Perchè rimuovono le mode migliori da Warzone? I chiarimenti dei devs sulla playlist!

Perchè rimuovono le mode migliori da Warzone? I chiarimenti dei devs sulla playlist!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Mode Warzone – Spesso i giocatori di Warzone si chiedono per quale ragione gli sviluppatori sostituiscano le mode più amate nella playlist, e se c’è un criterio dietro queste decisioni. Oggi scopriamo “l’arcano” grazie agli stessi devs di Activision, che mediante un post hanno spiegato quale è il “processo” dietro le loro decisioni settimanali.

All’interno del comunicato, i devs hanno quindi spiegato come il processo di selezione delle mode è utile per capire quali sono quelle “più amate” ed apprezzate. Proporre delle modalità sempre diverse, e riproporle dopo un tot di tempo, permette agli sviluppatori di capire quali di queste sono realmente piaciute. Allo stesso modo, serve per capire quali “mancano” maggiormente ai giocatori, e quali non mancano affatto.

La base di giocatori di Warzone è estremamente imponente, i devs hanno nuovamente parlato di più di 100 milioni di giocatori, ed accontentarli tutti non è facile.

Proprio per questo, settimanalmente i devs cercano di proporre sempre mode diverse…in questo modo terranno il gioco “fresco”, e bene o male andranno ad accontentare sempre tutti i giocatori, e non solamente la sua maggioranza.

Oltre a tutto questo, i devs tengono a chiarire che anche e soprattutto mediante la loro “rimozione”, ed il frequente ricambio di mode, possono davvero comprendere quali di queste sono quelle generalmente più apprezzate.

Tutto questo studio è inoltre fondamentale per permettere ai devs di imboccare le strade migliori per il futuro del gioco, sicuri del fatto che mediante questo sono consapevoli di cosa può piacere maggiormente ai giocatori.

Il post dei devs sulle Mode di Warzone

We want to give our community insight on the design process for the Playlist calendar in Call of Duty®: Warzone™.

With over 20 unique Modes, most with different squad sizes, it’s a great problem to have such a wealth of content to choose from when planning Playlist rotations. Below we will go into detail as to why we rotate Modes, and what we are planning going forward.

When we plan and discuss the Playlist for each season, we have some key design values and principles that we follow:

PLAYER MOTIVATIONS

With more than 100,000,000 Warzone Players, we recognize that each Player is motivated by different gameplay experiences. A Player who loves Plunder may not necessarily love Rebirth Resurgence, but may like other objective based Modes like Payload. Equally a Player who loves Battle Royale may not love Blood Money, but might enjoy Iron Trials. We look at all available data and sentiment to constantly monitor the success of each Mode, so these motivations represent our guiding light each week to make sure that we cater to as many Players as possible.

SURPRISE AND ENGAGE

If Warzone had nothing but Battle Royale and Plunder since launch, we wouldn’t have expanded to deliver new experiences like Resurgence, Payload, Iron Trials and more. We’ve seen that the rotation of Modes keeps the game engaging and results in Players experimenting with Modes they haven’t played before. As well as allowing our teams the freedom to find the next great Warzone experience. There remains a balance here, which we will go into more detail on below.

SQUAD SIZES

We know that Players like to play with different squad sizes, whether that’s solos, quads, or anywhere in between. This may be motivated by your own social circle or by a specific experience that you might be looking for. This is one of the most challenging aspects to design for when respecting the above design values and keeping the pool healthy, so we historically have focused on a healthy rotation of squad sizes but going forward we will be delivering more stability and consistency.

A few months ago we shifted from sharing Playlists on a weekly cadence to announcing multiple weeks at a time. This was due to feedback from Players and tournaments alike that you wanted more time to plan ahead. The team has endeavored to lock in the Playlist and communicate it as early as possible to you. And we still have room to refine this process. We will continue to balance timely communication while providing flexibility for pivots when necessary… Unless we want to keep something a fun secret of course

COMMUNICATION : Mode Warzone

We use these principles and values as guidelines and do our best to meet each of them as criteria for every Playlist. However, sometimes we choose to venture off the beaten path. This is why at times we experiment; we have had weeks where we bring back old favorites, or mixed up the squad sizes across modes. This gives us an opportunity to listen to the community and consistently factor it into how we balance Playlist design in the future.

With all of that said we wanted to conclude by giving an insight into the plans for the remainder of the Season. Our philosophy here has been to give Players a “best-of-season” outro with more consistent squad size availability – whilst still having a little fun with the bonus 4-day Buy Backs Royale event to end!

This brings additional benefits in giving our teams time to focus on addressing other Player feedback in Warzone, all while planning for the new Modes that lay ahead of us – including what’s to come in Season 2 on February 14th.

We’d like to thank everyone for the continued feedback and for joining us on this journey.

 

Cosa ne pensate delle parole dei devs riguardo l’argomento? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

Call of Duty League sotto accusa, secondo Censor è stato fatto un ”grosso sbaglio”

Call of Duty League sotto accusa, secondo Censor è stato fatto un ”grosso sbaglio”

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Censor vs COD – A seguito della decisione da part dei piani alti della Call of Duty League di trasformare la competizione in un Play-off con 8 squadre, alcuni giocatori hanno deciso di esprimere il proprio disappunto.

Tra questi, anche il noto professionista Doug ‘Censor’ Martin, ex star dei FaZe e grande sostenitore del movimento che voleva cambiare l’ormai datato formato della massima lega di COD.

Al primissimo annuncio della decisione, Censor aveva risposto senza peli sulla lingua che era totalmente in disaccordo con la promozione di un evento che mettesse sul palco solo 8 squadre da tutto il mondo. Un numero che rende automaticamente impossibile una vera rappresentanza.

Call of Duty League, il danno ormai è fatto per Censor

Dopo quasi due settimane di silenzio stampa in merito alla vicenda, Censor ha deciso di comunicare in maniera un po’ più informale il suo pensiero, attraverso il proprio account Twitter:

”Ancora non posso credere che la Lega non si sia resa conto della richiesta che ogni giocatore del Challenger, Analyst ed Allenatore ha firmato all’unanimità per cambiare le cose. primo giorno off per la squadra.”

L’intervento di Censor è poi continuato su Youtube, dove lo abbiamo visto molto più scosso di quanto non si potesse intendere nello scritto.

Il pensiero di Censor potrebbe essere riassunto in questo modo: la mancanza di un giusto numero di squadre impedisce una giusta distribuzione della rappresentazione. Basti pensare che negli ultimi qualifier tutte le 8 squadre qualificate erano solo Nordamericane:

“Scommetterei la mia casa, scommetterei la mia Range Rover, scommetterei qualsiasi cosa materialistica di valore che sarà una squadra nordamericana a vincere.”

Cosa ne pensate community? Avete particolari vittorie ottenute con dell’attrezzatura “originali” da segnalarci?

La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: 

La modalità “DMZ” di Modern Warfare 2 (in stile Tarkov) sarà disponibile in free to play

La modalità “DMZ” di Modern Warfare 2 (in stile Tarkov) sarà disponibile in free to play

Profilo di Stak
 WhatsApp

Uno dei più celebri leaker di Call of Duty ha sganciato una nuova “bomba” relativa all’ormai attesissimo Modern Warfare 2.

Come noto infatti, con il nuovo titolo di COD sbarcheranno in live anche Warzone 2, ed una terza modalità ancora “segreta”. Di questa conosciamo ufficialmente solo il nome, ovvero “DMZ”, mentre tutte le altre informazioni sono ancora avvolte in una cortina di fumo.

RalphValve ha però scovato almeno due interessanti informazioni che riguardano la futura “modalità in stile Tarkov” di Call of Duty. Secondo Ralph infatti, la nuova modalità non sarà disponibile già al lancio di Modern Warfare 2.

DMZ verrà invece implementata in un secondo momento (anche se qui gli esperti sono divisi), tra chi è convinto che uscirà entro fine 2022, e chi invece (come RalphValve) non prima del 2023.

Sempre secondo il noto leaker, questa nuova modalità dovrebbe seguire le orme di Warzone, presentandosi al cospetto della community come un contenuto del tutto libero dall’acquisto. Si parla quindi di “free to play”, con tutti gli aspetti positivi e negativi che solitamente caratterizzano i titoli gratis.

Cosa si sa della modalità DMZ? 

Sempre tra gli esperti e gli addetti ai lavori, si parla di DMZ come di una modalità che verrà lanciata prima in SOLO, e successivamente anche in Duo, Trio e Quad.

Per quanto riguarda il “gameplay”, sembra che i giocatori avranno il compito di saccheggiare e farsi strada attraverso vari ambienti prima di raggiungere il punto d’estrazione. Le lobby saranno di dimensioni comprese tra 20 e 35 giocatori, e rappresenteranno di fatto una via di mezzo tra il classico multiplayer di CoD ed il battle royale.

RalphValve ha inoltre dichiarato che, dalle sue fonti, sembra che Activision stia lavorando su questo progetto da ormai ben 4 anni… Un evidente segnale rispetto al fatto che le intenzioni di Acti sono quelle di diversificare il più possibile la loro base di utenti.

Non ci resta che attendere nuove informazioni, con la speranza che quelle già rilasciate da RalphValve vengano tutte confermate.

Voi cosa ne pensate community? La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati:  

Warzone, oggi sbarca la nuova patch della Stagione 4! Tutte le novità:

Warzone, oggi sbarca la nuova patch della Stagione 4! Tutte le novità:

Profilo di Stak
 WhatsApp

Stagione 4 Warzone – Mancano solamente una manciata di ore prima dell’inizio della quarta stagione di Warzone… la penultima della storia del celebre br Activision.

La quinta stagione sarà infatti l’ultima prima dell’arrivo del nuovo Warzone 2, titolo che andrà certamente a “svuotare” le lobby attuali di Warzone. Ricordiamo che il nuovo Warzone 2 sarà disponibile a Novembre (data ancora non ufficiale) anche per console old gen, dettaglio che certamente influirà verso una migrazione di massa sul Warzone numero 2.

Ma torniamo al Warzone originale, ed all’importante patch che sta per sbarcare sul server live…Prima di tutto chiariamo una cosa: per quanto ancora non “pubblico”, è assolutamente scontato che la nuova patch sarà di dimensioni gargantuesche. Con il “semplice” restyling di Rebirth di un mesetto fa abbiamo dovuto scaricare più di 20 Giga di nuovi contenuti.

Con questa, potrebbe non essere folle pensare a 50 o 60 giga di patch, se non peggio. Ricordiamo infatti che con l’aggiornamento odierno sbarcheranno su Warzone:

Patch sicuramente “molto pesante” a causa delle tante novità

Una nuova mappa, le solite tante novità della stagione, e poi quindi anche una vera e propria “Verdansktizzazione” di Caldera, che andrà a perdere il 50% di tutta la sua vegetazione in favore di strutture, case e piccoli edifici.

Non solo, perché sempre oggi assisteremo anche all’introduzione di una nuova zona all’interno di Caldera.

Stiamo parlando di Storage Town (praticamente un’intera mappa multiplayer), che da Verdansk verrà magicamente “riesumata” tra Mines e Village in quel di Caldera.

Ultimo giorno della “vecchia Caldera” su Warzone: ecco le principali novità del suo pesante restyling!

Quando uscirà la nuova patch/playlist della Stagione 4 di Warzone? 

Le danze estive di Warzone si apriranno ufficialmente questo pomeriggio alle ore 19.

L’orario è stato suggerito nel Trello ufficiale dei devs, e si riferisce all’orario di “chiusura” dell’attuale playlist. Non sappiamo se sarà disponibile un pre-download, ma è altamente probabile che già a partire dalle 15 (o al più tardi alle 17) saremo in grado di iniziare a scaricare la patch.

Infine, ricordiamo che le playlist a tre mappe non inizieranno da questa settimana (durante la quale avremo solo Caldera e Fortune’S Keep come mappe giocabili). Rebirth tornerà stabilmente tra le mappe giocabili solamente dalla prossima settimana.

Cosa ne pensate community? Siete pronti per questa nuova avventura?

La discussione, come sempre, è assolutamente aperta!

Articoli correlati: