warzone

Warzone, sui social i primi “vogliamo anche Verdansk”! Ancora problemi su Caldera (stavolta agli shop)

Profilo di Stak
 WhatsApp

Warzone Verdansk – Dopo sole due settimane dall’addio di Verdansk sono iniziati a comparire i primi messaggi nella community dei giocatori nostalgici che vorrebbero tornare sulla celebre mappa dell’est Europa.

Numerosi sono stati i problemi registrati su Caldera nel corso degli ultimi dieci giorni: dai ripetuti crash (segnalati un po’ da tutti i dispositivi) agli ormai noti disagi che hanno caratterizzato le sessioni dei giocatori da console, il lancio del capitolo uno di Pacific non è di certo stato tra i migliori del franchise di COD.

Ai problemi/bug si sono poi aggiunte delle vere e proprie delusioni, come nel caso del mancato aggiornamento al FOV modificabile per console (un update che era stato promesso dagli sviluppatori, e di cui al momento non si sa più nulla), ed è quindi chiaro che il clima in community non è proprio dei migliori.

L’ultimo bug segnalato è stato identificato ieri sera, e riguarda ad esempio le stazioni di servizio sparse sulla mappa. Come noto gli shop sono una parte imprescindibile delle partite in battle royale, visto che dispongono di potenziamenti e di equipaggiamenti che sono per noi assolutamente essenziali per sperare di vincere la partita.

E’ chiaro quindi che se gli shop non funzionano bene per i giocatori può diventare un problema quasi insormontabile oltre che assolutamente frustrante.

Purtroppo però dobbiamo segnalare che i giocatori console (anche in questo caso) hanno confermato arresti improvvisi, spike di lag anche di 5/10 secondi e finanche disconnessioni istantanee quando si interagisce con una stazione d’acquisto.

Al momento i devs non hanno comunicato nulla in merito, ma vista la gravità del problema siamo sicuri che l’affronteranno in tempi molto stretti.

In merito alla questione Caldera si/Caldera no c’è da dire che la popolazione di Warzone sembra aver generalmente apprezzato la nuova mappa, pur essendo saldamente rimasta innamorata di Verdansk.

Certamente anche a causa dei numerosi problemi di questi ultimi giorni, sono indubbiamente aumentati i feedback dei giocatori per riavere anche Verdansk nella playlist di Warzone, di fatto chiedendo la possibilità di poter giocare su entrambe le mappe a proprio piacimento.

Per quanto Caldera sia estremamente affascinante, una parte di player avrebbe ancora molto piacere di potersi gettare sulla nota Verdansk (dove comunque i problemi non mancavano…non vorremmo rischiare di passare per quelli con la memoria corta).

Do you like Caldera or do you miss Verdansk? from CODWarzone

In una fase come questa ad esempio, in cui non sono pochi i giocatori ad aver segnalato problemi e bug nelle sessioni su Caldera, sarebbe disponibile una “seconda opzione” (Rebirth è troppo piccola per essere valutata come un’alternativa al BR classico) per tutti, anche per chi non ha gradito troppo gli update di Pacific.

Il problema dei quality tester di Activision 

Pur trovandoci forse nel momento più delicato di tutta la storia di Warzone, in cui ogni giorno si presenta alla porta un nuovo imponente problema che disturba le sessioni di gioco, sembra che al momento in Raven Software non abbiano troppo bisogno dei loro quality tester, visto che pur essendo ormai giunti al diciassettesimo giorno di sciopero di questo team, la dirigenza dell’azienda non si è ancora degnata di rispondere.

La protesta è nata all’inizio di Dicembre, quando Raven decise di licenziare alcuni impiegati del suo settore QA (quality assurance) dopo avergli promesso un aumento dello stipendio…

Warzone: Metaphor propone il primo loadout “ibrido” (con Vanguard) con Double Barrel AKIMBO e AK47!

Non ci resta altro da fare che “aspettare”, con la speranza che i nuovi aggiornamenti in arrivo (a partire proprio dalla patch di questo pomeriggio) possano essere utili per migliorare la situazione su Warzone.

Cosa ne pensate community? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

warzone apex

Warzone: e se ci fosse una “rotazione mappe” come su Apex?

Profilo di Stak
 WhatsApp

Warzone Apex – Dalla community di Warzone si solleva una nuova richiesta, che potrebbe definitivamente cambiare il modo in cui oggi vediamo il BR di Activision.

La prima storica mappa di Warzone è stata Verdansk, e l’abbiamo vista in due distinte versioni: quella moderna, e quella “invecchiata” per essere in linea con il tema anni 80 di Black Ops.

Da quando la mappa è stata sostituita da Caldera, un numero crescente di giocatori ha richiesto ai devs la possibilità di rivedere in azione Verdansk, magari anche solo con una mode a tempo limitato.

Oggi torniamo a parlare dell’argomento proponendolo sotto un punto di vista del tutto nuovo, che ci sembra anche molto interessante. Su Reddit l’utente DuffWardo ha proposto ai devs di Activision di prendere ispirazione da Apex Legends riguardo alle mappe.

Sul popolare BR Respawn vi è infatti una vera e propria rotazione delle mappe principali, che cambiano e si “intrecciano” di ora in ora. Se un qualcosa di simile venisse applicato anche su Warzone probabilmente si andrebbe a fare felice una fetta davvero gigantesca di player Activision.

Cosa significa “rotazione delle mappe“? Avendo una rotazione delle mappe, Caldera, Verdansk originale e Verdansk 84 si darebbero il “cambio” ad un intervallo di tempo preciso (su Apex cambia quasi ogni ora, ndr).

In questo modo l’esperienza di gioco su Warzone sarebbe sempre “fresca”, ed assolutamente originale, similarmente a come si presenta da questo punto di vista su Apex.

Andiamo a vedere il post Reddit in questione:

Would adding timed map rotations into Warzone improve the game? from CODWarzone

La questione non è chiaramente ufficiale, e si tratta pur sempre di una proposta dei giocatori. Non sappiamo se i devs metteranno nel mirino la questione, ma per un cambio cosi imponente è indubbio che bisognerà attendere almeno il rilascio del nuovo Warzone.

Warzone 2, i “grandi cambiamenti” e le speranze di Swagg

Proprio in merito al futuro di Warzone, il celebre streamer del FaZe Clan Swagg si è detto entusiasta delle news relative al secondo capitolo del BR. In un video YT dedicato, Swagg ha definito “sensazionale” la notizia del sequel di Warzone, aggiungendo che quasi certamente questo vorrà dire “un nuovo movement, un nuovo engine ed un nuovo feeling con il gioco“.

Bisognerà vedere quali novità introdurrà questo secondo capitolo in uscita nel 2023, e se una eventuale rotazione delle mappe sarà tra queste. Voi cosa ne pensate community? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

owen gun warzone

Owen Gun straordinaria su Warzone: il meta close range ha una nuova protagonista

Profilo di Stak
 WhatsApp

Owen Gun Warzone – Attraverso questo nuovo speciale vogliamo andare ad accendere tutte le luci dei riflettori su una piccola ma devastante SMG, che potrebbe presto diventare una vera spina nel fianco su Warzone.

Parliamo nello specifico della pistola mitragliatrice Owen Gun, arma australiana che venne prodotta in circa 50 mila esemplari nel corso della seconda guerra mondiale, e che riscosse un discreto successo a livello internazionale.

Pensate che l’Owen era cosi affidabile che anche gli Stati Uniti, da sempre grandissimi “produttori” di armi, ne hanno ordinati dei modelli. L’Owen sbarca su COD Warzone grazie a Vanguard, ed è oggi certamente tra le armi “novità” del meta di questo fine Gennaio.

Da diverse settimane infatti ha visto notevolmente aumentare il numero di giocatori che l’hanno inserita in una classe. Il merito è certamente da ricondurre alla sua eccellente stabilità/precisione, ma anche al fatto che dispone di caricatori molto capienti.

Tutte queste caratteristiche positive hanno convinto i giocatori a preferire l’Owen all’MP40, specialmente dopo che la mitragliatrice tedesca è stata nerfata. Su WZRanked l’arma si trova ancora al 24° posto generale per popolarità, ma sono ormai diversi i PRO che la stanno utilizzando.

Uno di questi è Metaphor, che in un recente video YouTube ha parlato dell’Owen come della migliore SMG su piazza. Secondo questo noto content creator, l’Owen svetta tra le armi close range perché garantisce una mobilità straordinaria, e perché ha un TTK eccellente.

Di seguito riportiamo i dettagli delle versioni più note/consigliate, insieme anche all’ultimo BREN proposto dal celebre Nickmercs. Ricordiamo infatti che il noto streamer del FaZe Clan è da poco tornato in azione anche su Warzone.

Warzone – Loadout consigliati per Owen Gun e Bren

Loadout per OWEN GUN SMG consigliato da TTVZyro
Loadout consigliato per Owen Gun SMG di Metaphor
Loadout consigliato da Nickmercs per BREN

Cosa ne pensate di queste versioni community? Darete una possibilità al vostro Owen? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

gas warzone

In arrivo su Warzone: Palloni anti-aerei, GAS e bombardieri!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Gas Warzone – Grazie a dei nuovi leak pubblicati in rete abbiamo potuto farci una minima idea di quello che potrebbe presto sbarcare su Warzone.

Come molti di voi sapranno il prossimo 14 Febbraio verrà ufficialmente rilasciata la Season 2 di Vanguard e Warzone, e con questa sbarcheranno su COD innumerevoli novità. Oltre ai già “teaserati” cambiamenti in arrivo per Caldera, sembra infatti che il pacchetto “contenuti originali” sarà veramente imponente.

I devs hanno deciso di schierare le armi pesanti, e secondo quanto riferito dai leakers ci sarà veramente da divertirsi…

Partiamo sempre da un fondamentale presupposto: tutto quello che leggerete di seguito non è ancora “ufficiale”. Si tratta di “fughe di notizie”, certamente importanti vista l’affidabilità delle fonti che le hanno “scovate”, ma pur sempre ufficiose e non confermate.

Come dicevamo sembra che Raven voglia stupire i giocatori, schierando in campo tante novità tra modalità e contenuti in game. Iniziamo proprio dai contenuti, da sempre argomento “caldo” per gli appassionati. Con la nuova stagione dovremmo assistere all’aggiunta di un nuovo tipo di equipaggiamento “anti-aereo” chiamato “Redeploy Balloons“.

Questi “palloni da rischieramento” dovrebbero e potrebbero funzionare in modo simile ai “Palloni di sbarramento“, agendo come veri e propri “ostacoli” nel cielo per gli aerei. Sbattendoci contro con un aereo potrebbe avere esiti devastanti sull’integrità del nostro velivolo.

Warzone, in arrivo anche i bombardieri e tantissimo gas

Proprio gli aerei saranno i grandi protagonisti della nuova season 2, e questo non solo per i palloni sopra menzionati. Sembra infatti che la prossima stagione verranno aggiunti dei nuovi aerei, dei bombardieri veri e propri, in grado quindi di “bombardare” a tappeto intere zone di Caldera.

L’altro grande protagonista sarà poi il GAS. Vi sarà infatti una modalità a tempo limitato in cui le squadre saranno in grado, attraverso specifici equipaggiamenti, di sprigionare gas per far crepare gli avversari.

Ai giocatori verrà però data la possibilità di utilizzare, nei casi più disperati, la “Personal Decontamination Station“. Questo oggetto dovrebbe mettere “al sicuro” il nostro team dal gas.

Non sappiamo ancora in cosa concretamente consisterà questa Personal Decontamination Station, ma sarà sicuramente un equipaggiamento “fisso”, che potrà quindi darci protezione dal gas, ma ci obbligherà a stare fermi in un punto magari anche per molti secondi.

Un vago esempio di come POTREBBE essere la Personal Decontamination Station su Warzone

Sempre riguardo le modalità a tempo limitato, sembra che i mezzi corazzati saranno grandi protagonisti a Febbraio. Probabilmente, saranno utili per “spargere” il gas attorno ad una determinata zona.

Ecco tutti i post che servono come fonti per queste informazioni:

Cosa ne pensate community? Siete pronti per questa imponente carica di novità in arrivo? Come sempre, la discussione è assolutamente aperta!

Articoli correlati: