You Tube blocca la visualizzazione dei ‘Non mi Piace’ ai video – Secondo xQc “è un grosso errore”

You Tube blocca la visualizzazione dei ‘Non mi Piace’ ai video – Secondo xQc “è un grosso errore”

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Dopo l’esperimento operato tra la metà e l’inizio del 2021, Youtube, con un post su Twitter ed un video approfondito che andremo ad analizzare poco più in basso, ha infine ufficializzato la rimozione del conteggio dei ‘dislike’ (ossia i ”Non mi piace”) dai video presenti sulla piattaforma.

Nel corso del tempo Youtube é cambiata molto, quasi parallelamente al target di pubblico che la popola, rimanendo però da sempre una delle uniche piattaforme che offre la possibilità di esprimere il proprio dissenso con ciò che viene detto, mostrato o fatto all’interno dei video.

Come anticipato, il team di Youtube ha ufficializzato la cosa nella serata di ieri con un post su Twitter in cui scrive: ”Per ridurre gli attacchi mirati di dislike ed il loro impatto su alcuni creator (specialmente tra quelli più piccoli), a partire da oggi non vedrete più il conteggio pubblico dei ‘non mi piace’ anche se il pulsante rimarrà.”

Youtube ed i ‘non mi piace’ privati – La faccenda spiegata da Matt Koval

Salve a tutti, come sicuramente saprete già, Youtube ha sperimentato negli scorsi mesi la rimozione del conteggio dei ‘non mi piace’ pubblico.

Ora questa cosa, se siete come me, vi avrà stupiti. Ho sempre pensato che come spettatori il conteggio dei ‘non mi piace’ ci aiutasse a capire se fosse un video utile o meno o se le cose dette fossero generalmente condivise o meno.

Apparentemente gruppi di spettatori continuano a prendere di mira il tasto del dislike di determinati video per trasformare tutto in una specie di gioco con un contatore visibile. Solitamente solo perché non gli piace quel determinato creator o quello che quel creator sostiene. Questo, purtroppo, é un grande problema quando la missione di Youtube é anche dare voce in capitolo a tutti.

XQC contro la decisione di Youtube – Ecco perché non ha senso

Come riportato nel titolo di quest’articolo, a dire la sua sulla questione, tra gli altri, c’é stato anche Felix ‘xQc’ Lengyel, noto streamer (nonché ex-professionista di Overwatch), che ha definito la manovra messa in atto da Youtube come ”assolutamente insensata”.

Nella clip che potrete recuperare poco più in basso, la star di Twitch si scaglia in maniera molto critica nei confronti del video di Koval, dichiarando: ‘‘Non é così ragazzi, se sostieni delle cause di m***a, sei un idiota e dici idiozie nei tuoi video, perché dovresti essere ricompensato con dei like”?

”Se le tue views sono stupide, e tu sei uno stupido, il conteggio dei ‘non mi piace’ dice alla gente che sei uno stupido. Allo stesso modo tutte le cose buone ricevono i like e tutto possono vedere che approvi qualcosa.

Se togli questo sistema, tutti possono entrare e dire quello che gli pare. Ogni volta che un’azienda o un brand se ne usciranno con un video disgustoso pieno di cattive intenzioni che promuovono, in quel caso avranno sempre un rateo del 100%.”

Insomma, nonostante Youtube abbia giustificato la mossa come una manovra operata e pensata per aiutare i creator più piccoli a prendere voce in capitolo, xQc sostiene che questa sia una furba operazione di mercato volta ad aiutare le aziende ad avere più libertà di movimento riguardo cosa postare, senza la paura che i propri video possano venire affossati dal malcontento comune.

Cosa ne pensate? Come sempre la discussione è aperta!

Articoli Correlati:


Il Signore degli Anelli – c’è l’accordo per ACQUISTARE il franchise, la cifra da pagare è MOSTRUOSA

Il Signore degli Anelli – c’è l’accordo per ACQUISTARE il franchise, la cifra da pagare è MOSTRUOSA

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Embracer Group, compagnia videoludica con sede in Svezia, secondo i report, sarebbe ormai sul punto di concludere la trattativa per ACQUISTARE l’intero franchise del Signore degli Anelli e Lo Hobbit.

Originariamente divisione della Saul Zaentz Company, a detenere i diritti di tutte le opere originate dal genio di J.R.R. Tolkien è ad oggi la compagnia nota con il nome di Middle-earth Enterprises.

L’azienda detiene tutti i diritti non solo sulle pellicole, ma anche su videogiochi, giochi da tavolo, tutto il merchandising, compresi parchi a tema e rivisitazioni teatrali. Nell’accordo, secondo le fonti, sarebbero presenti anche i diritti sulle opere letterarie, riguardo le quali tuttavia ci sarà da discutere con Tolkien Estate ed HarperCollins, le case di produzione delle opere che attualmente gestiscono i diritti.

Quanto costa l’intero franchise del Singore degli Anelli?

L’accordo, che alla compagnia svedese, almeno secondo le stime, potrebbe costare fino a 788.000.000 $, dovrebbe portare (come da annuncio) “significative opportunità di crescita all’interno di giochi per PC, console, dispositivi mobili e da tavolo”.

