Torneo Warzone COPPIE REBIRTH By ReadyCheck 31/07: ISCRIZIONI ANCORA APERTE!

Torneo Warzone COPPIE REBIRTH By ReadyCheck 31/07: ISCRIZIONI ANCORA APERTE!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Attraverso questo speciale, vogliamo ricordare a tutte le nostre lettrici ed ai nostri lettori interessati a Warzone di un nuovo torneo a cui siete tutti invitati!

Stiamo parlando del nuovo One Night Kill Race organizzato da ReadyCheck, piattaforma tornei che ospita tanti eventi dedicati alla scena esports. La One Night Kill Race andrà in scena Domenica alle ore 19, e vedrà i partecipanti fronteggiarsi a coppie sulla meravigliosa isola della Rinascita.

In palio ben 2000 RCP (del valore di 200 Euro, ndr), che verranno distribuiti tra i primi tre team classificati.

Entrare nella lista dei partecipanti è semplicissimo, vi basterà cliccare sul seguente link (CLICCA QUI), loggare su ReadyCheck, ed iscrivervi per il torneo di Warzone. Dovrete aggiungere anche il nome del vostro compagno di squadra in fase di iscrizione a questo torneo visto che la struttura del One Night Kill Race è a team.

L’iscrizione, sia alla piattaforma che al torneo, sarà totalmente gratuita!

Cosa farete community? Vi iscriverete e vi metterete alla prova? Per info e altro, ecco il link ufficiale alla pagina del torneo: clicca qui!

Twitch si sostituisce ad Activision e banna MPControlWard con per cheating (senza prove)

Twitch si sostituisce ad Activision e banna MPControlWard con per cheating (senza prove)

Profilo di Stak
 WhatsApp

Twitch & presunti Cheater – Come ipotizzato diversi mesi fa, il grave periodo di “hackusation” su Call of Duty sta iniziando a mietere le sue prime “vittime”. Per Hackusation si intende quell’atteggiamento di forte diffidenza che c’è da parte di alcuni giocatori nei riguardi di streamer e content creator (ma anche contro gli altri stessi giocatori). Secondo i primi infatti, la maggior parte degli streamer e di tutti i giocatori con più di 1 di K/D sarebbero dei cheater/imbroglioni.

Come ogni altro episodio “spiacevole”, anche l’hackusation è sostanzialmente mosso dalla “non conoscenza” di Call of Duty di tantissimi giocatori.

Forse anche a causa dei nuovi cheat, molto migliori dei precedenti nel “nascondere” e nel rendere “più soft” l’aiuto sul gioco, molti giocatori sembra che non riescano più a distinguere un ottimo player da un semplice cheater.

Oggi l’hackusation su Call of Duty è più forte che mai, e di recente ha investito in pieno petto lo streamer MPControlWard.

Noto per le sue giocate particolarmente “veloci” e per il suo movimento con il mouse che rasenta la perfezione, MPControlWard si è ritrovato di punto in bianco bannato da Twitch per aver “violato il codice di condotta nelle partite multiplayer“.

Il tutto pare sia successo poco dopo la condivisione su Reddit di un post (neanche troppo virale) in cui lo streamer veniva accusato di essere un imbroglione. Il video del post è stato poi anche rimosso, di fatto invalidando tutte le accuse che conteneva. Evidentemente deve essere bastato questo a Twitch per far partire un ban all’account di MPControlWard, evidentemente accusato di essere cheater, è questo è gravissimo.

MPControlWard in azione a suon di straordinari flick: 

Perchè è grave che Twitch banni i casi “dubbi”? 

Al netto di quei casi in cui uno streamer viene effettivamente trovato mentre utilizza dei cheat, nei quali è certamente gradito il “pugno duro”, in tutti gli altri servirebbe molto più raziocinio. Bannare uno streamer da Twitch… Specialmente quando si parla di content creator che fanno questo di lavoro, può voler dire arrecare un danno d’immagine/introiti di non poco conto.

Paradossalmente è più importante non beccare un ban da Twitch che non un ban da un qualsiasi publisher per uno streamer professionista. Sapere che vengono applicati dei ban anche in casi cosi “border line” come questo non fa ben sperare per il futuro.

Forse è giunto il momento che Twitch ed i publisher condividano insieme una strada da intraprendere all’unisono. Cosi da escludere, in modo totale, gli utenti “tossici” (e soltanto loro, senza più dei casi “dubbi”) dal resto della community sana dei videogiocatori.

Non appena saranno disponibili delle novità sulla faccenda, non esiteremo ad aggiornarvi. Per il momento comunque, il profilo Twitch di MPControlWard continua ad essere offline, e non sappiamo per quanto durerà lo stop.

La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

Clamorosa svolta per il plagio della skin Samoyed di Call of Duty: Activision si scusa e la cancella!

Clamorosa svolta per il plagio della skin Samoyed di Call of Duty: Activision si scusa e la cancella!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Lo scorso 30 Luglio segnalavamo sulle pagine di Powned delle accuse di “plagio” che un artista aveva rivolto contro Activision, rea di aver copiato un modello per farne una skin da vendere su Call of Duty.

La skin in questione è la “Loyal Samoyed“, modello che avrebbe dovuto rappresentare un cane (un Samoiedo, ovviamente) con sembianze umane, mentre l’artista è un certo Saillin. E’ stato lo stesso artista a segnalare la cosa su Twitter, pubblicando un post durissimo contro il gigantesco publisher statunitense.

In questo, Saillin si chiedeva come era possibile che un’azienda cosi importante ed affermata potesse commettere un cosi tragico sbaglio, schiaffando online i suoi disegni originali del modello realizzati nel 2020.

Il post di Saillin sul plagio: “ecco la prova che il Loyal Samoyed di Call of Duty è stato copiato dai miei disegni“: 

A distanza di neanche una settimana è però proprio Activision ad intervenire sulla faccenda. Con un nuovo post, gli sviluppatori hanno infatti chiesto scusa per l’evidente errore (riconoscendo quindi il caso di plagio)… Ed hanno anche annunciato la rimozione totale della skin dallo store di Call of Duty.

Il modello Loyal Samoyed non è stato semplicemente “rimosso” dallo store, ma è stato del tutto cancellato dal gioco. Non sappiamo ancora se nel corso di quest’ultima settimana ci sono stati degli “scambi” tra le parti (Saillin e Activision). Tanto meno sappiamo se questa situazione ha avuto qualche tipo di “esito”, o se è stato raggiunto un accordo tra le parti.

Plagio su Call of Duty: il post con le scuse di Activision

Non appena disponibili però, non esiteremo a riportare qui nuove e più dettagliate informazioni sull’argomento.

Articoli correlati: 

Successo strepitoso per la God Wager “KINGS” di Moonryde: BBlade vince con un finale da brividi!

Successo strepitoso per la God Wager “KINGS” di Moonryde: BBlade vince con un finale da brividi!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Forse uno degli spettacoli più divertenti degli ultimi tempi quello che abbiamo visto in scena alla God Wager di Moonryde!

Madre di tutte le sfide competitive, la God Wager è un testa a testa tra due giocatori di Warzone su chi riesce a fare più kill. Il formato estremamente semplice si presta a meraviglia per lo spettacolo, con i 140 e più giocatori che compongono la lobby a fare da “prede” per i due cacciatori alla ricerca del kill score migliore possibile.

Questa edizione, ribattezzata “Kings“, vedeva protagonisti solamente dei super pro, giocatori estremamente forti che hanno già dimostrato di essere dotati di un talento superlativo.

I “mitici 4” erano Bblade, JezuzJrr, Waartex e Predax, con i primi due che si sono sfidati nella finalissima per 1°/2° posto, e con i restanti due che hanno invece giocato nella finalina iniziale.

Se la battaglia per il terzo posto ha visto un Waartex in magnifico stato di forma (capace di vincere con un netto 4-0), la finale è stata una delle partite più combattute di sempre… Una magnifica epopea… Jezuz e Bblade hanno infatti avuto bisogno di ben 11 partite per stabilire quale dei due fosse il migliore!

Finale da brividi tra Bblade e JezuzJrr alla God Wager di Moonryde

Alla fine il tutto si è deciso in gara 11, con la serie ferma sul 5-5, e dopo un drammatico rientro dal Gulag di JezuzJrr. Sul 22-21 per Bblade (che però era ormai stato eliminato), a Jezuz sarebbero bastate appena 2 kill per portare a casa la vittoria della God Wager. Una sarebbe invece bastata per pareggiare il risultato del suo oppo.

Non appena atterrato però, Jezuz si è dovuto arrendere ad un player appostato poco dietro il loadout del content creator dei Fnatic, che ha di fatto regalato la vittoria ad uno straordinario Bblade.

La God Wager ci ha quindi regalato quasi 9 ore di show puro, e di giocate da far venire le vertigini a noi giocatori “normali”… Uno spettacolo assolutamente positivo, che speriamo di poter rivedere presto ancora una volta in azione! Ben fatto Moonryde!

JezuzJrr e Bblade giocheranno la GOD Wager rappresentando l’Italia

Sul finire della trasmissione, Moonryde ha anche anticipato che la God Wager tornerà presto in azione con nuove star internazionali. I due finalisti di questa edizione, affronteranno tutti questi campioni rappresentando la nostra community, in qualità di migliori player da God Wager di tutto il panorama nazionale.

Dove rivedere la replica della God Wager? 

Articoli correlati: