Dota 2: gli Alliance vincono il Summit 10 dopo più di due anni senza successi.

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Si è appena concluso il Summit 10 di Dota 2, ultimo evento LAN prima del The International 2019, con la netta vittoria degli Alliance che hanno sconfitto in finale i paiN Gaming 3 a 0.

Dal 25 al 28 luglio si è tenuta la decima edizione del Summit, il torneo di Dota 2 organizzato da Beyond the Summit. Le sei squadre invitate (Alliance, compLexity Gaming, J.Storm, Team Serenity, beastcoast e paiN Gaming) si sono inizialmente sfidate in un girone all’italiana per decidere gli abbinamenti dei playoff. Alliance e paiN Gaming si sono qualificate prima e seconda, con rispettivamente risultati di 4-1-0 e 3-2-0, dimostrando di essere le squadre migliori del torneo. Nella fase a eliminazione diretta, Team Serenity si è fatta strada attraverso tutto il lower bracket fino alla losers’ final dove ha perso 2 a 0 contro gli Alliance. Questi ultimi avevano infatti perso la winners’ final contro i paiN Gaming e, per qualificarsi per la finalissima, dovevano battere i vincitori del lower bracket.

La finalissima si presenta quindi come una rivincita della winners’ final, questa volta al meglio delle cinque partite. Gli Alliance, sebbene sconfitti dai paiN Gaming nel loro ultimo scontro, hanno mostrato una netta superiorità. Nel primo game, l’inarrestabile Michael “mICKe” Vu ha distrutto gli avversari con uno Sven che ha riportato uno score di 13/1/7 e un GPM di 758. Nel secondo game è stato il turno di Max “qojqva” Broecker di brillare: la sua Death Prophet ha finito la partita con uno score di 8/1/14, 22k di netto e 10k di danni alle strutture. Nell’ultima partita i paiN Gaming hanno lasciato, forse incautamente, nell’hero pool Sven e gli Alliance non si sono fatti pregare, schierandolo nuovamente. In questo game mICKe ha giocato ancora meglio che nei precedenti e ha fatto registrare con il suo Sven un risultato di 15/0/12, 797 GPM e 11.7k danni alle strutture. La finale si è quindi conclusa con un netto 3 a 0 a favore della squadra svedese nei confronti dei sudamericani e gli Alliance tornano a vincere un torneo LAN dopo oltre 2 anni di digiuno.

Gli Alliance non possono tuttavia ancora rilassarsi e pensare alle spiagge in quanto tra circa due settimane dovranno volare fino a Shangai dove li aspetta il The International 2019 in cui proveranno a bissare la vittoria del 2013.

Le squadre finaliste erano formate da:

Alliance:

  1. miCKe
  2. qojqva
  3. Boxi
  4. Taiga
  5. iNSaNiA
  6. Loda (coach)

paiN Gaming:

  1. Therence
  2. hFn
  3. Liposa
  4. Thiolicor
  5. 444

La classifica finale dell’evento è pertanto la seguente:

  1. 42.000$         Alliance
  2. 24.500$         paiN Gaming
  3.  11.750$         Team Serenity
  4.  7.550$           compLexity Gaming
  5.  8.100$           beastcoast
  6.  6.100$           J.Storm

Degni di nota sono stati, come sempre accade per i tornei organizzati da Beyond The Summit, il commento, il casting e la produzione dell’evento. L’atmosfera informale e rilassata del torneo ha mostrato come Dota 2 sia ancora un gioco e un divertimento anche per i giocatori professionisti che si contendono centinai di migliaia di dollari. Si è visto, tra le altre cose, il panel scherzare con i giocatori, l’intero team Alliance castare partite degli avversari, simpatici siparietti, sketch e la vita comune all’interno della casa del Summit.

Fonte delle immagini: BTS Flickr


Dota 2: gli Alliance vincono il Summit 10 dopo più di due anni senza successi.
Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701