Ninja, attacco massivo di BOT al suo canale Twitch, cosa sta succedendo?

Ninja, attacco massivo di BOT al suo canale Twitch, cosa sta succedendo?

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Twitch BOT – Tyler ‘Ninja’ Blevins, content creator famoso a livello internazionale ed ex-professionista di Fortnite, è sicuramente tra gli streamer più seguiti al mondo. Proprio la sua fama gli è costata in questi giorni diversi attacchi bot al suo canale Twicth.

Con oltre 17 milioni di follower all’attivo, con dirette che solo di rado scendono sotto i 15.000/20.000 spettatori, risulterebbe quantomeno difficile credere che Ninja decida deliberatamente di acquistare bot per il suo canale, il che ci porta a pensare che possa solo trattarsi di un attacco mirato alla sua persona.

La grande crescita sperimentata in questi mesi dal canale Twitch di Ninja, complice il ritorno in auge di Fortnite (grazie alla rimozione delle costruzioni) non deve aver fatto piacere a qualche grosso influencer, che ha così deciso di buttare fango sull’ex n°1 di Fortnite.

L’attacco bot al canale di Ninja è uno dei più grandi della storia

Con il capitolo 3 della seconda Stagione che procede a velocità di crociera, sarebbe facilissimo aspettarsi grandi conquiste a livello numerico per lo streamer n°1 di Fortnite. I risultati ottenuti tra il 27 e il 30 aprile sono tuttavia fin troppo sbalorditivi, con quasi 500.000 nuovi follower al 29 aprile.

Sebbene risulti abbastanza difficile pensare che Ninja possa sperimentare qualsiasi tipo di conseguenza dopo questa scoperta, una grossa quantità di BOT sul proprio canale Twitch non è mai vista di buon occhio dalla piattaforma. Un danno irrisorio, che a lungo andare rischia tuttavia di creare qualche problema.

un'immagine delle statistiche dei seguaci di twitch ninja

Cosa ne pensate voi? Come al solito non mancate di farci sapere la vostra con un commento qui sotto, oppure in community. A questa potrete accedere usando i pulsanti che troverete in cima alla pagina.

Articoli Correlati:

Il Guinness World Record riconosce finalmente Twitch, ecco l’incredibile storia di GeorgeNotFound

Il Guinness World Record riconosce finalmente Twitch, ecco l’incredibile storia di GeorgeNotFound

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Twitch Record – Mentre qui da noi è ancora motlo in voga il roleplay su Grand Theft Auto, oltreoceano alcuni dei maggiori streamer della categoria hanno spostato la loro attenzione su un titolo che da oltre un decennio continua ad appassionare tutto il mondo: Minecraft.

Tra questi, uno streamer in particolare è riuscito nel corso degli ultimi anni a farsi strada e diventare parte di quell’1% di creatori di contenuti su Twitch che riescono a tirare fuori dal cilindro dei numeri semplicemente fuori dal mondo. Stiamo chiaramente parlando di GeorgeNotFound.

Non solo streamer di successo, ma a partire da oggi anche possessore di un Guinness World Record, ma non certo per il Gaming, ancora abbastanza fuori portata per l’organizzazione mondiale dei Record. Ecco la storia completa!

GeorgeNotFound ora anche Record-man su Twitch

Secondo protagonista di questa storia è JackSucksAtLife, Youtuber di successo che negli ultimi tempi ha dedicato gran parte del suo tempo a far ottenere a streamer e colleghi della ”piattaforma rossa” il meritato riconoscimento per i loro Guinness dei Primati.

Come spiegato in uno dei suoi ultimi video (CLICCANDO QUI la fonte), Jack aveva da prima proposto George come detentore del record per la Hot Tub Stream più vista su Twitch, senza tuttavia ricevere una risposta positiva da parte della squadra che si occupa della verifica dei Record.

In seguito a questa delusione, Jack non si è tuttavia scoraggiato ed ha proposto al Guinness World Record di registrare GeorgeNotFound come lo streamer Twitch più visto durante una live di CUCINA. Esatto, avete capito bene, di cucina. Una Livestream dove il ragazzo stava semplicemente preparando delle patatine fritte è diventata attualmente la detentrice del record con oltre 319.000 utenti al picco della diretta.

Insomma, cosa ne pensate? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli Correlati:

 

Ninja, un commento nella sua chat di Twitch costa ad un noto streamer il BAN

Ninja, un commento nella sua chat di Twitch costa ad un noto streamer il BAN

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

BAN – Chi ha vissuto l’epoca d’oro di Ninja su Twitch, conoscerà sicuramente anche il noto streamer Dr Lupo, ai tempi dell’ascesa di Tyler Blevins (il vero nome di Ninja) personalità già estremamente affermata nell’ambiente dello streaming.

Ebbene queste due leggende dello streaming sono recentemente state protagoniste di un simpatico episodio avvenuto in diretta streaming che alla fine è risultato in un BAN per il Doc.

Sebbene infatti Lupo sia da tempo passato a Youtube, dove a detta sua le condizioni lavorative sono decisamente migliori rispetto alla controparte di Amazon, lo streamer ha più volte dimostrato di essere ancora attivo su Twitch, dove passa moltissimo tempo come utente.

Ninja e Dr Lupo, ecco il commento che ha portato al BAN su Twitch

Durante la quotidiana diretta streaming di ieri, Ninja si è accorto della presenza di Dr Lupo in chat e dopo averlo salutato ha ricevuto un messaggio chiaramente ironico da parte del Doc che recitava: ”siediti sulla mia faccia” (orig. Sit on my face).

La chat di Ninja non deve aver preso troppo bene il messaggio. Poche ore dopo l’accaduto Lupo ha reso noto tramite il proprio account Twitter ufficiale (CLICCANDO QUI il post originale), di aver ricevuto per questo motivo un BAN di oltre 7 giorni. Appena un’ora dopo l’annuncio Dr Lupo ha comunicato di essere riuscito ad essere ‘sbannato’: ”Ho imparato dai miei errori e sono già squalificato. Niente più sedute in faccia per me’‘.

Insomma, sicuramente un episodio singolare che torna a ricordarci quanto fumosa e poco chiara sia la politica di Twitch in materia di sospensioni. Avremo mai delle certezze? Come al solito non mancate di farci sapere la vostra con un commento qui sotto, oppure in community!

Articoli Correlati:

Muore a 10 anni per una challenge su TikTok, la madre fa causa alla compagnia

Muore a 10 anni per una challenge su TikTok, la madre fa causa alla compagnia

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

TikTok e le challenge rischiose ancora al centro del dibattito internazionale, quando verranno presi provvedimenti più seri da parte del colosso cinese in merito alle sfide più pericolose? L’ennesimo caso che lascia solo tristezza forse potrebbe cambiare finalmente qualcosa.

Accade in una contea della Pennsylvania, negli Stati Uniti. A perdere la vita è stata la giovanissima Nylah che nel Dicembre del 2021 aveva provato ad emulare alcuni dei suoi idoli cimentandosi nella ”Blackout Challenge”.

Questa particolare sfida, consisteva banalmente nel trattenere il più a lungo possibile il respiro, fino ad arrivare quanto più possibile vicini allo svenimento. Un atto decisamente fuori dal comune, che soprattutto se mostrato ad un bambino può avere effetti devastanti.

La causa a TikTok, nessun altro deve perdere la vita

La madre della bimba, Tawainna Anderson, ha di recente presentato un esposto contro TikTok, secondo l’accusa colpevole di aver promosso tramite il proprio algoritmo questa challenge che la ragazzina aveva visto proprio nella sezione ”Per Te”, ossia quella dedicata alla scoperta di persone che non seguiamo, ma che l’algoritmo pensa possano interessarci.

Family warns against dangerous tiktok blackout challenge

Sebbene per ora TikTok non abbia ancora fornito una propria versione riguardo questa causa, quando la notizia della morte della bambina fece il giro del web fu condiviso un breve comunicato dalla compagnia che riportava: ”Questa inquietante ‘sfida’, di cui le persone sembrano venire a conoscenza da fonti diverse da TikTok, va in giro da più tempo della nostra piattaforma e non è mai stato un trend di TikTok.”

Insomma, per ora la questione pare ancora irrisolta, ma come al solito non mancate di farci sapere la vostra con un commento qui sotto, oppure in community!

Articoli Correlati: