banwave

Raven annuncia una nuova banwave per i cheaters di Warzone

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Banwave – Solamente questa mattina abbiamo parlato in un altro aggiornamento di un inasprimento della situazione relativa ai chetares/hackers su Warzone.

Come notato da svariati giocatori (alcuni dei quali hanno anche provveduto a mostrare le clip video su Reddit – troverete qui altri dettagli) della community, su Call of Duty negli ultimi giorni è stata registrata quella che apparentemente sembra una nuova “spike” di presenza di imbroglioni nelle partite di Verdansk.

Activision sembra quasi aver ascoltato la nostra richiesta di qualche ora fa, ed ha cosi annunciato una nuova (e speriamo gigantesca) ondata di ban che dovrebbero spazzare via decine e decine di migliaia di account corrotti da programmi non consentiti (i due più comuni…il wallhack per vedere gli avversari attraverso i muri, e l’aimbot per avere una mira sempre estremamente precisa).

Ecco il post in cui viene annunciata la banwave:

Come al solito, Raven Software lascia una piccola porticina aperta riguardo ad eventuali nuovi aggiornamenti per il sistema anti-cheat dato che, come già fatto in passato, ha riportato ancora una volta nel post che “nuovi update seguiranno”…

Speriamo che questi update, nel caso la nostra deduzione si riveli vera, non tardino troppo a sopraggiungere nel gioco dato che, come giustamente fanno notare sempre più giocatori, le sole ban wave non hanno alcuna utilità se non sono accompagnate da un solido sistema che contrasti gli imbroglioni.

Cosa ne pensate community?
La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701