The International 2019

The International 2019 di Dota 2: ecco le squadre cinesi qualificate.

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Proseguiamo la nostra rassegna di tutte le squadre partecipanti al The International 2019 con le quattro qualificate per la Cina: Vici Gaming, PSG.LGD, Keen Gaming e Royal Never Give Up.

Vici Gaming

  • Nome squadra: Vici Gaming;
  • Regione, nazione: Cina;
  • Migliore posizione raggiunta al TI: 2°, TI4;
  • Riassunto stagione 2018/2019:
    • The Kuala Lumpur Major: 7°-8°;
    • The Chongqing Major: 7°-8°;
    • DreamLeague Season 11: 1°;
    • MDL Disneyland® Paris Major: 7°-8°;
    • EPICENTER Major: 1°;

  • Giocatori:
PosizioneNicknameNomeEtàVincite ($)NazioneNella squadra da
1Paparazi灬Zhang Chengjun23629.424Cina06/09/2017
2OriZeng Jiaoyang24450.876Cina09/01/2017
3YangZhou Haiyang22444.044Cina09/09/2018
4FadePan Yi23355.799Cina09/09/2018
5DyDing Cong22214.790Cina09/09/2018
CoachrOtKBai Fan27784.260Cina09/09/2018
  • Commento:

A partire dalla sconfitta nella finale del TI4, le fortune dei Vici Gaming nei successivi The International sono andate calando. Al TI5 hanno ottenuto un quarto posto per poi non riuscire a qualificarsi nei due anni successivi. Nell’edizione del 2018 sono riusciti a superare la fase a gironi per il rotto della cuffia ma sono stati eliminati al secondo round della lower bracket, terminando al 9°-12° posto.

All’inizio della stagione DPC 2018/2019 i vertici dell’organizzazione decidono di cambiare la formazione: arruolano Yang, Fade e Dy per dare manforte a Paparazi e Ori, e affidano le strategie e l’aspetto strategico del gioco al coach rOtk. Le cose si indirizzano immediatamente nella direzione voluta: i Vici si qualificano per il major di Kuala Lumpur. Qui però, dopo essere stati retrocessi in lower bracket dal Team Secret e aver vinto contro i paiN X, vengono sconfitti a sorpresa ed eliminati dai TNC Predator. La stagione di questa nuova formazione comincia con un 7°-8° posto.

Al torneo di Chongqing, il major successivo, ripetono il risultato precedente, perdendo in upper bracket contro i PSG.LGD, vincendo nella low bracket contro Chaos Esports Club e venendo infine eliminati dagli Evil Geniuses. Sebbene il loro torneo si sia concluso prima di quanto sperato, i Vici mostrano un buon gioco e promettono di crescere ancora nel corso della stagione.

I Vici Gaming non riescono però a qualificarsi direttamente per il major successivo e devono rincorrere l’invito attraverso lo StarLadder Minor di Kiev. In questo torneo dimostrano di essere nettamente superiori agli avversari e si aggiudicano la vittoria (e il pass per il major di Stoccolma) perdendo una sola partita in tutto l’evento. Al DreamLeague Season 11, spinti dall’ottimo risultato al minor, si qualificano per l’upper bracket e procedono a sconfiggere in serie il Team Secret, i PSG.LGD, i Fnatic e i Virtus.pro in finale. La vittoria di Stoccolma permette ai Vici di qualificarsi per il TI9 e dimostra al mondo quale sia la migliore squadra cinese in circolazione.

Al’MDL Disneyland® Paris Major fanno però un passo falso, perdendo il primo round dell’upper bracket contro i Ninjas in Pyjamas e venendo eliminato al terzo turno della lower bracket dal Team Liquid. I Vici non sono sicuramente soddisfatti del 7°-8° posto ottenuto, ma non si lasciano demoralizzare.

Il riscatto li attende all’EPICENTER Major di Mosca, ultimo torneo della stagione DPC. La squadra cinese vince il proprio girone superando Virtus.pro e Alliance, e poi sconfigge i Gambit Esports, i TNC Predator e due volte il Team Liquid, nella finale dell’upper bracket e in finalissima. I Vici ottengono il primo posto senza perdere neanche una serie in tutto il torneo.

Analizziamo ora la squadra dei Vici Gaming che parteciperà al prossimo The International.

Il carry in safelane è Paparazi灬, primo giocatore cinese ad avere superato quota 8.000 di MMR e celebrità di primo piano in patria. All’inizio della carriera ha giocato nella corsia centrale ma si è spostato nel tempo nella corsia sicura dove i suoi eroi più giocati sono Juggernaut, Lifestealer e Sven. I Vici cercano in tutti i modi di agevolargli il farm nella fase di lane sapendo che Paparazi sarà in grado di ripagarli dominando dal midgame in poi.

In mezzo alla mappa troviamo Ori, un giocatore relativamente nuovo sulla scena competitiva che aveva giocato solo tre tornei prima di unirsi ai Vici Gaming. Midlaner abbastanza standard nello stile di gioco, è però dotatissimo meccanicamente e riesce a dominare anche gli avversari più esperti. Sebbene la squadra tenda a lasciargli l’ultima scelta nella fase di selezione, ci si può aspettare di vederlo giocare uno dei classici eroi da corsia centrale: Death Prophet, Templar Assassin, Storm Spirit, Shadow Fiend o Lina.

Yang è l’offlaner della squadra. Il suo stile di gioco mal si adatta a eroi tank che non possono muoversi attivamente sulla mappa e preferisce essere in grado di iniziare gli scontri (giocando Batrider, Omniknight o Dark Seer) o di mettere pressione alle torri avversarie (giocando Nature’s Prophet o Beastmaster).

Fade è un capitano molto particolare in quanto gioca come roamer. Nel suo particolare ruolo, scegliendo eroi come Earth Spirit e Tusk, riesce a dettare efficacemente il ritmo del gioco e a implementare direttamente le strategie di gank e i movimenti sulla mappa.

Dy ricopre un ruolo ancora più strano di quello di Fade: gioca in quinta posizione senza essere capitano della propria squadra e predilige eroi da roamer. Nonostante le mansioni dei due support si sovrappongono in fase di laning e di ganking, Dy è quello che si sacrifica per comprare i guardiani e gli oggetti più prettamente difensivi. Questo tuttavia non diminuisce la sua pericolosità sulla mappa; giocando eroi come Nyx Assassin e Earth Spirit riesce infatti ad avere un notevole impatto anche con pochissimo farm e ad aiutare Paparazi a dominare la lane.

 

PSG.LGD

  • Nome squadra: PSG.LGD;
  • Regione, nazione: Cina;
  • Migliore posizione raggiunta al TI: 2°, TI8;
  • Riassunto stagione 2018/2019:
    • The Kuala Lumpur Major: 5°-6°;
    • The Chongqing Major: 4°;
    • DreamLeague Season 11: 5°-6°;
    • MDL Disneyland® Paris Major: 4°;
    • EPICENTER Major: 5°-6°;

  • Giocatori:
PosizioneNicknameNomeEtàVincite ($)NazioneNella squadra da
1AmeWang Chunyu221.593.736Cina14/09/2016
2Somnus丶MLu Yao232.299.264Cina15/03/2015
3ChaliceYang Shenyi201.162.635Cina21/12/2017
4fyXu Linsen242.214.413Cina04/09/2017
5xNovaYap Jian Wei211.194.994Malesia01/01/2018
CoachQQQYao Yi33107.953Cina05/01/2017
  • Commento:

LGD è sempre stata una delle organizzazioni più importanti della scena cinese, ottenendo ogni anno dei risultati di valore e partecipando a tutti i The International a partire dal 2012. Nel 2018 la squadra è stata rivoluzionata unendo ai veterani fy e Somnus i quasi esordienti Ame, Chalice e xNova. Questa formazione ha disputato la finalissima del TI8 contro gli OG, arrivando a una vittoria dall’essere campione del mondo.

La stagione 2018/2019 dei PSG.LGD ha un solo obiettivo, vendicare la delusione rimediata all’ultimo TI riportando l’Egida dei Campioni in Cina, ma la squadra non sembra ingranare. Al major di Kuala Lumpur ottengono solo un 5°-6° posto: vincono il girone a punteggio pieno e sconfiggono gli Alliance nell’upper bracket prima di essere eliminati dalle due sconfitte rimediate contro il Team Secret e gli Evil Geniuses.

Ai major successivi i PSG.LGD ottengono dei risultati simili: a Chongqing finiscono 4°, a Stoccolma 5°-6°, a Parigi 4° e a Mosca 5°-6°.

Il 6° posto generale ottenuto nella classifica del DPC non è certamente un risultato negativo ma, considerando l’ascesa di Vici Gaming a migliore squadra cinese e la mancanza di prestazioni di prestigio nei tornei più importanti, i PSG.LGD possono iniziare a dubitare di poter migliorare quanto ottenuto allo scorso The International.

La formazione dei PSG.LGD include alcuni dei migliori talenti della scena asiatica.

La posizione uno è Ame, uno tra i carry dotati di maggiore tecnica al mondo. I suoi punti di forza sono la versatilità, la capacità di trovare farm sulla mappa e l’aggressività nelle giocate. Il suo tallone d’Achille è invece la presunzione che lo porta sovente fuori posizione, in posti in cui i support non possono aiutarlo o dove mette in pericolo l’intera sua squadra.

Somnus丶M (anche chiamato Maybe), il midlaner dei PSG.LGD, è il giocatore su cui la squadra punta maggiormente. I support si assicurano che abbia sempre una fase di laning tranquilla per garantirgli farm ed esperienza in abbondanza, anche a discapito degli altri core. Sanno infatti che, anche con il minimo vantaggio, Somnus è in grado di accrescere esponenzialmente il suo impatto sulla partita e di portare la sua squadra alla vittoria.

Chalice è uno delle migliori scoperte dei PSG.LGD. Offlaner di spiccata versatilità, permette alla sua squadra di implementare un ampio numero di strategie. In coppia con fy riesce a creare spazio nelle fasi iniziali di gioco per poi garantire alla squadra uccisioni e obiettivi con i suoi movimenti e iniziazioni.

fy è stato uno dei principali fautori della rivoluzione che ha colpito la posizione quattro negli ultimi anni. Dopo il secondo posto ottenuto al TI4 ha lasciato i Vici Gaming e ha iniziato a giocare nel ruolo di offlaner. Ha imparato così a essere attivo sulla mappa per ottimizzare i picchi di forza degli eroi alleati e i momenti di debolezza degli avversari. Entrato a far parte dei PSG.LGD ha ripreso la sua posizione storica di support ma, con le nuove conoscenze acquisite nel suo periodo di peregrinazione, è riuscito a sviluppare e ad applicare un nuovo stile di gioco altamente aggressivo ed efficacissimo.

xNova è il giocatore che si nota di meno dei PSG.LGD ma il suo contributo è fondamentale per la buona riuscita delle strategie della squadra. Il suo senso della posizione, la visione sulla mappa che garantisce e gli oggetti che acquista permettono ai suoi core di farmare in assoluta tranquillità e, all’occasione, di vincere il combattimento.

 

Keen Gaming

  • Nome squadra: Keen Gaming;
  • Regione, nazione: Cina;
  • Riassunto stagione 2018/2019:
    • The Kuala Lumpur Major: n.q.;
    • The Chongqing Major: n.q.;
    • DreamLeague Season 11: 5°-6°;
    • MDL Disneyland® Paris Major: 9°-12°;
    • EPICENTER Major: n.q.;

  • Giocatori:
PosizioneNicknameNomeEtàVincite ($)NazioneNella squadra da
1old chickenWang Zhiyong26455.574Cina19/09/2018
2Zhai Jingkai23135.624Cina08/04/2018
3ELeVeNRen Yangwei231.036.478Cina10/09/2018
4KakaHu Liangzhi261.602.320Cina10/09/2018
5DarkSong Runxi139.353Cina10/09/2017
  • Commento:

Keen Gaming è stata la squadra che si è qualificata al The International 2019 tramite il Dota Pro Circuit con il numero minore di punti, avendo partecipato solo a tre dei tornei stagionali sponsorizzati da Valve.

L’attuale iterazione della formazione ha inizio a settembre 2018 quando old chickenn, eLeVen e kaka si uniscono alla squadra in cui già militavano 一 (pronunciato yī) e dark. I primi mesi insieme non sono facili in quanto i risultati tardano ad arrivare. Nelle qualificazioni regionali per il major di Chongqing la squadra inizia a farsi notare anche se non ottiene il pass per il torneo. La settimana successiva però i Keen si aggiudicano un posto per il minor di Bucarest dove concludono al terzo posto, sconfitti per 2 a 0 dai Gambit Esports nella finale della lower bracket. Questo risultato non è tuttavia sufficiente per qualificarsi al Chongqing Major.

Il mese successivo i Keen riescono ad aggiudicarsi un biglietto per il DreamLeague Major di Stoccolma. Qui, dopo essersi classificati secondi nella fase a giorni, riescono a sconfiggere per 2 a 1 gli Evil Geniuses nel primo round dell’upper bracket ma in seguito alle sconfitte contro Fnatic e contro il Team Secret concludono l’evento al 5°-6° posto.

L’unico altro evento del DPC a cui la squadra cinese partecipa è l’MDL Disneyland® Paris Major dove, dopo un terzo posto nel girone e la vittoria contro i Fnatic nel primo round della lower bracket, viene eliminata per 2 a 0 dalla corazzata Vici Gaming e si piazza al 9°-12° posto.

Questi risultati non sono certo prestigiosi ma permettono ai Keen Gaming di partecipare al TI9 senza passare per i tornei di qualificazione e concedeno loro più tempo per prepararsi rispetto a molte altre squadre.

Analizziamo ora i componenti della squadra.

old chicken è il safelane carry dei Keen. Il suo gioco è molto solido, predilige eroi tank come Sven, Bristleback e Troll Warlord ma occasionalmente non disdegna neppure carry più delicati come Leshrac e Drow Ranger. Quest’anno vuole migliorare la 5°-6° posizione ottenuta al TI6 con gli EHOME.

一 prende il nome dal carattere cinese per “uno”, pronunciato yī, anche se gioca in seconda posizione. All’inizio della stagione i suoi pick erano prevalentemente costituiti da Ember Spirit, Puck e Templar Assassin ma con le ultime patch ha iniziato a giocare anche Troll Warlord, Viper e Razor. Con quest’ultimo eroe ha ottenuto degli ottimi risultati contro squadre del calibro di Secret, EG, Na’Vi e Mineski.

eLeVeN è un offlaner che predilige eroi in grado di vincere gli uno contro uno e di iniziare i combattimenti. Il suo Nature’s Prophet viene buildato come un coltellino svizzero: con malignità dell’orchidea, lama dell’ombra, bastone del re nero e tamburo della resistenza può gankare, spingere, combattere e, nell’eventualità, scappare. Altri eroi da lui utilizzati sono Dark Seer, Doom e Batrider.

Kaka, la quarta posizione, parteciperà al suo quarto TI di seguito ed è il giocatore dei Keen con più esperienza. I suoi eroi non richiedono troppo farm per diventare pericolosi e quando gli viene assegnato un Nyx Assassin, un Sand King, un Lion o un Rubick per gli avversari iniziano i problemi.

Dark è il capitano e l’hard support della squadra. Gli eroi con cui ha giocato maggiormente sono Lich, Jakiro e Witch Doctor, ma il suo personaggio preferito è senz’altro Disruptor. Nelle ultime partite professionistiche con questo eroe è stato praticamente imbattibile seguendo sempre la stessa build: bacchetta magica, stivali della quiete, lama del vento e bracciali.

I Keen Gaming arrivano a questo International con due grandi vantaggi: il fatto di giocare in patria e il lungo periodo di riposo tra la fine della stagione e l’inizio del TI dovuto alla qualificazione diretta. Non sappiamo dire se questi potranno essere fattori per il successo della squadra, ma sicuramente i Keen Gaming non si arrenderanno senza lottare.

 

Royal Never Give Up

  • Nome squadra: Royal Never Give Up;
  • Regione, nazione: Cina;
  • Riassunto stagione 2018/2019:
    • The Kuala Lumpur Major: n.q.;
    • The Chongqing Major: n.q.;
    • DreamLeague Season 11:q.;
    • MDL Disneyland® Paris Major: n.q.;
    • EPICENTER Major: 9°-12°;

  • Giocatori:
PosizioneNicknameNomeEtàVincite ($)NazioneNella squadra da
1MonetDu Peng19595.878Cina13/09/2018
2SetsuGao Zhenxiong2022.783Cina13/09/2018
3FlybySu Lei2228.489Cina14/04/2019
4LaNmZhang Zhicheng291.180233Cina16/02/2019
5ah fuTue Soon Chuan25618.406Cina13/09/2018
  • Commento:

Royal Never Give Up è un’organizzazione attiva principalmente in LOL che recentemente ha deciso di entrare sulla scena competitiva di Dota 2. Con le infrastrutture e le risorse a sua disposizione non è stato difficile arruolare alcuni tra i migliori giocatori cinesi disponibili. A settembre 2018 alla squadra si sono uniti Monet, Setsu e ah fu, seguiti da Flyby e LaNm nella primavera seguente.

Nella stagione 2018/2019 però i risultati tardano ad arrivare. I Royal non partecipano a nessun major fino all’EPICENTER svoltosi a giugno a Mosca. In questo torneo si classificano al 9°-12° posto, perdendo al primo turno dell’upper bracket contro i TNC Predator e venendo eliminati dagli Alliance, ma la squadra mostra per la prima volta dall’inizio della stagione un gioco coeso ed efficace.

I punti ottenuti nel DPC non permettono ai Royal di qualificarsi direttamente per il TI9. La squadra pertanto partecipa alle qualificazioni regionali. Qui, dopo aver concluso il girone al secondo posto, perde nel primo round dell’upper bracket contro i CDEC ma riesce a qualificarsi sconfiggendo in serie Invictus Gaming, EHOME e CDEC.

Vediamo ora i componenti della squadra.

Il safelane carry è Monet, giocatore tecnicamente molto dotato che ha concluso in terza posizione il TI7 con i LFY. Gioca moltissimi eroi, potendo optare sia per carry pesanti come Morphling, Juggernaut e Terrorblade, sia per eroi core molto aggressivi come Gyrocopter e Ursa. Dopo un 2018 difficile, Monet si è unito ai RNG per apportare un po’ della sua esperienza e per provare a ritrovare i successi di una volta.

Nella corsia centrale c’è il giovane Setsu. Il suo stile di gioco è affidabile e si può adattare alla strategia della squadra. Può infatti giocare sia eroi dominanti nella fase iniziale della partita, come Queen of Pain e Outworld Devourer, sia eroi più deboli in corsia ma che permettono di avere un vantaggio successivamente (come Invoker e Storm Spirit).

Il core in offlane è Flyby, il componente con meno esperienza degli RNG, avendo giocato meno di cento partite professionistiche. I suoi eroi preferiti sono Lycan e Tiny.

LaNm, una vecchia conoscenza di tutti i fan di Dota e uno dei migliori roamer della scena cinese. Ha iniziato a giocare in DotA originale per poi passare alla versione della Valve al suo rilascio. Si è piazzato secondo al TI1 e ha partecipato a molti altri The International, senza però mai riuscire a sollevare l’Egida.

ah fu, l’hard support dei RNG, si è fatto conoscere per le sue giocate al TI7 e in particolare per la finale della lower bracket contro il Team Liquid, una delle serie migliori della storia del gioco. Dopo questo risultato non è però stato in grado di ripetersi, non riuscendo addirittura a qualificarsi per il TI8, e pertanto ha deciso di cambiare squadra e di unirsi ai RNG. Alla sua nuova squadra ah fu porta una selezione di eroi a cavallo tra le posizioni quattro e cinque (Enigma, Vengeful Spirit e Earth Spirit su tutti) in grado di mettere seriamente in difficoltà gli avversari.