GTA 6, ecco perché l’ambientazione potrebbe di nuovo essere Londra

GTA 6, ecco perché l’ambientazione potrebbe di nuovo essere Londra

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

GTA 6 Londra – Durante il corso dei vari capitoli di Grand Theft Auto, gli sviluppatori ci hanno accompagnati in un viaggio attraverso le riproduzioni delle città più iconiche del continente nordamericano, in un viaggio non solo alla scoperta della malavita, ma anche delle bellezze che queste città avevano da offrire.

Dai deserti sterminati di San Andreas (realizzata prendendo spunto dalle viste di San Francisco), passando dagli imponenti palazzi di Liberty City (ispirata a New York), fino alle meravigliose spiagge di Vice City (ispirata all’ambientazione di Miami), il viaggio è per ora stato abbastanza proficuo.

Tuttavia, per ora, una città nella quale viaggiammo nel lontano 1999 non è più stata riproposta e le ultimissime da Rockstar potrebbero parlarci proprio di questa città.

Londra come ambientazione del prossimo GTA 6

Stiamo ovviamente parlando della capitale inglese, Londra, che insieme a Vice City è l’unica città precedentemente vista su Grand Theft Auto, che i Devs non hanno ancora rivisitato con le migliorie grafiche fornite dalle tecnologie di sviluppo più all’avanguardia.

Effettivamente Londra è stta l’unica vera metropoli che abbiamo avuto modo di visitare, anche se solo per un brevissimo lasso di tempo in un DLC (o forse in questo caso sarebbe meglio parlare di Expansion Pack) del primo Grand Theft Auto.

Alcuni esperti, hanno notato come le mabientazioni londinesi potrebbero radicalmente cambiare l’espressione videoludica di GTA per come l’abbiamo conosciuta fino ad ora, portandoci in luoghi che, per farci un’idea, potremmo associare a quelli mostrati in Watch Dogs:Legion.

Insomma, che sia Londra o Vice City l’ambientazione scelta per il prossimo GTA6, siamo sicuri che il gioco sarà un capolavoro. Cosa ne pensate voi? Come al solito non mancate di farci sapere la vostra con un commento qui sotto, oppure in community!

Articoli Correlati:

Twitch Top 100: un italiano nella classifica degli streamer più visti al mondo

Twitch Top 100: un italiano nella classifica degli streamer più visti al mondo

Profilo di Rios
 WhatsApp

Durante il caldo ed afoso giugno appena passato è stata pubblicata la Twitch Top 100, la classifica degli streamer più visti a livello internazionale. In questa speciale classifica è finito anche Blurr, unico italiano a far segnare dei numeri importanti.

Il suo successo è assolutamente innegabile, visto che sta davanti anche ad alcuni nomi molto importanti della piattaforma. In cima alla graduatoria si piazza lo spagnolo Ibai, che ha frantumato ogni record di visualizzazioni nel mese da poco passato.

Tanti complimenti a questi ragazzi, che giorno dopo giorno dimostrano quanta importanza stanno accumulando gli streamer e come il loro lavoro abbia impatto sulle nostre vite.

La Twitch Top 100 di giugno

Un orgoglio italiano

Gli streamer italiani, di solito, non riescono mai a tenere il passo dei colleghi sul piano internazionale. La lingua limita molto il successo dei creator nostrani, costretti a contare soltanto sul pubblico della penisola. Nonostante questo, però, il buon Blurr (Tumblurr su Twitch) è riuscito a farsi strada nella Twitch Top 100 di giugno.

Il romano si è attestato al posto numero 85, con ben 1,826,591 ore guardate durante tutto il mese. Numeri sicuramente enormi, che hanno battuti anche dei pezzi grossi di Twitch. Lo streamer romano ha prevalso su PokimaneForsen, non proprio due ultimi arrivati.

Un successo che dovrebbe essere celebrato da tutta la community italiana, che testimonia la crescita di Twitch anche nel nostro Bel Paese. Potrebbe essere solo un primo passo, verso un futuro che porterà in alto anche altri creator dello Stivale.

La top 10 degli streamer più visti

  1. ibai: 21.676.571 ore
  2. xQc: 20.793.382 ore
  3. Gaules: 12.876.611 ore
  4. auronplay: 9.901.240 ore
  5. Asmongold: 9.719.168 ore
  6. fps_shaka: 9.480.637 ore
  7. Trainwreckstv: 7.641.719 ore
  8. ROSHTEIN: 7.527.952 ore
  9. eliasn97: 7.520.063 ore
  10. GamesDoneQuick: 7.030.477 ore
  11. 85. Tumblurr: 1.735.006 ore

La top 10 degli streamer italiani di luglio

  1. Tumblrr: 1,826,591 ore
  2. TheRealMarzaa: 1,265,857 ore
  3. Zano XVII: 873,722 ore
  4. Xiuder: 738,316 ore
  5. pizfn: 736,285 ore
  6. Moonryde: 632,077 ore
  7. GrenBaud: 573,504 ore
  8. LyonWGFLive: 563,214 ore
  9. DarioMocciaTwitch: 537,599 ore
  10. PG_Esports_LoL: 453,446 ore

Fonte

FaZe Clan licenzia in tronco Cented, il pro di Fortnite che usava insulti razzisti in diretta su Twitch

FaZe Clan licenzia in tronco Cented, il pro di Fortnite che usava insulti razzisti in diretta su Twitch

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Nella notte tra ieri ed oggi, FaZe Clan ha annunciato di aver chiuso ogni tipo di rapporto professionale con il giocatore di Fortnite Cented, dopo un brutto episodio di razzismo avvenuto proprio in diretta su Twitch.

Il giovane talento era entrato a far parte della grande famiglia dei FaZe a marzo 2021, dopo essersi messo in mostra in competizioni sia a livello regionale che internazionale.

Ora tuttavia, il diciannovenne che appena un anno fa veniva idolatrato come il prossimo nome in cima a tutte le classifiche internazionali, si trova con le mani piene dei cocci di una carriera ormai in frantumi. Ma perché?

Pro dei Faze cacciato, Cented usava insulti razzisti?

Causa della discordia tra i FaZe e Cented, sarebbe una clip divenuta virale nella notte tra ieri ed oggi che mostra il pro entrare in un canale discord e salutare usando la N word.

Un linguaggio razzista che secondo i pieni alti dei FaZe non poteva assolutamente essere tollerato al fine di salvare il buon nome dell’azienda:

”FaZe è in continua evoluzione e ci aspettiamo che i nostri membri facciano lo stesso. Cented viene rimosso definitivamente da FaZe a causa del suo uso di un linguaggio volto all’incitamento all’odio. Noi e la comunità di gioco in generale non possiamo più tollerare un linguaggio discriminatorio.”

Il professionista ha poi condiviso l nota del Clan esprimendo tutto il suo dispiacere per quanto accaduto. Il tutto sarebbe successo per una totale mancanza di maturità, per la quale si dispiace infinitamente.

Cosa ne pensate? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli Correlati:

Logan Paul crea la più grande compravendita di carte POKEMON PRIMA EDIZIONE (700+)

Logan Paul crea la più grande compravendita di carte POKEMON PRIMA EDIZIONE (700+)

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Logan Paul Pokemon Prima Edizione – Dopo l’exploit del 2021 del gioco di carte collezionabili Pokemon, sono stati moltissimi i content creator in tutto il mondo che si sono buttati in questo campo cercando di spartirsi l’enorme torta dei profitti.

Il 2022 non è tuttavia stato altrettanto prospero per i collezionisti, che al netto di azioni di compravendita sicuramente molto vantaggiose, hanno visto scendere i profitti a livello globale di diversi punti percentuali.

Tra i principali sicuramente anche Logan Paul, content creator di grande successo che un po’ di tempo fa aveva fatto parlare di sé per le cifre folli spese proprio in carte Pokemon.

Logan Paul, carte Pokemon prima edizione in vendita!

Stando a quanto dichiarato da un rappresentate dell’hub Whatnot, Logan Paul hosterà domani stesso un’enorme asta che conterà al suo interno una quantità inaudita di carte Pokemon prima edizione.

Ben oltre 700, secondo le prime indiscrezioni i pezzi che domani verranno battuti al migliore offerente nella ”Stars, Stripes, and Slabs: Logan Paul’s Holiday Weekend Pokemon Slab Sale”.

La maxi-vendita di oggetti che secondo le ultime stime hanno 200k $ di valore, inizierà domani alle ore 20.00 italiane, orario fino al quale avrete tempo (nel caso voleste partecipare) per creare un profilo verificato sulla piattaforma.

Che ne pensate? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli Correlati: