Vikkstar deluso da Warzone: “mai avuti tanti problemi con i cheaters su Fortnite, Apex e Pubg”

Vikkstar deluso da Warzone: “mai avuti tanti problemi con i cheaters su Fortnite, Apex e Pubg”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Warzone Cheaters – Il lancio della mid-season di Call of Duty non frena i malumori e le polemiche della community, e nella scena competitiva potrebbe presto sollevarsi un vero e proprio vespaio.

La tensione che tira all’interno della scena di Warzone è sicuramente “nuova” per moltissimi aspetti…innanzi tutto era probabilmente dai tempi di Fortnite che non c’era un cosi forte interesse rispetto alla potenziale scena “competitiva” di un videogioco: tantissimi giocatori di Warzone hanno infatti fornito svariati feedback sulla questione “Warzone Esports” e, purtroppo, sono certamente pochi quelli unicamente entusiasti e “positivi”.

La maggior parte dei giocatori (che siano casual o pro, addetti ai lavori o content creator, poco importa) sostiene, a ragion veduta, che il gioco al momento sia ancora afflitto da troppi “problemi” che andrebbero certamente ad intaccare la sua struttura competitiva.

Uno su tutti, nemmeno a pensarci pochi secondi, è certamente la crisi derivata dalla presenza asfissiante dei cheaters, una piaga talmente ingombrante da essere riuscita a compromettere, speriamo non irrimediabilmente, l’integrità (e l’affidabilità) della stessa scena competitiva.

Tanti giocatori, forse troppi, bollano per questo Warzone come un gioco “non competitivo“, quando invece riteniamo che, almeno a livello concettuale, il BR di Activision possa rappresentare una categoria esports non solo estremamente competitiva, ma anche incredibilmente divertente.

Per far si che Warzone sia pronto per essere un forte titolo esport servono anche dei forti contraccolpi certo, e vista la “gravità” raggiunta dalla situazione cheaters è a questo punto quanto meno necessario che l’intervento dei devs funga da vera e propria “bomba”, un’azione eclatante utile ad azzerare in poco tempo il problema, ed a riconquistare velocemente la fiducia ormai persa di tanti giocatori.

Ci vorrebbe la bacchetta magica” direte voi, ma un sistema che possa bloccare all’ingresso ed in modo “attivo” i cheaters (e non sempre e solo previa segnalazione) simile a soluzioni che vengono già utilizzate da altri publisher; potrebbe essere questa la “bomba” tanto attesa, in grado di azzerare, magari completamente ed in modo definitivo, il problema dei cheaters su Warzone.

Il post di Vikkstar

Vikkstar è stato l’ultimo dei PRO che hanno infine “sbottato” sul web, scagliandosi contro Raven Software e contro il pessimo (e tossico) clima che in questo momento affligge le lobby di gioco. Il pro ha addirittura aggiunto che mai nelle sue precedenti esperienze aveva attraversato qualcosa di simile, ne su PUBG, ne su Apex Legends o Fortnite…delle parole molto dure, che speriamo possano almeno spingere i devs ad illustrare quale sia il problema.

Come già hanno fatto in passato, in Activision sono sempre stati molto chiari nello spiegare che loro odiano i cheaters molto più di noi (ed è vero, oltre che condivisibile come punto di vista, perchè i cheaters prima “distruggono” il lavoro di un professionista, e poi anche l’esperienza di gioco di noi utenti finali), ma non hanno avuto la stessa chiarezza quando si è dovuto parlare del “perchè” questi aggiornamenti non fossero ancora arrivati.

Warzone: gli streamsniper alterano (e rovinano) il Nadeshot Invitational, Tommey tra i player più colpiti

Allo stato attuale, l’unica informazione “solida” che noi giocatori abbiamo, è che i devs “presto ci faranno sapere quali altre novità sono in arrivo”…un input sicuramente positivo, che tuttavia è ormai ripetuto in modo automatico e “freddo” da svariati mesi, e che sembra non avere mai una sua fine.

Per il DOC “il problema dei problemi” di Warzone è il suo engine

Un altro punto di vista particolarmente interessante è stato poi quello rilasciato recentemente dal celebre DrDisRespect, streamer e content creator di svariati giochi, che da diversi mesi vive un rapporto di amore/odio con Warzone e con gli sviluppatori di Activision.

Il Doc alterna momenti di grande euforia e di entusiasmo per Verdansk, a momenti in cui invece palesa tutto il suo odio per il BR di Acti, ed in passato è anche arrivato al punto di disinstallare il gioco in diretta (salvo poi installarlo nuovamente, ndr).

In una recente sessione in stream, DrDisRespect ha quindi voluto concentrare tutte le sue attenzioni sull’engine grafico di Warzone, ovvero l’IW 8.0 Next Gen. Secondo il DOc infatti, dietro i principali limiti manifestati da Warzone, uno su tutti la quasi totale assenza degli eventi live (che invece hanno perfettamente funzionato su altri titoli competitor), ci sia proprio l’IW 8.0 di Infinity Ward.

In particolare il DOC ha affermato: “Tutto ciò che è brutto in Warzone, tutto ciò che [è andato storto] nella prima, seconda, terza stagione, l’intera narrativa, l’evento dal vivo, tutto ha qualcosa a che fare con quanto sia limitante il motore…e cosa non può fare; il franchise di Call of Duty è uno dei più grandi IP di gioco al mondo, e bisogna affrontare la limitazione di questo motore di Warzone“.

Sulla questione ha poi proseguito, parlando dei competitor di Warzone: “Gli altri motori utilizzati (su Apex, Fortnite ad esempio), per come sono progettati, per quanto sono efficienti, dispongono di molti vantaggi. Rendono l’intero processo delle partite, degli eventi dal vivo e delle lobby molto più semplice, molto più snello“, ma la soluzione potrebbe tuttavia essere “in casa” considerato che sempre DOC ha poi voluto dire che un punto da cui partire potrebbe essere l’engine utilizzato per Blackout, titolo nel quale, secondo DrDisRespect, Activision ha fatto un egregio lavoro.

Cosa ne pensate community?

La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

Meta delle armi di Warzone: STG ancora al TOP, Moonryde mostra un’ottima versione “ZERO RECOIL”

Meta delle armi di Warzone: STG ancora al TOP, Moonryde mostra un’ottima versione “ZERO RECOIL”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Warzone Armi – A pochi giorni dal rilascio della nuova patch, è tempo di tirare le prime somme su quali sono le armi attualmente migliori da giocare su Warzone.

Attraverso questo speciale non andremo a riportare “classifiche” definite, è ancora troppo presto.

Andremo però a vedere, per ognuna delle categorie maggiori, quali sono le armi consigliate per essere “certi” di avere tra le mani i giusti mezzi competitivi.

Iniziamo ovviamente dagli AR, i fucili più popolari tra quelli usati nel BR. Passiamo poi alle SMG, le LMG ed ai fucili da cecchino.

Al momento abbiamo preferito non inserire gli shotgun visti i recenti nerf che hanno colpito questa categoria.

Le armi più consigliate, e l’ultima versione dell’STG di Moonryde

Loadout per STG44 consigliato da Moonryde

Per quanto riguarda invece gli AR, segnaliamo anche l’ultima versione di quest’arma proposta da Moonryde.

Con un accessorio specifico (l’impugnatura in resina vegetale), sembra che l’arma goda di ancor più precisione e controllo, di fatto diventando una “Zero Recoil” a tutti gli effetti.

Miglior AR Warzone

Migliori SMG 

Migliori LMG

Migliori Sniper

Cosa ne pensate community? Pensate che qualche altra arma di Warzone meriti sicuramente una menzione qui sopra?

La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

Per Jgod la Carl Gustaf è arma meta: “sbloccatela il prima possibile”

Per Jgod la Carl Gustaf è arma meta: “sbloccatela il prima possibile”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Carl Gustaf Warzone – Torniamo a parlare della nuova Carl Gustaf (o H4 Blixen), e delle versioni più consigliate in questo momento per la piccola SMG.

Aggiunta su Warzone solamente una manciata di giorni fa, la Carl Gustaf (sbloccabile eseguendo 3 uccisioni in scivolata con una SMG in almeno 15 partite, ndr) è indubbiamente già entrata nel cuore di molti giocatori.

Rapidissima, con un TTK assolutamente di vertice ed una precisione che la rendono ideale anche in midrange, la Carl Gustaf aspira a piazzarsi al vertice del meta delle armi. Secondo l’esperto JGOD quest’arma è già “meta”, e pertanto l’analyst ha consigliato ai giocatori di “affrettarsi” a sbloccarla, e di giocarla in BR.

In questo speciale, andiamo quindi a focalizzarci sia sugli accessori consigliati da JGOD, sia a quelli su cui ha invece optato il noto Booya. Anche il giocatore e CC dei FaZe è rimasto stregato dalla Gustaf, utilizzandola come arma supporto per la sua classe sniper.

Già ieri abbiamo visto in uno speciale alcune versioni molto interessanti della H4 Blixen, troverete qui i dettagli.

Loadout consigliati per Carl Gustaf – Warzone

Loadout consigliato per H4 Blixen (Carl Gustaf) da JGOD
Loadout consigliato per H4 Blixen (Carl Gustaf) da Booya

Cosa ne pensate di queste versioni community? Ne avreste altre da consigliare agli altri giocatori?

La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

Warzone, il perk Serpentine delude le aspettative: “non fa la differenza”

Warzone, il perk Serpentine delude le aspettative: “non fa la differenza”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Uno dei contenuti più attesi dell’ultima patch è stato certamente il nuovo perk Serpentine, presentato al mondo come nuova ricetta “anti-sniper” e probabilmente già dimenticato nelle armerie di molti giocatori.

Quando è stato annunciato, Serpentine ha letteralmente mandato nel panico i camper di tutto il mondo. Il suo potere permette infatti ai giocatori di avere uno “scudo”, una vera e propria “protezione” mentre si sta utilizzando lo scatto.

Il perk è stato pensato proprio per evitare che i giocatori in open venissero killati con facilità da altri player appostati. Il “problema” però è che il perk non sembra funzionare al meglio, e non garantisce praticamente alcuna protezione.

Ancora una volta è stato JGOD a riportare questo interessante punto di vista su Twitter. Il noto analyst,  rispondendo al pro dei Subliners MavriqGG, ha infatti mostrato come fattivamente opera Serpentine sulle nostre armature…

Il perk entra in funzione non appena vengono rotte tutte le armature. Di fatto però non fa altro che assorbire 1/2 proiettili al massimo, non garantendo assolutamente quella protezione che in molti avevano immaginato.

Al momento il perk non è nemmeno tra i più scelti della sua categoria, e non è considerato un “perk meta”.

Di sicuro si comporterà in modo diverso in modalità come Iron Trials (o Prove di Ferro), dove l’elevato numero di punti vita può effettivamente valorizzare una specialità come Serpentine.

Voi avete provato il nuovo perk? Avete riscontrato degli effetti particolarmente positivi o negativi utilizzandolo?

Il post di JGOD sulla reale forza del perk Serpentine

La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: