Fortnite: Luci ed ombre senza la Girosfera

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

A partire dall’introduzione della Infinity Blade prima del Winter Royale, gli Esport di Fortnite sono stati in costante cambiamento.

Dalla Spada, agli aerei fino alla Girosfera, mezzi ed oggetti che hanno dominato le partite sin dal loro ingresso nella scena.

Girosfera Fortnite
La tanto criticata Girosfera, recentemente disabilitata momentaneamente

Lo scorso fine settimana abbiamo finalmente ottenuto una tregua. A causa di un bug in cui i giocatori non riuscivano ad uscire dai mezzi, Epic ha dovuto disabilitarli tutti, compresa la Girosfera, nella partite competitive.

Il risultato è stato il nostro primo vero assaggio agli Esport di Fortnite senza un veicolo. Ed i commenti e riscontri sono stati quasi del tutto positivi!

Ecco come si presentava un endgame senza messi:

Secondo molti, Epic Games manteneva i veicoli in gioco perchè una situazione come quella nell’immagine sopra poteva causare lag fastidiosi.

Enormi quantità di oggetti in schermo e nel server possono ovviamente portare a tutto ciò, ma a quanto pare tale situazione non sembra essersi verificata.

C’è chi, però, giustamente si lamenta di quando è stato annunciata l’eliminazione dei mezzi.

Il tutto è stato comunicato sul profilo ufficiale Twitter del gioco, ad un orario che per alcuni, in base al fuso rario, era relativamente scomodo.

Come per i giocatori dell’Europa Centrale, con l’annuncio arrivato alle 5:10 del mattino.

Certo, è anche vero che un bravo giocatore deve sapersi adattare ad ogni situazione, ma apportare una modifica così grossa tra le Semifinale e le Finali non è certo la mossa migliore.

Diverse critiche si sono susseguite all’annuncio, anche da professionisti del settore o di altri giochi.

Decine di milioni di dollari in palio? Ottimo, disabilitiamo solo una parte centrale del gioco e distruggiamo la strategia dei giocatori 12 ore prima dell’inizio del torneo a causa di un bug che non possiamo correggere!

Rod Breslau, Esport Consultant

È molto generoso da parte tua chiamarlo un esport in queste circostanze. Lo considero più di uno showmatch promozionale.

MonteCristo, OWL Analyst

Luci ed ombre, dunque, sulla situazione Esport di Fortnite. Tocca ad Epic Games imparare dai propri errori ed evitare il ripetersi di certe situazioni.

Grazie per la lettura

ALTRI ARTICOLI FORTNITE:

Marco "Disfact" Scarfone

Sono nel mondo dei videogiochi sin da piccolo e, crescendo, questa passione mi ha portato ad appassionarmi agli eSports. Sono a capo della community di Rocket League in Italia, organizzando tornei e gestendo tutto quanto riguarda il gioco in Italia.