Ad annunciare la quasi-ufficialità della firma, è stato lo stesso amministratore di Embracer, che ha dichiarato: “Sono davvero entusiasta di avere Il Signore degli Anelli e Lo Hobbit, uno dei franchise fantasy più epici del mondo, nella famiglia Embracer. Apriremo più opportunità ”transmediali”, comprese sinergie all’interno del nostro gruppo globale.”

Embracer, stando a quanto trapelato dall’accordo, lascerebbe di fatto intatta la leadership di Middle-earth Enterprises, iniziando a lavorare con il gruppo operativo Embracer Freemode per promuovere opportunità di crescita e sinergie all’interno del Gruppo per continuare a costruire ed espandere un franchise che nonostante gli anni passano non tramonta mai.

Insomma, che ne pensate community? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli Correlati:


IShowSpeed ARRESTATO dalla Polizia in diretta streaming: ennesimo caso di SWATTING

IShowSpeed ARRESTATO dalla Polizia in diretta streaming: ennesimo caso di SWATTING

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Il noto youtuber IShowSpeed, il quale nome potrebbe non dirvi nulla, ma il quale volto in copertina non sarà sicuramente estraneo, è stato arrestato ed assaltato dalla polizia proprio mentre si trovava in diretta.

Per i meno esperti, IShowSpeed è un notissimo youtuber da oltre 10.000.000 di iscritti sul Tubo, divenuto particolarmente famoso negli ultimi mesi per la sua personalità… abbastanza controversa.

”Speed”, come lo hanno rinominato in community, è infatti diventato famoso, fondamentalmente per due motivi: la sua mancanza di autocontrollo e la sua mancanza di qualsiasi tipo di filtro verbale nei confronti, ad esempio, dei poveri malcapitati che giocano con lui.

IShowSpeed, assalto della SWAT in streaming

Continua dunque la wave dello ”SWATTING”, il fenomeno principalmente statunitense che coinvolge un numero di streamer sempre maggiore. Tra gli ultimi a ricevere attacchi di questo tipo, anche Adin Ross, che dopo aver confermato di aver parlato con Speed ed aver detto che stanno entrambi bene, non ha nascosto di avere un’enorme paura anche per i suoi colleghi.

Il fenomeno, come già detto in continua crescita, consiste fondamentalmente nello scoprire prima la posizione dell’abitazione di uno streamer o di un personaggio conosciuto, per poi fare una segnalazione anonima alla Polizia dove si dice che, ad esempio, in quella casa sono presenti degli esplosivi o delle persone rapite.

L’intervento della Polizia degli Stati Uniti avviene immediatamente, cogliendo spesso di sorpresa le vittime di questo fenomeno, anche proprio nel bel mezzo di una diretta streaming.

Qui in basso il video dell’accaduto.

IShowSpeed

Dopo il caso di ImperialHal e quello di Adin Ross, ora anche IShowSpeed è stato colpito da questa piaga. Quando finirà? Che ne pensate? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli Correlati:


Casino e Slot presto a rischio BAN su Twitch? Regole molto più severe in arrivo

Casino e Slot presto a rischio BAN su Twitch? Regole molto più severe in arrivo

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Le numerose polemiche e lamentele intorno al mondo delle Slot e dei Casino streammati in diretta su Twitch sembrerebbero alla fine aver sortito l’effetto desiderato.

Secondo le ultime indiscrezioni, la piattaforma sarebbe ad oggi già al lavoro su una serie di regole molto severe da applicare a coloro i quali fanno del gioco d’azzardo il loro contenuto di punta.

Figure come quella di xQc a livello internazionale e di Jok3r e Marza a livello nostrano hanno dimostrato in diverse occasioni quanti soldi girino in questo settore, lasciando dietro alle loro dichiarazioni un alone di tristezza e squallore senza precedenti.

Twitch, Casino e Slot a rischio BAN? Ecco il report di Bloomberg

Secondo un recente reportage di Bloomberg, testata specializzata in inchieste ed indagini sul mondo del web, Twitch sarebbe attualmente già al lavoro su un sistema di regolamentazione molto più severa su Slot e Casino.

Riportiamo testualmente: ‘‘Twitch è attualmente nel mezzo di un’analisi approfondita degli effetti del gioco d’azzardo sugli spettatori delle dirette […] la piattaforma prende qualsiasi potenziale danno alle community estremamente seriamente.”

‘Twitch monitora già i contenuti di questo tipo da vicino per garantire che il nostro approccio riduca i potenziali danni alla nostra comunità globale e, come tale, ha tolto la possibilità agli streamer di condividere i ‘referral link’ ad alcuni siti web. Tuttavia, molti possono ancora aggirarlo con i messaggi di chat e altre vie traverse, come le pubblicità.”

Ovviamente il BAN assoluto per questi contenuti rimane la soluzione ideale secondo moltissimi utenti, ma per una decisione del genere ci sarà ancora da attendere. Cosa ne pensate? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli Correlati: