Trusted Mode di VALVE è un flop: Aumentano i cheaters

Trusted Mode di VALVE è un flop: Aumentano i cheaters

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

La nuova modalità Anti Cheat di VALVE, la Trusted Mode, ha fatto parlare molto di se negli ultimi mesi.
Un sistema innovativo che finalmente avrebbe debellato ogni singola piaga da Counter Strike: Global Offensive.

I risultati ottenuti dalla casa produttrice però sono tutt’altro che rassicuranti in realtà. Diversi giocatori hanno infatti segnalato un incremento del numero di “imbroglioni”, per una situazione che dopo il recente aggiornamento è diventata particolarmente complicata.

Sapere che VALVE stesse lavorando ad un nuovo sistema di Anti Cheat ha rassicurato milioni di giocatori. Finalmente avremmo potuto assistere ad un Counter Strike decisamente più pulito e longevo. Magari fosse stato realmente così.

La casa produttrice ha affermato di aver fatto veramente tutto il possibile affinchè la Trusted Mode potesse essere perfetta. E nonostante la VALVE provasse a bloccare direttamente alla fonte il problema dei cheaters (non permettendo loro di avviare programmi di terze parti che potessero interagire con il gioco), l’aumento degli Hacker si è fatto comunque sentire come non mai.

La Trusted Mode di VALVE è un flop, e gli utenti stanno perdendo la pazienza.

Dopo l’aggiornamento ho riscontrato il doppio dei cheaters mentre ero nel matchmaking” – hanno affermato diversi utenti sui social, stanchi della situazione definita quasi costante.

VALVE ha sperato fino all’ultimo che la Trusted Mode fosse il modo definitivo per eliminare gli Hacker dal gioco. Qualcosa è però andata evidentemente storta, e VALVE dovrà trovare la falla ed aggiustarla nel minor tempo possibile affinchè non vi siano episodi di giocatori che abbandonano il titolo. 

Continuo a confrontarmi con i cheaters letteralmente ad ogni partita” – afferma NicoloZaza – “La Trusted Mode di Valve è letteralmente un flop. Avrà incontrato cheaters per almeno 100/150 ore di gioco totali“.

How to get out of low TF? from GlobalOffensive

VALVE sta investendo sempre più soldi nella realizzazione di un sistema Anti Cheat potente ed aggressivo come potrebbe essere quello di Valorant, che è infatti di proprietà di Riot Games.

I giocatori stanno perdendo sempre di più la pazienza a causa di questa situazione interminabile che da anni affligge Counter Strike. Essi stanno giornalmente intasando di Tweet il profilo della nota software house incitando il team di sviluppo a darsi una mossa nella realizzazione di un’alternativa efficace.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701