contratto big game

Warzone, diversi streamer preoccupati dal contratto Big Game: “favorirà gli streamsniper”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Tra le tante, tantissime novità annunciate nel corso della serata di ieri dagli sviluppatori di Warzone, una di quelle che ha maggiormente attirato l’attenzione dei giocatori (e soprattutto degli streamers) è relativa al nuovo contratto “Big Game“.

Per chi non avesse letto l’aggiornamento (cliccando qui avrete accesso alle note della patch con tutti gli update), stiamo parlando di un nuovo contratto che si  attiverà solamente una volta nel corso di un’intera partita, e che andrà sostanzialmente a marchiare il giocatore della lobby con il più alto numero di kill.

A quel punto tutti gli altri giocatori presenti sulla mappa, similarmente a quanto accade su Warzone quando si prende un contratto Ricercato, o su Malloppo quando vengono segnalati i giocatori più “ricchi” in gioco, vedranno attivato il contratto Big Game, e potranno decidere se partecipare alla “caccia” al player con il più alto numero di kill in quel momento.

Per un giocatore “normale” un contratto del genere rappresenta semplicemente un nuovo potenziale contenuto da sfruttare, ma è lo stesso anche per i pro ed i content creator? Evidentemente no, perché nel corso delle ultime ore non sono stati affatto pochi gli streamer internazionali ad essersi detti “preoccupati” per la meccanica del Big Game.

Secondo alcuni di loro come Swagg o Santana, entrambi content creator in forze al FaZe Clan, il contratto Big Game rischia di prendere troppo di mira gli streamer, andando a favorire ed incoraggiare la terribile azione dello streamsniping.

Lo streamsniping (ovvero “spiare gli streamer”) è una pratica che porta i giocatori malintenzionati a guardare la live degli streamer che sono finiti nella loro lobby per prevederne le mosse e prenderli alle spalle…una cosa decisamente frustrante da subire, specialmente se si considera che il tempo che uno streamer passa su Warzone va inteso come tempo investito sulla propria attività professionale.

Swagg e Santana sono “preoccupati” perché pensano che i contratti Big Game andranno certamente a colpire un elevato numero di streamer famosi, poiché (quasi) tutti questi sono dei veri e propri demoni di Verdansk, perennemente a caccia della partita con alto numero di uccisioni e continui push ai team avversari.

Il contratto Big Game potrebbe essere “super”…

Sarà quindi molto “facile” che il contratto Big Game vada a colpire giocatori con K/D elevati come Swagg, ma se da un lato il pericolo “streamsniping” preoccupa, dall’altro vi sono dei content creator molto più cauti con i giudizi…uno di questi è ad esempio Mutex, che ha una visione decisamente diversa rispetto ai due streamer citati qui sopra.

Secondo Mutex infatti, questo tipo di feature potrebbe rivelarsi “fantastica” o “terribilmente negativa”, con lo streamer che è quindi certo che “non esistano vie di mezzo”. Il fatto che vi sarà un solo contratto Big Game per partita, secondo Mutex assicura un certo equilibrio che non dovrebbe generare episodi di frustrazione tra i migliori player di Warzone.

Su quali saranno i player “colpiti” dal Big Game Mutex non ha però alcun dubbio: “certamente questo contratto prenderà di mira i migliori streamer ed i cheater” (ammesso che ve ne saranno ancora).

Cosa ne pensate voi di questa faccenda? Vi piace l’idea dei devs rispetto al contratto Big Game? La discussione, come sempre, è aperta!

Nerf per Dead Silence e Stordenti! Risolto il problema delle maschere antigas: ecco le TANTISSIME novità di Warzone!

Articoli correlati: 

swagg warzone record

Warzone: Swagg e DiazBiffle si prendono il nuovo RECORD DEL MONDO su Caldera!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Record Warzone – Il celebre Swagg, insieme a Biffle, Booya e Doozy, è riuscito a conquistare il nuovo record del mondo per kill ottenute su Caldera!

Il consolidato quartetto è infatti riuscito a concludere una vittoria in BR quartetti accumulando una media di più di 33 kill a testa. Grazie alle 33 kill di Biffle, alle 33 di Booya ed alle 33 di Doozy, a cui si aggiungono le straordinarie 35 kill di Swagg, i 4 sono riusciti a totalizzare ben 134 kill totali!

Certo siamo ancora molto lontani da quelle 162 kill ottenute da Aydan, Almond, ScummN, e Newbz a Verdansk, il 5 Marzo dell’anno scorso, ma è comunque un risultato che fissa un nuovo limite globale alla mappa Caldera.

A margine del risultato, fa molto piacere che tra i protagonisti di questo successo ci sia anche il giovane Biffle. Come noto, DiazBiffle si è infatti recentemente ritrovato coinvolto in una situazione che non gli ha risparmiato dure accuse di cheating.

L’episodio, fortunatamente “chiarito” (troverete qui altri dettagli), deve aver certamente stressato il membro dei Baka Bros, e siamo sicuri che questi risultati aiutano ad “allontanare” tanti brutti pensieri.

 

La “Prova” del record su Warzone

Il record italiano di xClubberx

Vista l’occasione del record raggiunto da Swagg e compagni, siamo lieti di segnalare la grandiosa performance del membro della community italiana xClubberx.

Questo player è infatti riuscito ad abbattere 36 giocatori avversari in Solo Vs Trios, riuscendoci tra l’altro senza venire mai sconfitto. Ecco il video della sua straordinaria prova (troverete il loadout da lui scelto cliccando qui):

Cosa ne pensate di questi risultati community? Quale è stato il vostro miglior risultato ottenuto in quartetti con i vostri compagni di squadra? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

ak47 warzone black

Warzone, Jgod rivela: “le armi di Black Ops migliori di quelle di Vanguard”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Black Ops Warzone – Con un video estremamente interessante che ha lasciato di sasso molti spettatori, Jgod ha svelato la ragione per la quale le armi di Black Ops sarebbero migliori di quelle di Vanguard.

Il discorso è riferito esclusivamente a Warzone, unico terreno di scontro in cui possono coesistere armi di epoche diverse. Ma cerchiamo di andare ad analizzare meglio le considerazioni di Jgod…

Secondo il noto content creator le armi di MW, ma soprattutto quelle di Black Ops, sarebbero più indicate per Caldera a causa della velocità dei proiettili. Come noto ogni arma del gioco è caratterizzata da una particolare “bullet velocity“: maggiore è questa velocità, maggiori saranno i danni inflitti al bersaglio.

Non solo però. Perchè maggiore sarà la velocità, maggiore sarà la precisione dei nostri tiri. Tutto questo è da considerare fondamentale quando si ingaggiano combattimenti a lunghe distanze, dove la velocità dei proiettili può fare la differenza tra una kill ed un tragico “colpo a vuoto”.

Normalmente quando costruisci le tue classi a lungo raggio, la maggior parte delle volte vuoi che la velocità del proiettile sia compresa tra 1.000 e 1.200 m/s“, ha affermato.

Ci sono anche alcune armi che vanno oltre, ma solitamente è questo il dato generale“.

Qualsiasi cosa al di sotto di 900 o intorno a 900 è meno favorevole, e diventa un più difficile da usare. Devi guidare un po’ di più il tuo tiro, e questo rende difficile essere precisi, anche se l’arma ha un rinculo molto basso“.

L’AK47 di Black Ops tra le migliori opzioni di Warzone

Sempre Jgod ha quindi spiegato che armi come il C58 o l’AK47 (ma abbiamo anche visto delle versioni di MW) possono rivelarsi più utili di quelle di Vanguard negli scontri aperti su Caldera, proprio grazie all’elevatissima velocità dei loro proiettili.

Vi ricordiamo che proprio nel corso delle ultime ore abbiamo visto alcune versioni consigliate…di seguito tutti i dettagli:

Loadout consigliato per AK-47 Rebirth/Caldera
Loadout consigliato da TrueGameData per C58
Loadout “Ibrido” Black OPS/Vanguard di Metaphor – AK47+DualBarrel

Una questione certamente interessante, che conferma il già ottimo stato di forma di alcune armi del passato. Voi cosa ne pensate community? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

caldera warzone

Warzone, i devs promettono modifiche in arrivo su Caldera

Profilo di Stak
 WhatsApp

Caldera Warzone – In un botta e risposta su Twitter, gli sviluppatori di Raven Software hanno anticipato che la prossima season introdurrà dei cambi su Caldera!

L’ormai celebre mappa a tema Pacific sarà infatti colpita da una nuova tornata di aggiornamenti, assolutamente slegati dal gameplay. Secondo quanto riferito dai devs, l’update di cui stiamo parlando qui è di tipo grafico, e dovrebbe quindi prevedere dei veri e propri “restyling” di alcune zone di Caldera.

La questione è nata in risposta al messaggio di un utente che si lamentava del già noto problema degli edifici fantasma. Come avevamo accennato in uno speciale pubblicato ieri, da giorni diversi giocatori segnalano delle discrepanze tra ciò che si vede sulla minimappa, e ciò che si vede su Warzone.

Abbiamo quindi presentato la singolare vicenda dell’edificio “fantasma, che a questo punto trova una sua “soluzione”. Le “discrepanze” tra minimappa e realtà dovrebbero quindi essere solamente alcuni degli interventi in arrivo.

In passato abbiamo ad esempio ascoltato le proposte di Moonryde riguardo ai cambiamenti da applicare su Caldera, e sinceramente speriamo che queste (o almeno una parte) vengano accolte dai devs. Al momento comunque non sappiamo quale sarà l’entità di questi cambiamenti. E’ invece certo che sbarcheranno tutti fra pochi giorni, al rilascio della Season 2.

Del resto è un qualcosa che abbiamo già visto in passato, con il lieve restilyng promosso per Verdansk proprio all’inizio della seconda stagione assoluta.

La risposta dei devs – Warzone Caldera

Cosa ne pensate community? Che tipo di cambiamenti vi aspettate maggiormente con l’introduzione della nuova stagione? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: