warzone cheaters

Warzone, bannati altri 50 mila cheaters! Acti svela il teaser sull’anti-cheat!

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Quella che inizierà domani potrebbe essere la stagione di Call of Duty Warzone e Black Ops più amata e divertente di sempre, perchè gli sviluppatori di Activision hanno anticipato che sono in arrivo delle imponenti novità nella lotta ai cheaters.

Con un nuovo post pubblicato direttamente sull’account ufficiale Twitter, i devs hanno infatti reso noto un dettaglio fondamentale, su cui sinceramente riponevamo tantissime aspettative, e che a questo punto speriamo materializzi presto un vero e proprio scudo di protezione dai cheaters attorno a Verdansk.

Nel post si può infatti leggere che gli account bannati sono stati 50 mila nel corso della sola ultima tranche, ma il dettaglio importante è decisamente un altro, sempre interno al medesimo post di Twitter.

I devs di Activision scrivono: “Ancora più importante, stiamo ascoltando i vostri feedback e stiamo lavorando duramente dietro le quinte; rilasceremo nuove informazioni molto presto“; secondo molti esperti, questa non può che essere una meravigliosa conferma del fatto che Warzone potrebbe apprestarsi ad avere, finalmente, un miglior sistema di protezione dagli imbroglioni.

Ecco il post con l’inequivocabile messaggio riferito ai cheaters firmato da Raven Software per Warzone:

Cosa ne pensate community?
Potrebbe presto finalmente materializzarsi uno degli aspetti assolutamente più importanti e richiesti dell’ultimo anno…speriamo solo che i devs non rimandino troppo eventuali implementazioni troppo dopo il rilascio della nuova stagione (il cui inizio è previsto per domani mattina in Italia).

La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701