Prima settimana Fortnite World Cup: bug, Girosfera e stream sniping colpiscono ancora

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

La prima Qualifier della Coppa del Mondo di Fortnite si è appena conclusa, e sono di conseguenza usciti i primi nomi dei qualificati per l’evento di New York.

A farla da padrone, però, non sono state solo le prestazioni dei principali top player, ma anche alcuni bug, casi di stream sniping e Girosfere in abbondanza che hanno ovviamente rovinato il punteggio di alcuni giocatori.

FUCILE A POMPA FANTASMA

Un incredibile bug ha portato alla sconfitta del player dei TSM, ZexRow, mentre partecipava ad una partita di Qualificazione Solo.

Potete vedere il video in questione, montato alla perfezione da Hot, qui sotto. Tenete presente che il tutto è stato realizzato sfruttando la funzionalità Replay di Fortnite, che ci permette di osservare cosa esattamente vede il server.

Il server registra come ZexRow preme effettivamente il grilletto, con anche l’animazione del colpo sparato. E quest’ultimo colpisce anche il giocatore avversario, grazie sempre all’animazione a testimonianza! Ma, inspiegabilmente, il danno dell’attacco non viene riportato.

Non immaginiamo la rabbia del giocatore in questione, soprattutto con quanto in palio. Di certo, non è ancora possibile vedere certi bug e ghost hit a questa versione del gioco, ma soprattutto durante la Coppa del Mondo!

GIROSFERE OVUNQUE

Il recente nerf alla Girosfera, che ha portato la sua salute da 300 a 200, è stato molto probabilmente un estremo tentativo da parte degli sviluppatori per ridurre il suo utilizzo, in attesa di un fix ufficiale.

Ebbene, sembra che tutto ciò sia stato vano, come potete vedere nel video sottostante.

La clip riguarda una partita delle recenti qualificazioni, dove sono presenti ben 12 diverse Girosfere con 17 player rimasti in gioco. Il tutto, nello spazio di pochi metri.

Analizziamo meglio la situazione, per capire effettivamente il perché questo sia un serio problema da risolvere.

Le persone dentro le Girosfere hanno già un buon loot e 1500 materiali, che possono quindi utilizzare per costruire subito appena distrutta la sfera.

Mettiamoci nei panni di un giocatore che affronta 12 Sfere. Chi attacchi? Come posso proteggermi dagli altri? Anche se attacco, posso garantirmi un’uccisione quando quella persona inizierà a costruire immediatamente?

E’ ovvio come, in questo momento, essere in una Girosfera sia la soluzione migliore, dandoti un leggero vantaggio rispetto a chi è senza mezzo.

Epic Games penserà mai a risolvere il problema?

STREAM SNIPING

Non poteva mancare ad un evento simile il caso di Stream Sniping ai danni dei pro player più famosi.

Durante le qualificazioni della Coppa del Mondo, Ninja stava andando abbastanza decentemente, dando il meglio di se in live. Aveva impostato un ritardo di 3 minuti alla sua stream, per ridurre al minimo il rischio di stream sniping, ma non è bastato, forse.

Lo streamer era in battaglia con un altro giocatore che aveva ingaggiato da poco. Stava cercando di prendere una certa distanza con l’avversario, quando all’improvviso qualcuno lo prende di sorpresa.

Qualcuno aveva usato il getto di un geyser per avvicinarsi rapidamente a lui ed eliminarlo.

Ecco la clip che mostra cosa è successo:

https://clips.twitch.tv/RichHelpfulChoughHotPokket?tt_medium=clips_api&tt_content=url

Anche per i giocatori amatoriali, è logico utilizzare una strategia simile per posizionarsi al meglio prima di una fight. Ma essere così aggressivi come il player che ha ucciso Ninja, ha lasciato qualche dubbio al content creator.

Egli, infatti, ha voluto revisionare il replay dell’accaduto, cercando di dare una spiegazione a tutto ciò. Cosa che gli è risultata difficile, facendo pensare quindi ad uno stream sniping.

https://clips.twitch.tv/StrongLitigiousDiscOMGScoots?tt_medium=clips_api&tt_content=url

I dubbi, comunque, rimangono, ma sembra l’ipotesi più probabile.

CHEAT

Ultimo, ma non meno importante, il clamoroso caso scoppiato riguardo l’utilizzo di cheat da parte di JonnyK, celebre pro player.

Il player del Team Kaliber è stato infatti “pizzicato” mentre chiedeva informazioni circa un cheat da acquistare da un hacker.
Tutta la conversazione tra l’ormai ex pro, svincolato dal team, e l’hacker è stata resa pubblica, e nel testo si può leggere come JonnyK in più occasioni rimarca il fatto che “fa parte di un’organizzazione gigantesca” e che “il suo nome deve restare nell’anonimato, altrimenti la sua carriera finirebbe immediatamente”.

JonnyK Cheat Coppa del Mondo World Cup Fortnite
Ecco la discussione tra JonnyK ed il presunto venditore di cheat.
Fonte: The FortniteGuy

Potete leggere il nostro approfondimento a questo articolo:

ALTRI ARTICOLI FORTNITE:

Marco "Disfact" Scarfone

Sono nel mondo dei videogiochi sin da piccolo e, crescendo, questa passione mi ha portato ad appassionarmi agli eSports. Sono a capo della community di Rocket League in Italia, organizzando tornei e gestendo tutto quanto riguarda il gioco in Italia.