rifornimenti

Su Reddit spopola il sistema “Rifornimenti” per livellare le armi di Warzone in mezz’ora

Profilo di Stak
 WhatsApp

Rifornimenti e Sopravvivenza – Livellare le armi è sempre qualcosa di estremamente noioso, specialmente all’inizio quando non sono disponibili la maggior parte degli accessori.

La maggior parte delle armi attualmente presenti su Warzone vede variare di tantissimo la performance dalla loro versione base a quella con tutti i migliori accessori montati, alcune però non “migliorano” e basta….si “trasformano”, e da sgangherate armi senza arte ne parte diventano delle brutali macchine da kill.

Riuscire a disporre di armi ben messe a punto non è “facile” ne veloce, visto che a differenza di quelle del multiplayer le partite che si giocano su Warzone non sono propriamente le ideali per macinare livelli su livelli in pochi minuti (non sono rare le partite su Warzone in cui non confermiamo neanche una kill e si macinano pochi punti esperienza, pur essendosi impegnati in una sessione di gioco lunga 15 o 20 minuti).

L’utente di Reddit JustLawlyOnTwitch ha però trovato un “metodo” che assicura un vero e proprio farming di livelli delle armi, simile al “quasi exploit” dell’esperienza quadrupla in Malloppo di cui abbiamo parlato la scorsa settimana. Seguendo alcune piccole regole su Rebirth Island, questo sistema assicurerebbe il level cap delle armi (quindi il massimo livello disponibile) entro mezz’ora, o al massimo un’ora di gioco.

Come riuscirci? Certamente avremo bisogno di un Token per l’esperienza doppia per le armi (se non lo avete il sistema è valido comunque, solo che andrete a “raddoppiare” le tempistiche per raggiungere il medesimo risultato), e di almeno un amico che avrà voglia di giocare con noi.

Dovremo quindi metterci in coda su Rebirth Island, ed una volta in partita dovremo assolutamente fare nostro uno degli elicotteri. Una volta preso questo, potremo sfruttare un “glitch” per il quale le missioni del tipo “Rifornimento” sono estremamente semplici da risolvere.

A differenza di mappe come Caldera o Verdansk, Rebirth è molto più piccola, facendo venire meno la prima essenziale caratteristica delle missioni Rifornimento, con i negozi target che vengono posizionati molto vicino a noi.

Con un giocatore sull’elicottero che va a raccogliere le missioni, e con l’altro che si sposta invece da shop a shop per completarle, riuscirete a farmare una quantità spropositata di esperienza, al punto che la vostra arma potrebbe crescere di 45/50 (alcuni affermano anche 70…ma si tratta di casi eccezionali) livelli in circa mezz’ora di gioco.

Ovviamente l’intera partita dovrà essere fatta in funzione unicamente delle missioni, e dovrete quindi combattere con il numero minore possibile di avversari. Meno sprecherete tempo in inutili e pericolose fight (anzi sono consigliati gli UAV proprio per “evitare i nemici”), più ne avrete a disposizione per farmare missioni su missioni. Estraniandovi dal gioco nelle sue fasi iniziali, avrete anche maggiori possibilità di arrivare nella top generando ancor più punti esperienza.

Il sistema sarebbe talmente efficace che potrebbe essere presto “fixato” (in molti lo stanno preferendo persino al multiplayer per livellare le armi) come per il bug dell’esperienza quadrupla di Malloppo. Consigliamo quindi di provarlo il prima possibile.

Level up your VG guns from lvl 1 to 70 in 30minutes!!! faster than vanguard multiplayer 100% from CODWarzone

Cosa ne pensate di questo sistema basato sulle missioni di Rifornimento? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati:

cr amax armi rebirth

La ribalta delle armi moderne (2° parte): altri due celebri mitragliatori del passato in auge su Caldera/Rebirth

Profilo di Stak
 WhatsApp

Con un precedente speciale pubblicato all’inizio della settimana abbiamo mostrato i dettagli relativi a tre interessantissime versioni di armi di Modern Warfare, ancora consigliate sia su Rebirth che su Caldera.

Oggi torniamo a parlare del medesimo argomento, concentrandoci su altre due armi del passato che speriamo possano esservi di aiuto nelle vostre sessioni di gioco su Warzone.

Nel primo update, di cui troverete tutti i dettagli cliccando qui, abbiamo svelato i loadout consigliati per il Kilo, l’AK e per il devastante M4, mentre nel secondo speciale odierno ci concentreremo su altri due potenti fucili d’assalto/mitragliatori, da usare anche in questo caso per i combattimenti a distanza media o lunga.

Finn e CR56-Amax le protagoniste odierne

Il primo che vogliamo menzionare è certamente il FINN, potente lmg di cui abbiamo già parlato molto positivamente in un precedente speciale. Oggi quest’arma torna indiscussa protagonista con una classe svelata sul canale TikTok di Liquiduty.

La classe in questione non è munita del solito mirino con zoom, ma di un più rapido Mini Reflex. Questo rende il Finn perfetto per i combattimenti midrange o a distanze comunque comprese tra i 15/50 metri.

Di tutt’altra natura invece il CR56 Amax proposto dal celebre TheKoreanSavage, content creator particolarmente nostalgico per le armi di Modern Warfare. TKS si è infatti nuovamente (e perdutamente) innamorato di questo storico AR, per una classe decisamente più propensa agli scontri a lunga distanza.

Nel loadout è infatti compreso il noto VLK 3.0x come accessorio per l’ottica, mentre canna e sottocanna ci aiutano a rendere l’arma sostanzialmente immobile. Andiamo a vedere di seguito i dettagli di entrambe queste versio ni:

Loadout consigliato da TheKoreanSavage per CR56 Amax
Loadout consigliato per Finn close/midrange

Cosa ne pensate community? Quale di questi due fucili vi ha colpito maggiormente? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

Armi di Warzone: le migliori da usare al momento (LOADOUT)

warzone 2

Bloomberg, Warzone 2 è in sviluppo: “uscita prevista nel 2023”!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Warzone 2 – Una notizia clamorosa quella che ci giunge oggi direttamente dagli States, e che rappresenta la perfetta continuazione rispetto a quanto abbiamo affermato ieri sul futuro di Call of Duty e sul cosa accadrà nel corso dei prossimi mesi/anni.

Come noto, nel corso del 2022 uscirà un nuovo Modern Warfare (lancio presumibilmente previsto per Ottobre/Novembre) che andrà ad arricchire il nostro amato Warzone con tanti nuovi aggiornamenti, nuove armi e soprattutto una nuova mappa a tema “guerra contemporanea”.

Sempre nello speciale di ieri avevamo aggiunto che, secondo le indiscrezioni dei leakers, qualcosa di veramente molto grosso sarebbe dovuto arrivare per Warzone dopo lo sbarco del nuovo Modern Warfare…ed oggi abbiamo probabilmente scoperto di cosa si tratta.

Secondo il celebre Jason Schreier, giornalista che fa parte dell’enorme multinazionale media Bloomberg, ha infatti spiegato che nel 2023 assisteremo ad un “nuovo inizio” per il BR di casa Activision.

Il tutto si dovrebbe concretizzare con la pubblicazione di “Warzone 2“, vero e proprio sequel di quel Warzone che dal 2019 ha completamente riscritto il mondo dei battle royale.

Sempre Schreier afferma che il nuovo Warzone 2 è già in fase di sviluppo, e lo ha descritto come un “nuovo capitolo interamente dedicato a Warzone, piuttosto che un semplice aggiornamento standard”.

Al momento non sappiamo molto altro sulla questione, ma è chiaro a questo punto aspettarsi un cambiamento “radicale” nel nostro amato BR, nella sua “sostanza” (l’engine grafico, l’avere un suo launcher dedicato, una revisione profonda al gameplay etc.) quindi, oltre che nel suo aspetto.

Il futuro di COD/Warzone su PlayStation

A margine di questa vera “bomba” relativa a Warzone 2, Schreirer ha anche spiegato che, secondo le sue fonti, il franchise di Call of Duty sbarcherà al 100% su PlayStation almeno nei suoi prossimi 3 titoli: il Modern Warfare del 2022, il nuovo titolo del 2023 e poi questo “Warzone 2” di cui abbiamo parlato sopra, in uscita anche questo nel 2023.

Warzone 2 potrebbe quindi ospitare sia giocatori su hardware di vecchia generazione che player provvisti di console di nuova generazione, oppure potrebbe rappresentare un balzo in avanti per l’intero battle royale, limitando l’accesso esclusivamente ai giocatori che hanno a disposizione la tecnologia più recente.

L’insider Tom Henderson è tra quelli che affermano che le intenzioni di Activision siano proprio queste, ed ha esplicitamente parlato di Warzone 2 come di “un gioco completamente nuovo esclusivo per l’hardware migliore”.

Cosa ne pensate community? Non appena saranno disponibili, provvederemo a pubblicare nuove ed ancor più dettagliate informazioni su questa importantissima “bomba” in chiave 2023. La discussione, come sempre, è aperta!

Warzone, molti giocatori vorrebbero un “nuovo inizio” (anche per le statistiche) per il BR con il COD 2022

Articoli correlati: 

warzone minimappa

Warzone, la minimappa mostra un edificio fantasma

Profilo di Stak
 WhatsApp

Come spesso accaduto anche in passato, attraverso questo speciale dedicato a Warzone vogliamo cercare di aggiornare tutta la nostra community di quelli che sono i bug più importanti attualmente “in circolazione”.

Alcuni di questi sono certamente più “misteriosi”, mentre altri sono semplicemente dannosi per l’esperienza di gioco in BR. Ne è un esempio il bug alle casse d’equipaggiamento, che scompaiono nel sottosuolo, o quello relativo alle armi invisibili nel gulag.

Iniziando proprio dal primo, si segnala che nelle ultime ore è decisamente aumentato il numero di segnalazioni relative a loadout gratuiti impossibili da prendere. La maggior parte dei problemi si sta manifestando nella zona di Peak, con le casse che una volta sganciate dal gioco finiscono 3 o 4 metri sotto terra, di fatto rendendo impossibile la loro consultazione.

Gli sviluppatori di Activision non hanno ancora riferito nulla in merito a questo bug, ed al momento sappiamo solo che è consigliabile fare in modo che il nostro lancio non venga sganciato su Fields, o su Peak. In queste due zone è stato infatti registrato il maggior numero di episodi.

Altrettanto fastidioso è poi il bug dell’arma invisibile, che come il nome stesso suggerisce rende sostanzialmente impossibile mirare in modo decente il nostro avversario. La cosa ancor più grave è che il bug si sta manifestando nel Gulag, e che quindi rischia di compromettere in modo davvero negativo l’esperienza di gioco.

L’edificio fantasma di Caldera

Come avevamo anticipato anche nell’introduzione, vi è poi anche un terzo bug che sta “incuriosendo” molti giocatori di Warzone

Stiamo parlando del malfunzionamento per il quale la minimappa di gioco mostra un edificio che in realtà non è presente su Caldera. L’episodio rientra certamente tra quelli più curiosi, non fosse altro per il fatto che l’edificio in questione sarebbe davvero enorme…un POI di notevole importanza quindi.

According to the map, there should be a giant ass building here… but there’s not. from CODWarzone

Cosa ne pensate community? Vi siete imbattuti in uno o più dei seguenti problemi? Non appena saranno disponibili nuove informazioni sull’argomento non esiteremo ad aggiornarvi. La discussione, come sempre, è aperta!

Invisible gun gulag is very cool, thank you Raven from CODWarzone

Loadout moving 120m below ground… from CODWarzone

Articoli correlati: