Homefront: The Revolution!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Nel 2015 uscirà il seguito del tanto discusso “Homefront“, FpS della pubblisher americana ThQ che non riuscì a “sfondare” sul mercato diventando quindi una delle principali cause del fallimento della celebre Software House! La ThQ, una volta in bancarotta, fu costretta quindi a svendere le proprietà intellettuali, tra cui appunto il titolo “Homefront” che venne acquistato dal team inglese di Crytek Nottingham.

Il problema principale del primo “Homefront” fu principalmente il non essere riuscito a mantenere le promesse fatte.  Il prodotto di Kaos Studios, oltre ad essere davvero corto, dopo pochissime ore buttava al vento le buone premesse fatte di uno scenario distopico affascinante per diventare un comune Fps, dove un solo personaggio riusciva a mettere in difficoltà un esercito che, tra le altre cose, aveva conquistato mezzo mondo.
La trama più che il gameplay era infatti il punto forte di questo titolo, curata fin nei minimi dettagli con l’aiuto, oltre che di John Milius (co-sceneggiatore del film Apocalypse Now e regista del film Alba rossa), dell’Ex agente della Cia Tae Kim che ha aiutato gli sviluppatori nella creazione della storia di questo titolo.

La trama (per farla brevissima…) vede gli Stati Uniti, dopo varie vicissitudini e diverse crisi globali, invasi dall’esercito della Nuova Corea Unita, che divide in due l’America a livello del fiume Mississippi, reso radioattivo dall’esercito coreano, per usarlo come fortificazione a difesa del territorio occidentale occupato.

A prescindere dalle infinite critiche che questo titolo ha subito, sia dal mondo politico, sia e sopratutto da quello diplomatico per l’irriverenza con la quale ha trattato tematiche spinose e delicate (è stato censurato in Giappone e vietato in Corea del Sud solo per fare alcuni esempi), “Homefront“, vede nel suo seguito, una nuova possibilità per stravolgere il mercato degli FpS. Questa forza gli proviene principalmente da una storia che, a prescindere dalle critiche, è sicuramente affascinante e finemente dettagliata!

Poche ore fa è stato pubblicato il primo trailer del seguito di questo discusso gioco dal titolo “Homefront: the Revolution“; dove il protagonista dovrà guidare la liberazione del suo paese dalla città di Philadelphia (non è un caso che come Location sia stata scelta la città simbolo dell’indipendenza americana)! Il gameplay è basato sul fatto che i rapporti di forza sono (neanche a dirlo) molto squilibrati: da una parte abbiamo una forza di occupazione superiore, sia tecnologicamente sia numericamente, dall’altra uno piccolo gruppo di guerriglieri che devono ancora dimostrare che la rivoluzione è un’opzione possibile.
Le premesse ci sono indubbiamente tutte, con la speranza che, almeno questa volta, l’affascinante titolo “Homefront” non faccia nuovamente un buco nell’acqua.

Aspettiamo nuove notizie quindi, ricordando a tutti che il titolo (Multiplatform) dovrebbe uscire nel 2015!

 

[embedvideo id=”m-fC32bU9P0″ website=”youtube”]

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701