Bruce Ray bannato da Twitch per aver detto ‘CRACKER’

Bruce Ray bannato da Twitch per aver detto ‘CRACKER’

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Il noto streamer Bruce Ray, meglio conosciuto come BruceDropEmOff su Twitch, é l’ennesimo streamer caduto ”vittima” del banhammer di Twitch dopo aver pronunciato, o meglio, scritto, una parola giudicata particolarmente offensiva dalla piattaforma: CRACKER.

Questa parola é stata negli ultimi giorni motivo di diverse discussioni in community, con una certa fetta di utenti che la giudicano offensiva, quando rivolta ad un ragazzo bianco per sottolinearne la fragilità ed il pallore, tanto quanto la ”N” Word usata per insultare una persona di colore, mentre invece altri sostengono che in questo caso non possa trattarsi di vero e proprio razzismo.

Ray é, purtroppo, solo l’ultimo di una serie di quattro streamer caduti sotto i colpi del banhammer di Twitch dopo aver pronunciato o scritto la parola in questione. Tra questi anche il celeberrimo streamer HasanAbi, allontanato dal suo canale per ben 1 settimana, dopo aver usato apertamente la parola nelle sue dirette streaming.

Al momento della sospensione, BruceDropEmOff era un canale che contava oltre 400.000 seguaci, un bel danno del quale ancora non é quantificabile il valore, visto che né lo streamer, né la piattaforma, hanno reso noto la durata di questa severa sospensione.

Moltissimi in queste ore i messaggi di solidarietà arrivati da più fronti della community, anche dallo stesso Hasan, che imperterrito ha continuato a supportare la causa da Twitter: ”Twitch dovrebbe smetterla di arrendersi ai suprematisti bianchi e a quelli che hanno a che fare con le politiche per l’identità bianca, state rendendo la piattaforma un posto sempre peggiore.”

Bruce Ray, evidentemente turbato in seguito all’accaduto, ne ha approfittato per scoccare una freccia diretta al cuore di Twitch, scrivendo in un altro post su Twitter: ”Vorrei che Twitch fosse così granitica anche nella protezione delle persone di colore.”

Come auspicabile, l’Hashtag #FREEDEO é diventato subito virale, coinvolgendo un gran numero di content creator da tutto il mondo, appartenenti a culture, idee e religioni totalmente diverse tra loro. Twitch al contrario, non sembra aver voluto ancora chiarire la sua posizione in merito alla parola CRACKER, lasciando intendere la preoccupazione riguardo una possibile class action dei suoi ”Impiegati”, che stavolta sembrano davvero decisi a cambiare le cose.

Insomma, sebbene sia un argomento molto più caldo oltreoceano, é abbastanza prevedibile che presto queste novità arriveranno anche qui da noi. Cosa ne pensate community? Come al solito non mancate di farci sapere la vostra con un commento qui sotto, oppure in community!

Hideo Kojima ha ricevuto un grosso regalo da Riot

IShowSpeed ARRESTATO dalla Polizia in diretta streaming: ennesimo caso di SWATTING

IShowSpeed ARRESTATO dalla Polizia in diretta streaming: ennesimo caso di SWATTING

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Il noto youtuber IShowSpeed, il quale nome potrebbe non dirvi nulla, ma il quale volto in copertina non sarà sicuramente estraneo, è stato arrestato ed assaltato dalla polizia proprio mentre si trovava in diretta.

Per i meno esperti, IShowSpeed è un notissimo youtuber da oltre 10.000.000 di iscritti sul Tubo, divenuto particolarmente famoso negli ultimi mesi per la sua personalità… abbastanza controversa.

”Speed”, come lo hanno rinominato in community, è infatti diventato famoso, fondamentalmente per due motivi: la sua mancanza di autocontrollo e la sua mancanza di qualsiasi tipo di filtro verbale nei confronti, ad esempio, dei poveri malcapitati che giocano con lui.

IShowSpeed, assalto della SWAT in streaming

Continua dunque la wave dello ”SWATTING”, il fenomeno principalmente statunitense che coinvolge un numero di streamer sempre maggiore. Tra gli ultimi a ricevere attacchi di questo tipo, anche Adin Ross, che dopo aver confermato di aver parlato con Speed ed aver detto che stanno entrambi bene, non ha nascosto di avere un’enorme paura anche per i suoi colleghi.

Il fenomeno, come già detto in continua crescita, consiste fondamentalmente nello scoprire prima la posizione dell’abitazione di uno streamer o di un personaggio conosciuto, per poi fare una segnalazione anonima alla Polizia dove si dice che, ad esempio, in quella casa sono presenti degli esplosivi o delle persone rapite.

L’intervento della Polizia degli Stati Uniti avviene immediatamente, cogliendo spesso di sorpresa le vittime di questo fenomeno, anche proprio nel bel mezzo di una diretta streaming.

Qui in basso il video dell’accaduto.

IShowSpeed

Dopo il caso di ImperialHal e quello di Adin Ross, ora anche IShowSpeed è stato colpito da questa piaga. Quando finirà? Che ne pensate? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli Correlati:

Casino e Slot presto a rischio BAN su Twitch? Regole molto più severe in arrivo

Casino e Slot presto a rischio BAN su Twitch? Regole molto più severe in arrivo

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Le numerose polemiche e lamentele intorno al mondo delle Slot e dei Casino streammati in diretta su Twitch sembrerebbero alla fine aver sortito l’effetto desiderato.

Secondo le ultime indiscrezioni, la piattaforma sarebbe ad oggi già al lavoro su una serie di regole molto severe da applicare a coloro i quali fanno del gioco d’azzardo il loro contenuto di punta.

Figure come quella di xQc a livello internazionale e di Jok3r e Marza a livello nostrano hanno dimostrato in diverse occasioni quanti soldi girino in questo settore, lasciando dietro alle loro dichiarazioni un alone di tristezza e squallore senza precedenti.

Twitch, Casino e Slot a rischio BAN? Ecco il report di Bloomberg

Secondo un recente reportage di Bloomberg, testata specializzata in inchieste ed indagini sul mondo del web, Twitch sarebbe attualmente già al lavoro su un sistema di regolamentazione molto più severa su Slot e Casino.

Riportiamo testualmente: ‘‘Twitch è attualmente nel mezzo di un’analisi approfondita degli effetti del gioco d’azzardo sugli spettatori delle dirette […] la piattaforma prende qualsiasi potenziale danno alle community estremamente seriamente.”

‘Twitch monitora già i contenuti di questo tipo da vicino per garantire che il nostro approccio riduca i potenziali danni alla nostra comunità globale e, come tale, ha tolto la possibilità agli streamer di condividere i ‘referral link’ ad alcuni siti web. Tuttavia, molti possono ancora aggirarlo con i messaggi di chat e altre vie traverse, come le pubblicità.”

Ovviamente il BAN assoluto per questi contenuti rimane la soluzione ideale secondo moltissimi utenti, ma per una decisione del genere ci sarà ancora da attendere. Cosa ne pensate? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli Correlati:

Amouranth, più la critichi e più guadagna: ecco quanto prende solo da Twitch

Amouranth, più la critichi e più guadagna: ecco quanto prende solo da Twitch

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Chiunque segua anche solo vagamente il mondo di Twitch e dell’Entertainment sulla piattaforma non potrà non aver sentito almeno una volta parlare di Kaitlyn ‘Amouranth’ Siragusa, streamer di successo, e content creator su Onlyfans ancora di maggior successo.

Il successo delle sue dirette streaming e di conseguenza anche dei suoi ”canali secondari”, è sicuramente dovuto ad una politica molto aggressiva nei ocnfronti del consumatore, che sempre più di frequente di trova bombardato da foto e contenuti molto espliciti.

Questo enorme volume di contenuti che potremmo considerare ”controversi”, genera a sua volta due tipi di reazioni: chi si interessa al prodotto e decide di acquistarlo, abbonandosi per esempio all’Onlyfans di Amouranth, e chi la disprezza, criticandola in lungo ed in largo.

Amouranth, quello che guadagna su Twitch lo deve agli haters?

In una recente intervista con Refinery29, è stata la stessa streamer ad aprirsi sull’argomento, rivelando che gran parte del guadagno che ogni mese arriva da Twitch è in realtà merito di chi la odia con tutte le sue forze.

”Sento che in realtà il mondo sarebbe un posto migliore se le persone fossero più desensibilizzate ai corpi umani, in particolare ai corpi femminili” – ha spiegato la streamer – ‘‘Se tutti riuscissero ad abituarsi a vedere ragazze in bikini, forse smetterebbero di impazzire e di comportarsi in modo strano.”

Le aziende utilizzano da sempre donne attraenti per attirare clienti ed avere un impatto migliore. Questo lo trovo decisamente fastidioso, ma così è il mondo e invece di sentirmi amareggiata, ho deciso di capitalizzarci sopra.”

”Non è stato molto difficile capire che scoprirmi un po’ di più funzionava, perché il mio numero di spettatori è passato rapidamente da circa 4.000 di media a 10.000 e 13.000, raggiungendo 20.000 e occasionalmente 30.000. Ad oggi guadagno più di 100.000 € al mese solo dal mio account Twitch.”

Insomma, che ne dite community? Avete mai seguito Amouranth su Twitch? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli Correlati: