Su Warzone è META NO RECOIL: il Kastov 762 arma di vertice su Rebirth Island

Su Warzone è META NO RECOIL: il Kastov 762 arma di vertice su Rebirth Island

Profilo di Stak
 WhatsApp

Speciale Kastov 762 – Su Warzone il meta delle armi si sta inesorabilmente spostando verso il “no recoil”, ovvero verso tutte quelle armi più o meno caratterizzate dal fatto che non soffrono di alcun rinculo… Anche se sembrerà assurdo per i giocatori più esperti, questo cambiamento è al momento segnato principalmente dal Kastov 762.

Il fatto che sia proprio il Kastov 762, una delle armi storicamente più “indomabili”, dovrebbe suggerirci quanto è forte il nuovo Kit di Conversione Jak RequiemSbloccandolo mediante le sfide settimanali, i giocatori potranno sfruttare il kit sia sul Kastov 762 che sul 545, anche se è il primo che sembra goderne maggiormente.

Il Kastov 762 è sempre stata un’arma particolarmente forte, tuttavia caratterizzata da un rinculo che la rende particolarmente difficile da controllare, specialmente in fase di fuoco prolungato.

Azzerando il suo “unico” difetto, ci troviamo oggi davanti ad un’arma che secondo diversi esperti può anche aspirare a subentrare al DG-58 nel ruolo di “meta tier S”.

I migliori loadout per il Kastov 762 No Recoil di Warzone 

armi close range warzone Kastov 762 NO RECOIL di Metaphor (Meta Contender Rebirth/Ritorno)
armi close range warzone Kastov 762 NO RECOIL di Swagg (Meta Contender Rebirth/Ritorno)

Questo però riguarda unicamente le mappe piccole Ritorno, visto che su Urzikstan la velocità dei proiettili è troppo bassa per risultare veramente competitiva. Se siete giocatori assidui di Rebirth, dovrete sicuramente provare almeno una volta la versione No Recoil del 762… E non vi deluderà in alcun modo…

Avete già provato questa devastante versione di Warzone del Kastov 762 “no recoil” community? Fatecelo sapere con un commento sul gruppo, la discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook)

Articoli correlati: 

Annunciato un nerf per il KAR98k, ma la community di Warzone è (molto) divisa

Annunciato un nerf per il KAR98k, ma la community di Warzone è (molto) divisa

Profilo di Stak
17/06/2024 11:31 di Marco "Stak" Cresta
 WhatsApp

Nerf in arrivo – Gli sviluppatori di Sledgehammer Games hanno annunciato dei bilanciamenti in arrivo per il celebre Kar98K, indubbiamente l’arma più popolare del momento su Call of Duty MW3 e Warzone.

Da quando è stato introdotto con la Stagione 4, il Kar98k è riuscito in una manciata di ore a riconquistare il ruolo di “più giocato in assoluto” nella modalità Ritorno. La ragione di tanto scalpore è molto semplice: oltre che velocissimo, il Kar98k è un fucile tattico in grado di oneshottare entro circa 60 metri (colpendo chiaramente headshot).

L’arma in se non sarebbe neanche eccessivamente forte, se non fosse che in qualità di fucile tattico (e non di “fucile da cecchino”) è dotato della stessa aim assist rotazionale dei fucili d’assalto. Questo rende sorprendentemente “più semplice” l’utilizzo del Kar, che di fatto domina indistintamente sia le lobby di demoni che quelle piene di bot.

Dopo settimane di “piagnistei”, lamentele e critiche, i devs hanno però infine annunciato un “prossimo nerf” proprio per il Kar… Non è chiaro in cosa consisterà il nerf, e non è neanche detto che il bilanciamento sbarchi anche su Warzone e non solamente su MW3. Al momento sappiamo solamente che “sono in arrivo dei bilanciamenti generici per il Kar98k”.

L’annuncio del nerf al Kar98K di MW3 (e forse anche di Warzone)

Parte della community è ovviamente andata su tutte le “furie” alla notizia, dato che un nerf potrebbe di fatto rendere l’arma totalmente inutile. In passato abbiamo visto in più occasioni nerf che hanno sgretolato ogni tipo di competitività di alcune armi. Sinceramente, non vorremmo che questo riaccada con il Kar98k.

Il fucile è assolutamente ben bilanciato. E’ veloce al punto giusto, ed esegue oneshot assolutamente legit e “meritati” (per fare one shot bisogna eseguire un headshot assolutamente perfetto. Inoltre, il bersaglio deve stare relativamente vicino, ndr). Non avrebbe alcun senso quindi nerfare le sue qualità su Warzone.

L’unico “nerf” necessario, e quindi anche “accettabile”, sarebbe quello da applicare alla relazione fra Kar e Aim Assist. Come ogni altro fucile da cecchino, il Kar98k dovrebbe essere provvisto della stessa mira assistita di tutti gli altri sniper (come il Mors o il Katt ad esempio). Basterebbe questo “banale” intervento, per equilibrare alla perfezione la giocabilità del Kar98k… Che continuerebbe a restare un’arma assolutamente eccezionale, ma finalmente lo sarà solo nelle “giuste mani”.

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook)

Articoli correlati: 

Con una modifica i devs di Warzone potenziano il KAR98K

Con una modifica i devs di Warzone potenziano il KAR98K

Profilo di Stak
14/06/2024 19:33 di Marco "Stak" Cresta
 WhatsApp

Speciale Warzone – Sicuramente mediante un intervento “segreto”, i devs di Activision hanno risolto un piccolo bug che “nerfava”, seppur leggermente, alcune delle capacità offensive del Kar98K.

Fino a qualche giorno fa infatti, se si attrezzava il “Calcio Rimosso” al Kar98K, si soffriva di un disturbo visivo assolutamente negativo e limitante, che generava un fastidiosissimo tremolio. In molti hanno pensato che fosse un qualcosa di “voluto” dagli sviluppatori, visto che il Kar con Calcio Rimosso potrebbe tranquillamente creare dei “problemi” in close range…

In realtà i primi Kar98K giocati in modalità hip-fire si sono già visti nelle lobby, specialmente in quelle di Rebirth, ma si trattava di un loadout a 4 accessori, sprovvisto quindi del calcio rimosso.

Tornando al “problema” del tremolio visivo relativo al Calcio Rimosso, con una patch evidentemente segreta, i devs hanno definitivamente fixato il bug… Con il Calcio Rimosso che ora si comporta esattamente come dovrebbe e con la mira del KAR98k che rimane stabile e precisa.

La spiegazione di Metaphor sul “mini buff” al Kar98K di Warzone

Non sappiamo ancora quanto potrà impattare (positivamente, o negativamente) sul meta questa modifica. Continueremo certamente a monitorare la situazione su Warzone, e vi riporteremo immediatamente eventuali novità.

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook)

Articoli correlati: 

Warzone, gli esperti rivelano: “MTZ-556 e OG M13B no recoil i migliori fucili d’assalto”

Warzone, gli esperti rivelano: “MTZ-556 e OG M13B no recoil i migliori fucili d’assalto”

Profilo di Stak
14/06/2024 19:15 di Marco "Stak" Cresta
 WhatsApp

Speciale Fucili d’Assalto – Grazie a dei nuovi speciali dedicati, pubblichiamo oggi un approfondimento sulle armi long range assolutamente da provare su Warzone, e su quelli che al momento sembrano essere due tra gli AR più forti del gioco.

Da un lato troviamo ancora una volta l’MTZ-556, AR che ormai da diversi giorni aspira al ruolo di Tier S del meta grazie al suo solidissimo TTK ed alla sua estrema facilità di utilizzo. In questo caso è IceManIsaac a presentare un loadout dedicato, che non dovrebbe farvi rimpiangere neppure il DG-58 ai suoi tempi migliori.

L’altro AR di cui vogliamo parlarvi in questo speciale è poi l’M13B, un vero e proprio “AR OG” che torna prepotentemente alla ribalta ancora una volta grazie al noto Metaphor. L’esperto player SOLO di Warzone ha infatti provato una versione dell’M13B che lo stesso ha definito “folle”, specialmente quando usata su bersagli a media distanza.

Andiamo a vedere i dettagli di entrambe queste nuove opzioni…

I top loadout da usare per i fucili d’assalto di Warzone

armi close range warzone M13B No recoil – Loadout di Metaphor
armi close range warzone MTZ-556 Loadout “no recoil” di IceManIsaac

Cosa ne pensate di queste alternative community?

Ci sono altri AR, o altre LMG, che vi hanno particolarmente colpito in questa fase “post nerf”? Fatecelo sapere con un commento sul gruppo: la discussione, come sempre, è aperta!

  • Articolo realizzato in collaborazione con la community di riferimento di Warzone d’Italia (Facebook)

Articoli correlati: