sbmm warzone

Warzone, tanti giocatori chiedono le lobby “casual” e “classificate”, ed affermano “partite troppo spesso frustranti”

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Warzone Lobby – Un numero sempre maggiore di giocatori sta chiedendo ad Activision di aggiungere una modalità destinata alle classificate su Warzone, cosi da evitare che le partite risultino sempre troppo difficili ed estremamente penalizzanti.

Come molti di voi sapranno, su Warzone esiste lo SBMM Matchmaking, sistema grazie al quale, in fase di creazione delle lobby, vengono inserite persone con un K/D molto simile, cosi da garantire sempre delle partite estremamente bilanciate e mai “impossibili” da vincere per qualcuno.

L’effetto negativo di tutto questo è però che si rischia di avere sempre delle lobby estremamente difficili, dove tutti (o quasi) i nostri avversari hanno il nostro stesso livello di abilità, e dove anche una semplice kill ottenuta in midgame può essere considerata un’azione degna di tantissimo valore.

Se il livello della lobby è estremamente bilanciato è vero che tutti avranno almeno una chance di vincere, ma l’estrema competitività porta a non poter godere di un gioco più “rilassato” e “disteso”, che sarebbe magari possibile rintracciare in una lobby di “casual” poco interessati al competitivo.

Su altri giochi esiste già da tempo la possibilità di dividere i giocatori che vogliono (e possono) fare competitivo da quelli che vogliono invece solo fare un po’ di sano casino, tuttavia questa funzione è ancora assente su Verdansk, e sembra che con l’avvio della Season 3 la situazione sia addirittura peggiorata, almeno leggendo quelli che sono alcuni dei feedback dei giocatori.

Uno dei post sull’argomento: 

Warzone truly needs to separate a “Casual” game mode with a “Ranked” game mode. from CODWarzone

La modalità classificata è stata del resto un’ipotesi spesso proposta dai devs, che hanno sempre sottolineato quanto anche per loro sarebbe importante riuscire a creare una divisione tra i giocatori che vogliono giocare rilassati da quelli che sono invece interessati a scalare le lobby aumentando di continuo il “livello di difficoltà” (al crescere delle nostre statistiche veniamo matchati con giocatori più forti di quelli che avevamo prima in lobby).

Al momento non abbiamo però ancora riscontrato alcun aggiornamento da questo fronte, e da alcuni insider ed esperti di Warzone pare che dietro la mancanza di una modalità classificata vi sia in realtà la paura che i rank più elevati si affollino rapidamente di cheaters ed imbroglioni di ogni tipo.

Si discute anche lato Multiplayer: LC10 da nerf? 

La discussione all’interno della community è sempre molto lontana dal potersi definire del tutto “risolta”, e se ultimamente molti giocatori di Warzone si sono focalizzati su questo aspetto (ma anche su altri, come il fatto che non piacciono i loot che si trovano in questo momento a terra, su tutti l’M60…probabilmente il peggior fucile al momento disponibile su Verdansk), quelli legati al mondo del multiplayer hanno invece avuto da ridire sull’eccessiva presenza ai livelli più alti del meta della piccola (ma devastante) LC10.

Mentre alcuni giocatori pensano che l’arma sia ben bilanciata (o che comunque non si stia vivendo una fase di “dominio” da parte di poche armi come era prima dei nerf), per altri in questo momento la LC10 surclassa di gran lunga tutte le altre SMG, ed è talmente forte da non temere la rivalità neanche dei fucili d’assalto.

Considerata l’importanza che Activision ha dato a questo tipo di feedback per stabilire quali bilanciamenti pubblicare in questi ultimi mesi, è bene monitorare discussioni del genere, in attesa di capire come la pensano nel team di sviluppo.

Cosa ne pensate community?
La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701