Warzone: Tommey accusa lo streamer LoRDNeTTa di “sniping” ad un torneo

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Warzone Sniping – Una discussione furibonda quella che si è recentemente scatenata sui social tra il professionista di Call of Duty Tom ‘Tommey’ Trewen e lo streamer LoRDNeTTa con il primo che accusa il secondo di essere un imbroglione.

Durante una recente partita in un torneo 2 contro 2, Tommey si è infatti ritrovato protagonista (suo malgrado) di un episodio alquanto increscioso, in cui spesso incappano personalità del suo calibro. Stiamo ovviamente parlando dello stream sniping, “fenomeno” illegale particolarmente diffuso nei titoli sparatutto (e non solo), in cui alcuni giocatori “sfruttano” le dirette streaming dei colleghi più famosi per poter perfettamente conoscere movimenti e strategia del povero malcapitato.

In questo caso, Tommey ha accusato LoRDNeTTa di aver barato durante il torneo e di aver guardato la diretta dello stesso Tommey per avere un vantaggio sleale all’interno della sfida. Pur essendoci svariati metodi per contenere e limitare questo pessimo modo di imbrogliare di alcuni giocatori (uno su tutti quello di trasmettere in streaming con un “delay”, un ritardo di qualche minuto rispetto alla diretta vera e propria), quello dello stream sniping è purtroppo un problema ancora assolutamente attuale all’interno degli esports.

Ecco i due post di Tommey in cui il pro accusa LorDNeTTa di Stream Sniping:

Warzone Sniping – I post di Tommey

Post #1

Post #2

Al momento però nessuno dei due “Big” coinvolti nella faccenda, ovvero Activision e Twitch, è intervenuto per comunicare eventuali provvedimenti per lo streamer francese, ed al momento la situazione rimane ferma senza sviluppi (lo stream sniping non è comunque servito a LoRDNeTTa dato che Tommey e Newbz hanno poi proseguito la loro corsa al torneo).

Nel caso venisse comprovata la colpa di LordNetta, sarebbe certamente auspicabile un provvedimento che porti all’esclusione del presunto cheater non solo dalle competizioni di COD, ma da tutte quelle della scena competitiva esports.

Articoli correlati: 

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701