di rallentare anche in presenza delle piccole curve.

La subida (zona di velocità)

  • Restrzioni: solo buggy di classe D 500
  • Auto consigliata: Volkswagen Class 5/1600 Baja Bug del 1969
  • Obiettivo: 138,4 KM/H

Anche in questo caso, prima di procede con i vostri tentativi dovrete potenziare il veicolo consigliato per sfruttare al massimo l’esigua potenza messa a disposizione. Successivamente recatevi sul luogo della sfida, e prendete una lunga rincorsa.

Dovrete cercare di arrivare all’ingresso della zona con una velocità molto alta, pari o superiore a 130 KM/H, in modo da arrivare all’obbiettivo richiesto prima della fine del tracciato che, fortunatamente, non presenta curve difficili che vi costringeranno a rallentare.

Hotel (segnale di pericolo)

  • Restrizioni: solo Fuoristrada unlimited di classe A 800
  • Auto consigliata: Jeep Trailcat del 2016
  • Obiettivo: 130,0 M

Questo salto risulta davvero molto semplice con la Jeep Trailcat. Vi basterà salire sulla collina che è difronte il segnale di pericolo, e prendere una rincorsa adeguata.

Sfida forzathon settimanale della Serie 3

Per la sfida forzathon di questa settimana non ci sono particolari consigli che dobbiamo darvi. Vi basterà seguire le indicazioni del gioco per portarla a termine velocemente.

DRIVE TO DREAM: luce sul nuovo contest a caccia dei migliori driver europei!

DRIVE TO DREAM: luce sul nuovo contest a caccia dei migliori driver europei!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Lanciato ieri, 16 Maggio 2022 da Identity Event srl, agenzia di comunicazione legata al mondo del motorsport il contest DRIVE TO DREAM alla sua prima edizione.

Un’idea innovativa nata con lo scopo di fare scouting tra i tantissimi talenti dell’Esports Europeo, il miglior driver potrà essere selezionato per correre un’intera stagione nella Porsche Carrera Cup Italia nel 2023.

Una sinergia nata qualche mese fa tra Identity Event ed Ak Esports con i suoi partner tecnologici. Ad accompagnare la comunicazione dell’evento ci sono content creators del calibro di Alberto Naska ed Andrea Pirillo.

L’auto di riferimento per la competizione è la fantastica Porsche 911(992) GT3 Cup, sia in Assetto Corsa Competizione, dove hanno luogo le competizioni virtuali, che per la selezione e test con vetture reali in pista. L’obiettivo di questo contest è dare una possibilità anche ai sim drivers che per ragioni di budget non possono entrare nel mondo delle corse partendo da Kart o formule minori come accade di consueto.

Come detto la piattaforma della competizione virtuale è Assetto Corsa Competizione, il simulatore di guida prodotto da Kunos Simulazioni, la cui fedeltà nella riproduzione dell’esperienza in pista è tale da diventare il riferimento obbligato per una iniziativa che si basa sul trasferimento delle abilità del pilota tra il Sim Racing e la guida sulle piste reali.

Drive to Dream punta a coinvolgere migliaia di appassionati con l’obiettivo di divenire il nuovo talent scout del motorsport a ruote coperte.

Il format

Accedono al campionato tutti i maggiori di 16 anni residenti in Europa che avranno acquistato sul sito ufficiale https://drivetodream.eu il video corso della Porsche GT3 Cup, prodotto da Identity Event grazie ad alcuni famosi coach drivers per 99€.

Drive to dream si svolgerà in due fasi, la prima online con il simulatore Assetto Corsa Competizione e la nuova Porsche 911 GT3 Cup dove tutti i partecipanti dovranno sfidarsi in 2 gare, una ad Imola ed una a Misano per poter accedere alla fase finale virtuale. I migliori 96 driver accederanno all’ultima competizione presso il  circuito di Monza divisi in due batterie da 48 driver.

I migliori 10 sim driver di ogni batteria, per un totale di 20, passeranno alla seconda fase di Drive to Dream che si svolgerà presso il Porsche Experience Center di Franciacorta dove con l’ausilio di due driver professionisti come Matteo Cairoli e Riccardo Pera oltre che con il supporto di ingegneri e meccanici del team Ombra Racing si svolgeranno i test e le selezioni in pista. Da questi test il migliore verrà selezionato per correre tutta la stagione 2023 sulla Porsche 911 GT3 Cup di Ombra Racing sponsorizzata da Identity Event nel campionato Porsche Carrera Cup Italia 2023.

CALENDARIO DRIVE TO DREAM

  • Iscrizioni: dal 16 Maggio al 12 Giugno
  • Online Qualifications: Dal 22 Giugno al 22 Luglio (1° qualification Misano – 2° qualification Imola)
  • Online Finals: 23 Settembre (Monza)
  • Track Test: TBC
  • 2023: Porsche Carrera Cup Italia

CANALI DRIVE TO DREAM

Forza Horizon 5: la Serie 7 inaugura il mese della Ferrari

Forza Horizon 5: la Serie 7 inaugura il mese della Ferrari

Profilo di Rios
 WhatsApp

Nel pomeriggio di domani, 28 aprile 2022, la Serie 7 arriverà su Forza Horizon 5 ed inaugurerà quello che potremmo definire il “mese della Ferrari“. Infatti durante le nuove playlist del festival, avremo la possibilità di ottenere ben 5 nuove vetture del celebre marchio motoristico italiano.

Queste aggiunte saranno disponibili gratuitamente per tutti, in quanto slegate dai veicoli ottenibili solo tramite l’acquisto del pass auto. Bisognerà soltanto portare a termine le classiche sfide settimanali, che però non sono state molto entusiasmanti nel giorni passati.

Ma la Serie 7 non si limiterà a questo, visto che Playground Games ha annunciato tante altre novità in arrivo per il suo gioco.

La Serie 7 di Forza Horizon 5

Il “mese della Ferrari”

Tutti gli appassionati d’auto non possono non amare le creazioni della Ferrari, marchio motoristico italiano apprezzato in tutto il mondo. Lo sanno bene gli sviluppatori di Playground Games, che hanno deciso di dedicare questo mese di Forza Horizon 5 al Cavallino Rampante.

Infatti, da oggi pomeriggio, si potranno ottenere ben cinque veicoli della casa di Maranello. In questa lista troviamo auto storiche del brand, ma anche qualche nuova uscita che i fan di Forza Horizon 5 hanno chiesto gran voce sin dal giorno d’uscita del gioco.

  • 1962 Ferrari 250 GT Berlinetta Lusso
  • 1992 Ferrari 512 Testa Rossa
  • 2014 Ferrari California T
  • 2020 Ferrari F8 Tributo
  • 2020 Ferrari SF90 Stradale

Le novità del pass auto

Oltre alle auto gratuite sopramenzionate, arriveranno anche degli altri veicoli esclusivi per tutti quegli utenti che hanno acquistato il pass auto di Forza Horizon 5. Nell’elenco fornito dagli sviluppatori ci sono delle chicche interessanti, anche se nulla è davvero entusiasmante.

  • 2003 Ford F-150 SVT Lightning
  • 2008 Dodge Magnum SRT-8
  • 2014 Forsberg Racing Nissan 370Z “SafariZ” Safari Rally Tribute
  • 2019 Toyota Tacoma TRD Pro

Il Cinco de Mayo

Infine, durante la Serie 7, ci saranno anche le celebrazioni del Cinco di Mayo, una delle feste più importanti per la cultura messicano-statunitense. E per celebrare adeguatamente questa ricorrenza, vedremo degli addobbi a tema nella mappa di gioco. Purtroppo ancora non si hanno notizie della prima espansione di Forza Horizon 5, che ancora tarda ad arrivare.

Coppa del Mondo Horizon: una grossa occasione persa

Coppa del Mondo Horizon: una grossa occasione persa

Profilo di Rios
 WhatsApp

L’ultima settimana della Coppa del Mondo Horizon ha decretato, almeno in termini di gameplay puro, il fallimento dell’evento. Questo progetto aveva tutte le potenzialità per essere straordinario, ma alla fine è stato soltanto un rimescolare le carte in maniera goffa e ripetitiva.

Purtroppo Playground Games non ha saputo (o voluto) dare di più, propinando la solita formula con una veste leggermente diversa. Una mancanza che condannato l’andamento generale dell’evento, che non ha convinto sotto moltissimi punti di vista e che poteva dare di più.

Insomma, un piccolo disastro che non intacca la bellezza di Forza Horizon 5, ma che poteva regalare al gioco un altro periodo splendente.

La Coppa del Mondo Horizon non convince

Potenzialità non sfruttate

Come detto nell’introduzione dell’articolo, la Coppa del Mondo Horizon aveva delle potenzialità davvero grandissime per Forza Horizon 5. Parliamo di una competizione “a nazionali”, che ha messo in campo il meglio dell’industria automobilistica mondiale.

GiapponeGermaniaGran BretagnaItaliaFranciaStati Uniti si sono contesi (ed ancora si contendono) la vittoria finale. Un format innovativo per un gioco di auto, che avrebbe potuto dare una profondità impensabile al gameplay di un gioco di auto.

Purtroppo, però, Playground Games ha sbagliato la rotta. Infatti la classica formula delle sfide stagionali non è cambiata, anzi è addirittura peggiorata. I campionati settimanali, ad esempio, sono stati tutti identici tra di loro. Non c’è stata la minima parvenza di sfida o di diversità, ma il tutto si è ridotto ad un vincere le gare quasi sempre con lo stesso veicolo.

Alcune nazioni, come l’Italia, sono state fortemente penalizzate da queste scelte uguali, non hanno lasciato spazio alle supercar nostrane. All’interno di Forza Horizon 5, infatti, il nostro paese può vantare solo le supercar, visto che i veicoli di classe inferiore o i fuoristrada non sono stati considerati dagli sviluppatori.

Alla fine tutto si è ridotto ad un farming compulsivo di punti per vincere le auto in palio, proprio come succede nelle normali stagioni. Quando la Coppa del Mondo Horizon è stata annunciata ci si aspettava di più, per un format che avrebbe potuto rivoluzionare il gioco. Speriamo vivamente che Playground Games possa migliorare questo tipo di evento, per riproporlo in futuro nel corso della lunga vita del titolo. Ma, per adesso, dobbiamo bocciare un progetto che non ha portato nulla di nuovo.