Fortnite: Probabile SWAT a casa di Bugha!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

SWAT, acronimo inglese per Special Weapons And Tactics (in italiano: Armi e tattiche speciali), originariamente sigla di Special Weapons Assault Team (squadra d’assalto con armi speciali), è un termine usato negli Stati Uniti d’America per indicare le unità speciali di polizia destinate a compiti ad alto rischio, come operazioni anti-terrorismo, salvataggio di ostaggi e antisommossa.

Partiamo da questa definizione fornita da Wikipedia per iniziare questo articolo relativo a quello che sembra essere un apparente caso di SWAT a casa dell’attuale campione del mondo Solo, Bugha.

Il noto player stava streammando dalla postazione di camera sua, e si trovava in una fase concitata del match insieme ai pro player Bizzle e Dubs, con l’ultimo anello che si apprestava a chiudere. All’improvviso, la voce di suo padre viene registrata nella stream, con il genitore che chiede al ragazzo di raggiungerlo nell’altra sala per un problema. Inizialmente Bugha rifiuta, vista la situazione in game, ma quando suo padre parla di un tentativo di SWAT, Bugha capisce la gravità della situazione e lascia improvvisamente la stream ed i suoi compagni.

La stream è rimasta comunque online, permettendo agli spettatori di osservare la vittoria del team che è arrivata lo stesso nonostante l’inaspettato problema occorso. Bugha racconta poi l’accaduto al suo team, sostenendo di aver risolto il problema e di aver dato le sue informazioni alla polizia per evitare inconvenienti simili in futuro.

Infine, si è lasciato andare a poche ma significative parole sul suo account Twitter, rassicurando anche i fan per quanto riguarda la situazione. E’ ovvio sottolineare come chiamare la polizia per falsi allarmi è uno spreco di tempo e soldi per la polizia, oltre che potrebbe portare a gravi conseguenze in caso di segnalazione erronea. Alcune persone sono morte per un evento simile, ed i responsabili stanno pagando le loro conseguenze per un gesto folle come questo.

Grazie per la lettura

ALTRI ARTICOLI FORTNITE:

 

Marco "Disfact" Scarfone

Sono nel mondo dei videogiochi sin da piccolo e, crescendo, questa passione mi ha portato ad appassionarmi agli eSports. Sono a capo della community di Rocket League in Italia, organizzando tornei e gestendo tutto quanto riguarda il gioco in Italia.