fantasmi verdansk

Warzone, perchè privarsi della mode notturna in BR normale? Molti giocatori delusi dall’evento di Verdansk

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Fantasmi a Verdansk – Nel corso della serata di ieri è stato introdotto su Call of Duty Warzone il nuovo evento “Ghosts of Verdansk“, una specie di via di mezzo tra una normale partita BR in notturna, e l’evento Zombie introdotto la scorsa primavera quando Verdansk venne “aggiornata” al 1984.

L’evento in se non è affatto male, ha un suo schema che dimostra chiaramente che il lavoro dei devs in fase di sviluppo non è mancato, ma rischia di non essere cosi divertente a causa dei ritmi forse eccessivamente frenetici che lo caratterizzano.

La modalità si presenta munita di un indicatore della paura estremamente originale, e con un sistema di abilità dei fantasmi che avvicina tutto il mondo di Warzone a quello dei titoli RPG, dove ogni giocatore è chiamato a dover “ruolare” un determinato personaggio.

Questi sono a mio parere i due punti “a favore” di Ghosts of Verdansk, una modalità a tempo limitato che quindi sulla carta si presenta davvero molto bene ma che purtroppo, stando ai primi feedback provenienti dalla community, pare abbia deluso moltissimi giocatori.

In generale sono tantissimi i commenti dei player che trovano l’evento del 2021 molto meno intrigante rispetto a quello dell’anno passato, con svariati altri che invece lamentano l’assenza di una mode notturna “normale” in cui giocare in questi giorni ma questo è un aspetto di cui parleremo fra poco.

Cosa non ha funzionato nella nuova modalità? 

Fantasmi di Verdansk è sicuramente una di quelle mode che non è assolutamente in grado di esprimere tutta la sua profondità nella prima partita. Il primo approccio con questa mode è spesso traumatica, al limite dell’ingiocabilità per alcuni, e forse per questo molti player non sono invogliati a riprovarla una seconda volta, “bloccando” quindi il loro giudizio su “la mode non mi è piaciuta”.

Già al secondo tentativo, una volta che sono state ben assimilate tutte le meccaniche, la modalità scorre in modo meno caotico e riesce ad essere a tratti anche molto divertente ed emozionante (poco sotto una carrellata di “reazioni” di noti streamer una volta che questi hanno raggiunto il 100% di paura).

Pur avendo una struttura molto solida, la modalità rischia comunque di risultare troppo “folle” per essere giocata con una certa costanza, con numerosissimi player che si sono ad esempio lamentati degli effetti e dei suoni fastidiosi generati dalle allucinazioni.

Probabilmente questa mode sarebbe stata estremamente divertente se giocata solamente nel corso della notte di Halloween, mentre avremmo preferito per tutto l’arco dell’evento una modalità comunque in  tema (quindi ad esempio in notturna), ma anche più “normale” rispetto a come si presenta Ghosts of Verdansk.

In questo senso, non è un caso che i giocatori abbiano citato l’evento dell’anno passato per fare un paragone con quello 2021, facendo evidentemente capire ad Activision che il tema “zombie” è più amato rispetto a quello dei “fantasmi”…

Le reazioni degli streamer all’evento

Voi cosa ne pensate community? Vi è piaciuto l’evento di Halloween? Personalmente, come ho accennato sopra, ho trovato il tutto troppo caotico, ed ho avuto bisogno di una seconda e poi di una terza partita, per godere realmente dell’esperienza di gioco…oltre a questo, mi sarei aspettato almeno una mode casuale tra solo, duo, trio e squad con Verdansk in notturna, ma non sembra che siano queste le intenzioni dei devs.

La vostra opinione? Fatecelo sapere nei commenti!

Warzone, dal “pushatore solitario” al “bot”, quali sono i peggiori “compagni di squadra” di sempre

Articoli correlati: 


Warzone, perchè privarsi della mode notturna in BR normale? Molti giocatori delusi dall’evento di Verdansk
Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701