TTK o DPS? Quale valore è maggiormente indicativo per scegliere le armi di Warzone?

TTK o DPS? Quale valore è maggiormente indicativo per scegliere le armi di Warzone?

Profilo di Stak
 WhatsApp

DPS/TTK Warzone – Con un nuovo video pubblicato sul suo canale ufficiale You Tube, il noto content creator di Warzone TrueGameData ha fornito un interessante punto di vista riguardo alle due statistiche più “celebri” ed importanti delle armi del gioco: ovvero il danno per secondo (altrimenti noto come DPS) ed il time to kill (o TTK), ovvero il tempo necessario all’arma per mandare al tappeto un avversario.

Fino ad oggi è stato quasi sempre il secondo dato quello più importante e considerato per stabilire quali fossero le armi migliori del meta, ma secondo il parere di TrueGameData questo non ci ha aiutato ad avere, fino ad oggi, una chiara visione delle reali forze in campo.

Il TTK è un dato indubbiamente preziosissimo, perché ci fornisce una chiara idea di quanto una data arma possa essere minacciosa. Il dato però si riferisce specificatamente ad un solo bersaglio, ed è indicativo di una situazione molto precisa, visto che considera il tempo necessario per mandare a terra un avversario a full vita e con tutte le corazze equipaggiate.

Il DPS è invece un dato che non considera affatto il nostro nemico, ma si limita a riportare quelli che sono i danni effettivi dell’arma una volta che i colpi entrano a bersaglio. A differenza del TTK, il DPS è un dato incontrovertibile, che qualsiasi giocatore di Warzone può facilmente confermare.

Il TTK invece, è un valore che ci indica la competitività dell’arma se usata al suo meglio. Se non siete dei semi professionisti, o comunque dei giocatori molto esperti, state pur certi che il TTK indicato dagli analyst come Jgod o TrueGameData non sarà mai uguale a quello effettivo delle vostre partite, perché basterà “missare” anche con un solo colpo il bersaglio per andare ad aumentare considerevolmente il tempo necessario al mandare al tappeto un avversario.

Il DPS invece è appunto un dato più “grezzo”, che non viene influenzato dall’abilità del giocatore o dal numero di punti ferita/scudi del nostro avversario.

TrueGameData ha quindi fatto alcuni esempi, mostrando come tra l’AK47 e la Stoner vi sia un TTK pressoché simile a distanze ravvicinate, anche se la Stoner è caratterizzata da un DPS notevolmente più elevato rispetto al fucile d’assalto sovietico.

Sempre nel video si può notare come, con una differenza di un singolo danno a proiettile, un DPS peggiore di soli 20 punti possa aumentare il TTK del 200% su 100 punti ferita, con il dato che si abbassa leggermente al 114% se si considerano invece 400 punti ferita (ovvero la vita attualmente disponibile in Prove di Guerra, ndr), passando da 840ms a 960ms.

Shotgun, Warzone: luce sul potente “One Shot” Model 680!

Per riassumere l’idea di TrueGameData, potremmo quindi dire che il TTK è un valore importante da considerare per alcune situazioni specifiche, come ad esempio le partite in SOLO, mentre il DPS ci fornisce un’idea più chiara e “generica” di quelle che possono essere le performance dell’arma, specialmente se si pensa alle partite in terzetti o squad.

Proprio per questo, pare che da questo momento in avanti TrueGameData utilizzerà il DPS come valore principale per stilare le future classifiche relative alle migliori armi del meta, e vista l’esperienza del content creator in questione non possiamo che adeguarci anche noi in merito alla questione.

Il video sul TTK/DPS di Warzone

Voi cosa ne pensate community? Anche voi da oggi inizierete a prendere maggiormente in considerazione il DPS delle vostre armi? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

Ancora protagonista il Nikita AVT: questa volta ecco la versione di Metaphor da long range

Ancora protagonista il Nikita AVT: questa volta ecco la versione di Metaphor da long range

Profilo di Stak
 WhatsApp

Nikita AVT – Benvenuti in un nuovo speciale interamente dedicato alle ultimissime e più consigliate versioni delle armi da giocare su Warzone.

In questo rapido update, ci andremo a concentrare su due versioni di fucile d’assalto decisamente “alternative” rispetto alle più famose NZ41, STG44 o Vargo 52. La prima che vogliamo presentarvi è una versione dell’AS44 proposta in un recente video da JGOD.

Secondo il noto esperto di Warzone, a livello di TTK quest’arma è sorprendente, al pari delle altre top di categoria. Forse più complicato da gestire rispetto a tanti altri AR disponibili su piazza, l’AS44 si candida come una delle alternative migliori quando si parla di fucili Off Meta.

Se lo avete livellato e disponete degli accessori qui sotto consigliati, provatelo il prima possibile in BR o Ritorno.

L’altra arma protagonista in questo spot è il Nikita AVT, AR di cui abbiamo già parlato questa mattina con uno speciale dedicato. In questo però, abbiamo visto una versione midrange, mentre di seguito andremo a proporne una più performante sulle lunghe distanze.

Questa versione è proposta dal noto Metaphor, uno dei content creator più seguiti al mondo. L’affidabilità di quest’arma è quindi assolutamente certa.

Loadout consigliati per Nikita AVT e AS44

Loadout consigliato per Nikita AVT Long range da Metaphor
Loadout consigliato per AS44 da JGOD

Cosa ne pensate di queste versioni community? Quale proverete alla vostra prossima sfida in BR o Ritorno?

La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

Modern Warfare 2: quando sarà disponibile la OPEN BETA? PlayStation avrà l’anteprima?

Modern Warfare 2: quando sarà disponibile la OPEN BETA? PlayStation avrà l’anteprima?

Profilo di Stak
 WhatsApp

Modern Warfare 2 – Con un nuovo interessante leak il celebre RalphValve ha segnalato quella che dovrebbe essere la “data prescelta” dai devs per lanciare, per la prima volta, la Beta del nuovo Call of Duty.

Anche se molti esperti attendevano il rilascio della beta già dal prossimo mese, sembra che ci toccherà aspettare un pochino più del previsto. Secondo RalphValve infatti, non dovremmo avere particolari aggiornamenti sulla questione Beta di Modern Warfare 2 prima del prossimo 15 Settembre.

Dal 15, grazie all’early access del pre-acquisto del gioco, saranno i giocatori PlayStation i primi a poter accedere alla beta. Nel corso di tutto il weekend 17/19 Settembre la beta del gioco dovrebbe poi essere disponibile per i giocatori PlayStation. Tutti gli altri giocatori che disporranno dell’early access, potranno accedere a MW2 dal 22 di Settembre.

Il 24/26 Settembre è invece il weekend fissato per il rilascio generale dell’accesso alla beta, che sarà a quel punto disponibile davvero per tutti.

Un mese di beta basterà al nuovo Modern Warfare 2 per superare indenne il lancio di fine Ottobre? Vedremo, anche se sicuramente non saranno pochi i giocatori a “storcere” il naso rispetto a questo ultimo update.

Ricordiamo sempre e comunque che si parla di “leak”, ed in quanto tali, sono fortemente soggetti a rapidi cambiamenti non prevedibili. Non appena saranno disponibili delle eventuali conferme in merito a questo discorso, non esiteremo a riportare eventuali aggiornamenti qui su Powned.

Cosa ne pensate community? Avete già pre-acquistato il nuovo Modern Warfare 2? Vi incontreremo nella beta a provare questo nuovo gioiellino di casa Activision?

La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

GOD WAGER tra Savy e BBLADE (con il commento di Moonryde): ecco come è andata!

GOD WAGER tra Savy e BBLADE (con il commento di Moonryde): ecco come è andata!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Savy, Bblade, Moonryde – Da poche ore è disponibile su You Tube una sfida ad altissimo numero di ottani che ha visto protagonisti due tra i più forti giocatori italiani di COD Warzone.

Da un lato il fortissimo SavyUltras, già  vincitore di svariati tornei internazionali e rientrato da poco dalla trasferta californiana che lo ha visto protagonista nel reality show “FaZe 1; dall’altro Bblade, giocatore in forze ai Goskilla già detentore di diversi primati su Warzone sia in Italia che in Europa.

La coppia è stata protagonista molteplici volte in altrettanti tornei come il Twitch Rivals, il Vikkstar Showdown e finanche i mondiali di Warzone… I due giocatori si conoscevano quindi molto bene, ed erano perfettamente consapevoli di pregi e difetti dell’opponent.

Voce narrante ufficiale del testa a testa era invece Moonryde, con il cecchino di San Cesareo che ha commentato le azioni più importanti dei due per l’intero arco della partita.

Il formato della gara era molto semplice: 5 round da giocare a Caldera, racekill in ognuno di questi. Se uno dei due riusciva anche a vincere la lobby, avrebbe ottenuto del bottino extra.

Testa a testa tra Savy e Bblade: chi ha vinto la God Wager? 

La sfida tra i due è stata estremamente interessante, ed ha fornito svariati spunti a Moonryde per spiegare come spesso gioca un vero professionista.

Prendere una determinata posizione in un determinato momento, sapere quando spremere il nostro equipaggiamento al 101% e quando invece è preferibile “arretrare”…

Nel corso del testa a testa tra Bblade e Savy abbiamo visto tutto questo, mentre i due si “azzuffavano” a suon di kill in lobby mai facili o composte da bot.

Andiamo a vedere questo fantastico video dell’1Vs1 tra Savy e Bblade (senza spoilerare il risultato) riportando qui di seguito direttamente il canale di Moonryde:

Avreste mai immaginato un esito del genere? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: