Warzone, Season 3: i nuovi POI di Caldera, il gulag e le modalità originali in arrivo

Warzone, Season 3: i nuovi POI di Caldera, il gulag e le modalità originali in arrivo

Profilo di Stak
 WhatsApp

Nel corso della notte a cavallo tra il 21 ed il 22 Aprile, gli sviluppatori di Raven Software hanno finalmente mostrato i primi dettagli relativi all’ormai imminente Season 3 di Warzone.

Come avevamo anticipato anche in uno speciale pubblicato ieri pomeriggio, è ormai confermato che con la prossima stagione sbarcheranno su Caldera i mostri dell’operazione Monarch, un evento nell’evento che porterà Godzilla e King Kong sulla nostra amata isola del pacifico.

Partiamo proprio dall’Operazione Monarch, per poi vedere via via tutte le altre novità…

La nuova stagione aprirà i battenti il prossimo 27 Aprile. A distanza di circa due settimane, ovvero a partire dal prossimo 11 Maggio, inizierà invece l’Operazione Monarch vera e propria…

Dovrebbe essere quindi l’11 Maggio il giorno in cui Godzilla e Kong sbarcheranno definitivamente su Warzone.

Warzone Season 3: quali novità in arrivo il 27 Aprile? 

Già dal prossimo 27 Aprile saranno però presenti su Caldera tutta una serie di novità che ci introducono proprio all’operazione Monarch. Vi sarà ad esempio un intero nuovo POI (punto di interesse, ndr), che interessa la zona di Dig Site.

Tutte le novità in arrivo con la Season 3 di Warzone

Anche la zona di Peak sarà pesantemente aggiornata, ed apparirà molto più “pulita” e lineare rispetto a come si presenta oggi. Vi sarà inoltre un restyling alla zona della pista d’atterraggio, ed un significativo aggiornamento di tutta la zona della Laguna.

Ultimo, ma non certo per importanza, il fatto che con la Season 3 avremo un nuovo gulag per il battle royale. Stiamo parlando di Hold, gulag che in realtà si trova nella stiva di una nave ormeggiata sull’isola di Caldera.

Lo spazio in cui giocheremo l’1Vs1 sembra estremamente piccolo e simmetrico, ideale per degli scontri a fuoco rapidi e poco casuali.

Oltre a tutto questo, si segnala l’imminente sbarco della modalità originale “Prove di FerroCaldera. Per la prima volta nella storia di Warzone, Iron Trials si appresta a raggiungere anche la mappa del Pacifico, dove sarà giocabile in modalità quartetti.

Ecco il dettaglio su tutte queste novità:

WARZONE OVERVIEW Season 3

  • Uncover Ancient Secrets, Loadout Items at Dig Site. Get your hands dirty at this new Monarch Point of Interest between the Ruins and Mines to find Supply Boxes and clues of enemies to come.
  • New Offshore Gulag. Escape the Hold, Caldera’s new Gulag. Built by Toys for Bob, this three-lane arena welcomes all combatants to intense duels before redeployment.
  • Prepare for Operation Monarch. Ancient cave paintings, massive skulls, and an otherworldly axe are just some of the odd sightings around Caldera…

New Point of Interest: Dig Site

A storm is coming to the sunny paradise of Caldera. As the dark clouds began to encroach its skies, the island’s phosphate mining operations expanded westward only to unexpectedly strike bone.

Unearthing giant skulls, rib cages, and remains of Serpentine creatures that some say came from the Hollow Earth, the mining company ultimately abandoned this operation, creating a new area known as the Monarch Dig Site.

Located between the Mine and the Ruins, Dig Site provides Operators the opportunity to rummage through abandoned excavation equipment, tents, and massive skeletons for Supply Boxes and other items.

Don’t question these ancient skulls’ origins for too long; the area’s verticality makes it an action-filled location, as well as a source of Cash generation, especially if a Contract or two spawns in here.

Runway, Peak, and Lagoon Updated

With ominous skies over Caldera, those defending the island and its secrets decided to refortify Caldera’s northern aircraft Runway and its stronghold on the Peak after two seasons of being under construction. Meanwhile, the recent storm front caused the tide rolled in on the Lagoon, revealing another path to the Lighthouse.

Peak Fortifications Atop Caldera

Thought the top of Caldera was a hot drop? It hasn’t even begun to peak, as the upcoming additions to this Point of Interest may draw in more Operators looking for Supply Boxes, Contracts, and a solid starting point for their rotation strategies.

All buildings atop the Peak are fully built up, with a fresh coat of paint revealing the symbol of the mysterious global organization known as Monarch – the cryptozoological defense force investigating Titan activity on the island.

Use new exterior and interior ascenders to quickly travel between old and new floors of this area, or drop down to the core to see some of the upgrades made to the otherwise natural structure.

With multiple towers fully constructed, it’s now even easier to drop from the Peak to most named areas… Of course, those flying down from it are just asking to be shot down out of the sky for a #CODTopPlay.

Runway Rebuilt

warzone season 3

As darker days appear on the horizon, Caldera’s Runway will be rebuilt with a set of barracks, hangars, and other structural additions, replacing jungle overgrowth and abandoned lodgings in this area.

The Runway will also include a few decommissioned planes that could act as cover, as well as a few guard towers and water towers for getting a better survey of the area.

After the Runway is reconstructed, Operators who usually drop in at the Beachhead or the nearby operations building will find it easier to travel out to the Runway.

However, the lack of foliage make these rotation patterns less concealed, so be prepared for more visibility on this side of the map.

Hit the Sandbar, New to the Lagoon

Operators know of the bridge between the Lagoon’s notable Lighthouse and the rest of Caldera, but in this season, the shifting tides will reveal another path from the main island to the structure.

Expanding off the knee-high water route, this sandbar has multiple moored ships to explore or use as cover. In addition to a steep, rock-faced cliff behind a few houses, there are several sloping paths back up to the main island and to what already existed in this area.

Vehicles can also travel over this area — just be sure your driver knows how to handle off-road terrain and is not prone to any “sinking feelings” during tactical operations.

Operation Monarch: Preparations Underway

warzone season 3

Giant skulls and rebuilt defenses are just two of the many clues towards what will come with Operation Monarch, a special limited-time event featuring the iconic Titans of the Monsterverse, Godzilla and Kong.

Along with bringing two of the largest stars in movie history to Call of Duty®, Operation Monarch will introduce a new game mode for Quads based on several classic experiences with a titan-sized twist.

While Operation Monarch won’t begin until 9 AM PT May 11, be on the lookout for the presence of ancient artifacts, Monarch Research equipment and tents, as well as…well, it won’t take much investigating to see the massive glowing axe jutting out of the ground right near the Resort.

New Gulag Season 3 Warzone – Hold

warzone season 3

The mines underneath Caldera are no longer the place for Operators to face each other.

Enter the Hold: a new Gulag developed by Toys for Bob. This roughly symmetrical arena is based in the belly of a ship moored just off the coast of Caldera, with identical hallways on the perimeter of an otherwise open space.

Additional Updates Warzone Season 3

warzone season 3

Continuing their promise to improve your experience in Warzone, Raven Software and other studios are planning to introduce more quality-of-life updates with this new season of content, which will be communicated by their Patch Notes coming next week.

Underground Rumblings – Mid-Season Intel

Operation Monarch is likely to have a great impact on Caldera, but something else seems to be shaking and booming underneath the island. Expect more intel on the secrets below Caldera’s surface later on in the season.

Also, with Rebirth Island recently reinforced, Operators may have to undergo an exfiltration mission… Which could involve finding a radio for safe extraction before the final circle closes in. Be on the lookout for another Rebirth twist on a classic Warzone mode to come from Beenox when the mid-season update arrives.

 

Cosa ne pensate di tutte queste novità community? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

Timmins sulla modifica ai loadout: “non torneremo indietro, vi dovete solo abituare”

Timmins sulla modifica ai loadout: “non torneremo indietro, vi dovete solo abituare”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Ted Timmins sulla modifica ai loadout – Il Senior Creative Director di Raven Software è recentemente intervenuto sui social dopo le numerose lamentele rispetto alla recente modifica dei loadout.

Come capitò anche per il menù dello shop, con l’aggiornamento della Season 4 i devs hanno introdotto anche una piccola modifica per il menù dei loadout, una volta aperta una cassa di rifornimento.

Da due giorni infatti, aprendo una cassa si vedrà il cursore andare automaticamente sulla prima classe (quella più in alto). Questa modifica ha generato un po’ di confusione tra i giocatori, con numerosi player che hanno segnalato di aver “sbagliato il loadout” durante le sessioni di gioco recenti.

Le lamentele avrebbero potuto generare un ripensamento nei devs di Raven Software, che invece pare abbiano deciso di procedere per la loro strada. Su Twitter è stato direttamente Ted Timmins a comunicarlo, annunciando che è “solo questione di abitudine”.

Nel post Timmins ha dichiarato: “questa modifica è uguale alla rimozione dall’interfaccia utente del pop-up di conferma di acquisto agli shop. Ricordi come tutti sono “saltati” agli shop per una settimana? Ma poi è andata meglio? Questo sarà lo stesso, c’è solo bisogno di tempo affinché la memoria muscolare faccia il suo corso“.

In Raven non sembrano quindi affatto preoccupati dei feedback negativi… Al contrario, sono invece assolutamente determinati in questo senso. Con la rimozione del tasto di conferma di acquisto dagli shop hanno avuto effettivamente ragione…

Speriamo anche questa decisione generi il medesimo risultato.

Voi cosa ne pensate community? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

Swagg, Booya e Jgod concordano: “le Marco 5 in Akimbo sono ROTTE; folle la velocità di movimento”

Swagg, Booya e Jgod concordano: “le Marco 5 in Akimbo sono ROTTE; folle la velocità di movimento”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Se fino a ieri sera abbiamo parlato della Marco 5 Akimbo come di una delle migliori classi del momento, oggi torniamo sull’argomento con nuove ed ancor più approfondite considerazioni…

Nel corso della notte sono stati moltissimi i giocatori che hanno deciso di provare questo particolare mix. Come noto infatti, giocare le armi SMG in Akimbo non è affatto semplice, e richiede un’ottima meccanica di sparo in hipfire (senza zoom sulla mira).

Nonostante questo, e visti i danni assicurati dall’arma, nelle ultime ore è cresciuto a dismisura il numero di utilizzatori di questa classe Akimbo… Sempre più destinata a diventare il nuovo “vertice” del meta delle armi, almeno per quel che riguarda il close range.

A pensarla cosi tanti membri di spicco della scena, tra cui Booya, JGOD ed anche la star del FaZe Clan Swagg: tutti questi esperti giocatori sono sicuri del fatto che la nuova Marco 5 (specialmente in Akimbo) siano del tutto “rotte“, “overpowered” e sregolate.

Ancora è presto per parlare di nerf, ma di certo tutta questa “pubblicità” non aiuta la Marco 5 ad allontanarsi dal mirino dei devs del team di bilanciamento. La situazione desta qualche sospetto anche perchè l’arma non è solo scandalosamente forte in Akimbo, ma anche in singolo.

Non solo la versione in Akimbo per la Marco 5: Jgod svela il trick per godere del 30% di velocità di movimento

Pensate che con i giusti perk (Impeto e Celerità la coppia migliore al momento), l’arma può godere di un bonus al 30% alla sua velocità, diventando

In attesa di scoprire che fine farà quest’arma, andiamo a vedere quali sono le migliori versioni Akimbo attualmente a disposizione:

Loadout per Marco 5 consigliato da Booya
Loadout Marco 5 AKIMBO consigliato da SWAGG
Loadout consigliato da JGOD per MARCO 5 Movement Speed

Cosa ne pensate community? Quale di queste versioni vi interessa maggiormente?

La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

Molti più cheater nerfati su Warzone: vediamo come funzionano le “contromisure”

Molti più cheater nerfati su Warzone: vediamo come funzionano le “contromisure”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Warzone Cheater – Dalle risposte che abbiamo letto recentemente sulle varie community, sembra che non tutti i giocatori abbiano perfettamente compreso come agisce il sistema anti-cheat Ricochet sugli imbroglioni…

Infatti, Ricochet non si limita solamente a “bannare” i cheater, ma prova anche a rendere infernale le loro presenza in BR. Fino all’anno scorso sapevamo che tutti i cheater, una volta individuati, sarebbero stati o bannati o inseriti in delle lobby speciali piene di altri cheater (le lobby shadowban, ndr).

Da qualche mese l’azione dei devs è però cambiata, con gli sviluppatori ora intenzionati a lasciare i cheater li dove stanno, cosi che possano fare da “bot umani” per i giocatori onesti.

Ricochet in questo momento può nerfare i cheater in tre modi diversi: può totalmente disarmarli, lasciandoli sostanzialmente senza mani; può rendere invisibili i giocatori attorno al cheater, cosi che questo non possa mai scoprire da dove arrivano i colpi; ma soprattutto, Ricochet può azzerare il potere di fuoco di qualsiasi imbroglione.

Grazie a quest’ultima feature, i cheater non saranno in grado di rimuoverci nemmeno una singola corazza, pur sparandoci contro centinaia di proiettili di grosso calibro.

Il nerf al cheater in diretta

Direttamente dal Twitter ufficiale di TimTheTatman, ecco un chiaro esempio di come Ricochet agisce sui cheater, “trollandoli”…

warzone cheater

La speranza dei devs è che, nerfando i cheater, gli imbroglioni alla lunga desistano dal riacquistare dei programmi illegali, cosa che il singolo ban non ha mai impedito purtroppo.

Il post ufficiale

D – Cosa sono queste “contromisure”? E perché le utilizzate?

Le contromisure sono state create dai cervelloni dei nostri team di sicurezza lato server, che fanno parte del gruppo responsabile di #TeamRICOCHET. È cominciato tutto con un commento casuale: “Non sarebbe buffo se…”, da cui il team ha preso ispirazione per sviluppare le contromisure.

Siamo convinti che si tratti di un passo fondamentale per l’implementazione di un vero sistema anti-cheat.

La domanda a cui #TeamRICOCHET ha dovuto trovare una risposta è poi diventata: “Come possiamo mantenere i cheater all’interno di Warzone, al fine di analizzarne le tattiche e rinforzare la nostra security, riducendo allo stesso tempo il loro impatto sull’esperienza di gioco dei giocatori corretti?”

La soluzione? Cercare di, per così dire, “fare lo sgambetto” ai cheater. Per qualche motivo, questi giocatori provano un senso di superiorità nell’utilizzare un software per vincere partire che non potrebbero mai vincere normalmente. Le nostre contromisure contribuiscono a trasformare l’esaltazione di una vittoria (non meritata) in un’insopportabile sensazione di puro fastidio. Abbiamo visto i video.

Scopriamo alcune di queste contromisure nel dettaglio:

DANNI RIDOTTI

Questo sistema ha ricevuto l’approvazione della community fin dal momento del suo annuncio perché le sue conseguenze sono evidenti per entrambi i giocatori coinvolti. Se su Warzone qualcuno ti sta sparando, ma la tua salute si riduce molto lentamente, è molto probabile che tu stia affrontando un cheater. Il cheater, da parte sua, continua a sprecare munizioni finché non si accorge di essere stato scoperto. La maggior parte delle clip che avete condiviso contengono questa contromisura, perché è facilmente identificabile da entrambi i giocatori.

  • Problema: i cheater utilizzano normali armi di Warzone per eliminare i giocatori corretti rapidamente e senza sforzo
  • Soluzione: aumentare la difesa dei giocatori, senza eliminare del tutto il danno subito affinché i giocatori colpiti possano comunque identificare la provenienza dei colpi e liberarsi personalmente dei cheater

CLOAKING

È come avere una modalità Ghost personale! Abbiamo ricevuto meno clip di questa contromisura perché è più difficile per i giocatori corretti accorgersene. Se un cheater viene colpito dal Cloaking, i loro colpi fanno sparire gli altri giocatori (e i loro proiettili!). Se dovessi vedere un avversario girare su sé stesso con aria confusa dopo averti colpito, è probabile che si tratti di un effetto del Cloaking. A quel punto avrai gioco facile a eliminarlo dalla competizione!

  • Problema: i cheater possono vedere tutti i giocatori, anche quelli nascosti da muri e ostacoli vari, e approfittarne per portarsi in vantaggio
  • Soluzione: rendere invisibili i giocatori agli occhi del cheater, a prescindere dalla distanza tra loro

DISARMO

Vogliamo parlarvi anche di un’altra contromisura attualmente in atto: il Disarmo. Come dice il nome, consiste nell’identificare un cheater e privarlo immediatamente di tutte le sue armi (pugni inclusi).

Non ci aspettiamo di vederne tante clip online, ma l’abbiamo vista in azione e le reazioni dei cheater sono sempre estremamente buffe.

  • Problema: i cheater sono estremamente letali con qualsiasi arma
  • Soluzione: impedire loro di attaccare

Da quando abbiamo attivato queste contromisure a inizio anno, abbiamo tenuto d’occhio le segnalazioni dei nostri giocatori.

Lo scopo delle contromisure è di mantenere i cheater all’interno delle partite per analizzarne i dati, riducendone però al minimo la capacità di rovinare l’esperienza dei giocatori corretti. I dati sopra riportati mostrano che la presenza delle contromisure riduce le segnalazioni, sia perché molti più giocatori finiscono bannati per comportamenti scorretti sia perché questi stessi comportamenti hanno un impatto molto più ridotto sul divertimento dei giocatori corretti.

Come detto in precedenza, questa situazione è in costante evoluzione: è normale constatare un aumento del numero di cheater quando viene scoperto un nuovo metodo ma, sempre in base a questi dati, questi brevi picchi vengono mitigati immediatamente dall’applicazione di nuove contromisure e altre iniziative anti-cheat.

In futuro vi parleremo delle altre contromisure che abbiano in cantiere. Alcune sono già attive, mentre altre sono tuttora in fase di sviluppo. Oltre alla missione principale (ridurre il più possibile la scorrettezza nei nostri giochi), ne abbiamo anche una seconda, un po’ più segreta: infastidire più cheater possibili.

D – E una volta applicate le contromisure? Non utilizzerete anche i ban?

Le contromisure sono sicuramente l’elemento più spettacolare del sistema Anti-Cheat™ RICOCHET, ma fungono in realtà solo da supporto per quello che è il deterrente fondamentale: i ban.

#TeamRICOCHET si occupa tutti i giorni di bannare da COD e Warzone numerosi cheater, spesso in ondate uniche.

Fin dall’ultimo aggiornamento abbiamo bannato oltre 180.000 giocatori tra WarzoneTM e Vanguard.

D – Cosa posso fare per aiutare a migliorare l’esperienza di gioco?

La prima cosa che consigliamo a tutti i giocatori è di proteggere il proprio account. Nonostante il nostro continuo controllo del mercato illegale di account, i cheater sono sempre alla ricerca di nuovi ID da utilizzare per tornare all’assalto. L’autenticazione a due fattori aiuta a far sì che il tuo account resti dove è giusto che sia: nelle tue mani.

Esistono inoltre gli strumenti, non meno importanti, di segnalazione dei cheater all’interno di Warzone. Continuiamo a parlarne proprio perché sono assolutamente fondamentali per garantire il successo di questi sistemi. Le segnalazioni dei giocatori ci aiutano a identificare le tendenze e i comportamenti medi dei cheater.

Sono importanti e aiutano a migliorare e rinforzare il sistema. Quindi… continuate a farlo!

warzone cheater

D – Come possiamo aspettarci che agisca #TeamRICOCHET quando usciranno Call of Duty®: Modern Warfare® II e il nuovo Warzone™ 2.0?

Il sistema Anti-Cheat™ RICOCHET con il suo driver kernel-level per PC sarà attivo fin dal giorno dell’uscita sia in Call of Duty: Modern Warfare II che nel nuovo Warzone 2.0.

Questo è reso possibile dalle solide fondamenta che #TeamRICOCHET ha sviluppato e aggiornato costantemente fin dal momento della sua creazione, oltre alla stretta collaborazione con i team di sviluppo dei giochi.

Il sistema Anti-Cheat™ RICOCHET diventa sempre più intelligente con il passare del tempo.

Ci saranno ancora cheater? Ahinoi, purtroppo sì, ma ci stiamo impegnando al massimo per diventare sempre più rapidi ed efficaci nell’eliminarli dal gioco (con la forza o con tattiche più o meno fastidiose) affinché i giocatori corretti possano divertirsi come meritano.

Inoltre, non vediamo l’ora di scoprire come funzioneranno i Danni ridotti, il Cloaking e il Disarmo in un contesto moderno.

 

Cosa ne pensate community? Avete incontrato anche voi dei cheater nerfati?

Articoli correlati: