Ronaldo “bot” su Warzone? Non proprio, il “Fenomeno” firma una triple kill e salva il suo compagno

Ronaldo “bot” su Warzone? Non proprio, il “Fenomeno” firma una triple kill e salva il suo compagno

Profilo di Stak
 WhatsApp

Ronaldo WarzoneNel corso della settimana abbiamo pubblicato un articolo in cui parlavamo dello sbarco su Twitch, e su Warzone, del leggendario calciatore brasiliano Ronaldo Nazario, un evento  che ha catturato l’attenzione di moltissimi, e che non ha risparmiato al “Fenomeno” alcune critiche forse troppo approssimative e “frettolose.

Alla visione di alcune brevi sessioni di gioco molti lettori della community non hanno esitato a dare a Ronaldo del “BOT“, termine usato dai player per descrivere un giocatore sostanzialmente scarso, i cui movimenti sono talmente poco fluidi da farlo assomigliare più ad un personaggio controllato dal computer che non ad un umano vero e proprio.

Da qui “BOT” (robot), nomignolo che certamente non può essere usato per un player anche con solo un minimo di abilità, e che di certo non pensiamo possa essere accostato al celebre Ronaldo Nazario.

Questo perchè, pur non essendo competitivo come lo era sul rettangolo verde quando vestì la casacca di squadre blasonate come Milan, Inter, Real Madrid e Barcelona (oltre ovviamente a quella della Seleção), Ronaldo sembra comunque esprimere un certo livello di skill su Verdansk, come mostrato nel video poco in basso.

Appena entrato in una delle stanze dietro le porte rosse, Ronaldo ed il suo team si sono ritrovati pushati da un team che era nelle immediate vicinanze. Ronaldo non si è fatto prendere dal momento concitato, ha mandato a terra il primo avversario, ha cambiato rapidamente arma ed ha finito anche il secondo.

Non contento, è andato fuori dalla stanza a dare la caccia al terzo, firmando una fantastica triple kill che ha letteralmente fatto impazzire i suoi teammate (uno dei quali è stato proprio rialzato da Ronaldo, ed ha iniziato a gridare “il Fenomeno!! Il Fenomenooo!!” in chat vocale).

Ma da cosa si evince che Ronaldo non è affatto un BOT? Non solo dalle kill ovviamente. Osservando la sua tecnica di sparo, si nota che Ronaldo punta sempre nella parte medio alta (quando non direttamente alla testa) degli avversari, anche se nel mezzo di una fight concitata in super close range.

Questa caratteristica potrà sembrare superflua ai più, ma se si osservano giocare i player con un K/D inferiore all’1 sarà molto frequente imbattersi in giocatori che puntano al centro esatto della sagoma dell’avversario, quando non direttamente ai piedi o alla parte inferiore del corpo (tipico “errore” dei BOT/NOOB che per compensare il rinculo tendono a sparare troppo verso il basso).

Ronaldo inoltre cambia rapidamente arma una volta finiti i colpi del suo OTs9, un’altra meccanica che solitamente differenzia i “buoni” giocatori di Call of Duty da quelli alle “primissime armi”. Un errore molto frequente tra BOT e NOOB è che una volta finito il caricatore, questi cercano di ricaricare l’arma invece di passare all’arma secondaria per proseguire la fight, restando del tutto scoperti al fuoco nemico e morendo 9 volte su 10.

Infine, è evidente che Ronaldo è quel tipo di giocatore che si informa sullo stato del meta, visto che le armi scelte sono universalmente riconosciute come le “migliori” in close range e mid/long range, ovvero l’OTs9 e l’EM2.

I peggiori compagni di Warzone: luce sul “noob”, specie forse destinata all’estinzione su Warzone

Solitamente per i BOT è già un miracolo quando riescono a giocare con un qualsiasi loadout personalizzato, proprio perché non conoscono (o non sono interessati a conoscere) quelle che sono le armi meta del momento.

 

La triple kill di Ronaldo su Warzone

Chissà se vedremo mai Ronaldo impegnato in qualche torneo competitivo di Warzone…anche se per molti la giocata particolarmente competitiva del Fenomeno si può facilmente spiegare con l’eccessivo aiuto che l’AIM Assist ormai assicura ai giocatori controller.

L’AIM Assist è sempre e da sempre fonte di polemica, anche se in questo caso ci sembra particolarmente “pretestuoso” tirare fuori l’assistenza alla mira pur di non riconoscere che Ronaldo, a prescindere dalle opinioni personali, sia un giocatore (non professionista OVVIAMENTE) di tutto rispetto. Il resto sono valutazioni del tutto superflue.

Voi cosa ne pensate community? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

Un bug mette al riparo l’operatore Snoop Dogg dagli headshot

Un bug mette al riparo l’operatore Snoop Dogg dagli headshot

Profilo di Stak
 WhatsApp

Sembra che un nuovo fastidiosissimo bug sia piombato su Caldera e Rebirth, e riguarderebbe direttamente tutte le skin dell’operatore Snoop Dogg.

Snoop Dogg è da poco entrato a far parte delle skin disponibili di Call of Duty, con tantissimi giocatori che lo hanno scelto per le loro sessioni di gioco in BR. Oggi però veniamo a conoscenza di un problema estremamente grave, che speriamo possa essere presto risolto da Activision.

In particolare, stiamo parlando di un bug che rende invisibile la testa di Snoop, di fatto rendendo impossibile l’esecuzione di headshot di qualsiasi tipo.

Al momento sembra che per attivare questo glitch basta semplicemente giocare due armi in akimbo. Non è noto se vi saranno delle punizioni per i giocatori segnalati per l’abuso di questo “glitch”.

Sicuri del fatto che i devs troveranno presto una soluzione, continueremo a monitorare il Trello per eventuali aggiornamenti.

Operazione Monarch: il “benvenuto” di Kong ad un player alla sua prima avventura

Pur non trattandosi di un esplicito bug, su Reddit è stato da poco mostrato che tipo di effetti possono avere i salti di Kong. Senza alcun tipo di avviso, un giocatore ancora in volo sul suo paracadute è stato letteralmente “investito” dal volo di Kong… Venendo miseramente ucciso…

Fate attenzione la prossima volta che vi trattenete troppo in volo su Peak

Articoli correlati: 

Speciale Armi Warzone: la TOP5 delle più facili da usare e con MENO RINCULO

Speciale Armi Warzone: la TOP5 delle più facili da usare e con MENO RINCULO

Profilo di Stak
 WhatsApp

Il celebre WhosImmortal ha pubblicato un nuovo interessantissimo video in cui ci “suggerisce” quelle che sono le armi più facili da usare al momento su Call of Duty Warzone.

Chiaramente non è solo la “semplicità” la caratteristica essenziale di queste armi, ma devono esserlo anche la consistenza ed un elevato numero di danni.

Proprio per questo, WhosImmortal ha deciso di selezionare quelle che, dal suo punto di vista, sono le armi più forti e più “semplici” da usare dell’armeria.

Vedremo sia delle armi da corto che delle armi da lungo, con molte di queste che sono già estremamente note ai giocatori di Warzone. I due tratti essenziali che caratterizzano ognuna di queste versioni sono comunque molto specifici:

  • tutte le armi che troverete di seguito godono di un ottimo TTK, e possono quindi dire la loro contro le armi meta
  • le armi che andrete a trovare di seguito sono TUTTE dotate di rinculo zero

Ottimi danni e zero rinculo: le armi ideali per i giocatori novizi

Il rinculo è proprio l’aspetto principale che rende queste armi “facili da usare”.

Effettivamente WhosImmortal consiglia il Cooper, la MP7, il Fara e l’M16 (tra le altre)… Tutte armi abbondantemente note per essere estremamente ferme e stabili, anche in caso di fuoco prolungato.

Andiamo a vedere tutte queste versioni, sperando che una o più possano tornarvi utili nelle vostre sessioni di gioco su Warzone.

Tutte queste versioni sono particolarmente consigliate per i giocatori alle prime armi, ed a quelli che hanno da poco sostituito la loro device di gioco (passando da Joypad a Mouse, o da Mouse a Joypad).

Speciale armi facili da usare: MP7 consigliato da WhosImmortal
Speciale armi facili da usare: KG M40 consigliato da WhosImmortal
Speciale armi facili da usare: FARA83 consigliato da WhosImmortal
Speciale armi facili da usare: M13 consigliato da WhosImmortal
Speciale armi facili da usare: Cooper Carbine consigliato da WhosImmortal

Cosa ne pensate di queste versioni community? Avreste altre armi “semplici” e facilmente controllabili da suggerire? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

JoeWo provoca su Twitter con il Panzerfaust: giocatori irritati dai “lanciatori” toxic su Rebirth

JoeWo provoca su Twitter con il Panzerfaust: giocatori irritati dai “lanciatori” toxic su Rebirth

Profilo di Stak
 WhatsApp

Quella dei Panzerfaust su Rebirth Island è una brutta, bruttissima rogna con cui ogni giocatore di Ritorno deve almeno una volta affrontare.

Quando si viene abbattuti da un razzo sparato “a caso” ad inizio partita (ma anche a fine match, la sensazione è la stessa), la reazione tipica del giocatore moderato è quella di inanellare una lunga serie di turpiloqui e parole sconce… Perchè? Perchè contro di quest’arma è quasi del tutto impossibile “counterare” l’azione del nostro nemico.

Dura tutto una frazione di secondo: su un tetto piuttosto che in una stanza, arriva un momento cruciale in cui, in modo del tutto imprevisto, cadiamo rovinosamente a terra a seguito di un’esplosione. Fino ad oggi però, queste situazioni sono state tutto sommato molto limitate.

Da qualche settimana sembra invece iniziato un vero e proprio trend su Rebirth, che sta portando un numero maggiore di player ad optare per quest’arma.

Attraverso un video pubblicato su Twitter, abbiamo poi anche visto l’uso che può essere fatto di questi Lanciatori da parte dei giocatori esperti…

JoeWo mostra in azione il Panzerfaust, giocatori preoccupati: “non doveva rendere noto questo “problema

Il protagonista è JoeWo, che con un Panzerfaust con 5 colpi è riuscito a fare fuori un intero team, in soli 30 secondi, nella zona di tende. Il Panzerfaust è probabilmente l’unica arma non sniper di tutta l’armeria in grado di oneshottare un bersaglio in close range: una vera sentenza.

Che questo launcer sia diventato troppo forte?

La cosa che rende il tutto quasi “inquietante”, è che la velocità di ricarica è semplicemente sensazionale. Bastano poco meno di 2 secondi per inserire il nuovo “colpo”, anche perchè a differenza di tutte le altre armi non dovremo estrarre alcun caricatore ma semplicemente applicare quello nuovo.

In più, il Panzerfaust è praticamente un’arma “no recoil”, di fatto utilizzabile anche dal imbranato dei player di Warzone. Una miscela esplosiva quindi, che desta preoccupazione.

Sono a questo punto molte le voci nella community che chiedono un qualche tipo di modifica ai Panzerfaust. Del resto anche i fucili Sniper sono stati quasi tutti nerfati per diminuire le situazioni in cui ai giocatori non viene data la possibilità di replicare al fuoco nemico.

Perchè questa regola non dovrebbe valere anche per i Panzerfaust? 

Voi cosa ne pensate community? Vi unirete al lato oscuro della forza, provando questo launcer, o continuerete sulla via cavalleresca degli “anti-launcer” (usati solo contro mezzi ed elicotteri)? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: