call of duty esperienza

Perchè a Warzone servono disperatamente le ranked?

Condividi su WhatsApp  WhatsApp

Da ieri mattina è tornata a soffiare forte la discussione attorno alla richiesta di moltissimi giocatori di introdurre le ranked e le partite classificate su Warzone (ma anche dentro Black Ops Cold War, ndr), grazie ad una chiara ed incisa risposta data dal dev che ha confermato l’introduzione di questa speciale funzione.

Nella community si è quindi iniziato a discutere sul perchè dovrebbe essere importante un sistema classificato, e su quali potrebbero essere gli spunti positivi in una situazione del genere. Partiamo dalla base, ovvero lo SBMM, che all’interno di un sistema ranked avrebbe decisamente più senso e contribuirebbe a rendere il gioco molto più bilanciato.

Lo SBMM altro non è che un sistema di matchmaking che va ad inserire nella stessa lobby giocatori che godono di performance simili. Questa situazione genera delle lobby in cui il livello di gioco è sempre molto alto, e “permette” (suo malgrado) lo sfruttamento di scorciatoie per poter essere inseriti in partite in cui il livello di gioco è molto più basso del nostro.

Come abbiamo visto in passato infatti, alcuni giocatori sfruttano il cambio di regione (per fare un esempio, un player americano che viene a giocare sui server europei) per essere inseriti in lobby con giocatori all’inizio della loro avventura su Call of Duty, e questo è un problema che lo SBMM non sembra essere in grado di risolvere.

Con un sistema classificato tutti questi problemi non si avrebbero visto che lo SBMM agirebbe insieme al vero e proprio “rank” di un giocatore per andare a creare una lobby. Un giocatore che parte dal Bronzo (rank ovviamente inventato e “copiato” da altri giochi esistenti) giocherà sempre e solo contro altri Bronzi nelle classificate, e se vorrà giocare in una partita normale e più “casual” non dovrà fare altro che mettersi in coda in una partita “non classificata”.

Call of Duty: Acti ha annunciato la mode Zombie Gratis per un periodo limitato!

I migliori bronzi avranno la possibilità di salire al rank Argento, ed anche in queste partite continueranno ad incontrare solo ed esclusivamente i migliori del rank Bronzo ed i peggiori del rank Argento (che dovranno giocare e vincere contro i bronzini per non ottenere la retrocessione) e questa cosa accadrà anche ai rank più alti, dove magari avremo il rank ORO, il rank Platino ed il rank Diamante.

Le classificate potranno essere sia su single player che per una squadra, ed aiuteranno a rendere veramente bilanciate le partite competitive, senza il rischio che qualcuno abusi di strani glitch o sistemi proibiti (tipo il cambio di regione di cui abbiamo parlato sopra) per avere la meglio nella lobby.

Cosa ne pensate community?
Questi sono secondo voi dei validi motivi per giustificare l’enorme attesa che molti hanno per le competitive su Call of Duty?
La discussione, come sempre, è aperta!

Questo articolo è stato realizzato in collaborazione con la community FB CALL OF DUTY ITALIA – Fan Community.

Articoli correlati: 

Marco "Stak" Cresta

Sono un appassionato di videogiochi fin da quando ne abbia ricordo e credo nella bontà del progresso che scaturirà grazie agli eSports anche a livello sociale. L'altra mia grande passione è da sempre stata l'attualità e la storia, motivo per il quale ho concluso il mio percorso di studi con la laurea in Scienze Politiche nell'Università calabrese di Cosenza.

Asus Rog
Gli articoli di questo sito sono stati realizzati utilizzando Asus ROG G701