Metaphor sul VOLK: “ancora Meta; nerf facilmente aggirabile” e rilancia: “ora è il 3 Line lo sniper TOP”

Metaphor sul VOLK: “ancora Meta; nerf facilmente aggirabile” e rilancia: “ora è il 3 Line lo sniper TOP”

Profilo di Stak
 WhatsApp

VOLK Support – Metaphor ha da poco firmato un’altra prestazione davvero sorprendente in quel di Caldera, riuscendo a mettere a referto 22 kill con un loadout del tutto atipico.

Il celebre Meta ha infatti optato per una classe sniper + support, armandosi con il VOLK per i tiri a media distanza, e con il 3 Line di Vanguard per i tiri a distanza più sostenuta.

Partendo dal primo, ovvero l’AR Volk, Metaphor è stato molto chiaro nello spiegare che, nonostante il recente nerf, l’arma si trovi al momento in una forma smagliante nel meta di gioco.

Metaphor ha infatti spiegato che sostituendo il sottocanna con la presa M3, si andrà facilmente ad aggirare il bilanciamento dello scorso 25 Maggio.

L’arma avrà solo un po’ più di rinculo, ma andrà a funzionare ancora meglio di prima riguardo la velocità laterale. Secondo Metaphor quindi, il nerf al Ferma Mano M1941 ha direttamente generato un “buff” all’arma, perchè i player hanno potuto “scoprire” il funzionamento di questa con la presa M3.

Non solo il VOLK, c’è anche spazio per il 3 Line

Oltre al Volk per i tiri corti, Metaphor ha quindi optato per il 3 Line, fucile sniper recentemente “ritoccato” dai bilanciamenti dei devs.

Il buff all’arma è stato netto, ma Metaphor è andato ben oltre descrivendo il 3 Line come un “mostro”, assolutamente consigliato per i tiratori in cerca di un valido sniper.

Proprio in merito a questo, segnaliamo la lettura dell’avviso dei devs riguardo alla questione “hitscan e AX50“, con questo fucile da cecchino che sembra tutt’altro che destinato ad uscire di scena.

Loadout per 3 Line + Volk 

Loadout consigliato da Metaphor per VOLK + 3 LINE

Cosa ne pensate di questa versione community? La proverete nella vostra prossima sessione di gioco?

La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

Warzone 2: per il Doc non è nient’altro che l’inizio del lento declino di Call of Duty

Warzone 2: per il Doc non è nient’altro che l’inizio del lento declino di Call of Duty

Profilo di Gosoap
 WhatsApp

Call of Duty Warzone 2: Mentre mostrava in diretta streaming le novità della Stagione 4 di Warzone, tra cui anche la nuova mappa Fortune’s Keep, Guy Beahm a.k.a. Dr Disrespect ne ha approfittato per dire la sua su Warzone 2.

Sebbene infatti il 2022 di Call of Duty fosse stato annunciato come una rinascita del franchise, che con l’uscita di MW2 e WZ2 dovrebbe tornare ad attirare un bel po’ di attenzioni, esiste una fetta di giocatori molto scettici.

Tra questi ovviamente anche il Two-Times, che in queste settimane ha più volte criticato gli entusiasti, consigliando di tenersi coi piedi a terra, viste le difficoltà che i giochi hanno vissuto negli ultimi mesi.

Successo di Warzone 2 non assicurato per Call of Duty, lo dice anche Dr Disrespect

Secondo la previsione del Doc, la reazione iniziale al rilascio di Warzone 2 sarà veramente esplosiva, ma si rivelerà entro pochissimo tempo un fuoco di paglia.

“Riesco a prevedere un po’ di clamore iniziale, ma niente come il primissimo Warzone e la cara vecchia originale Verdansk. Non ci posso fare nulla, per me non sarà così. Penso che quello che stiamo vedendo sia il lento declino di questo gioco.”

Un problema che secondo il Doc nascerebbe dal mancato sviluppo di un nuovo motore grafico e dalla generale mancanza di longevità del gioco nel lungo periodo. Due fattori che starebbero segnando la fine, almeno secondo il Doc, di uno dei titoli più conosciuti della storia.

Cosa ne pensate? Come al solito la discussione è aperta!

Articoli correlati:

Metaphor bannato da Warzone. Il top player interviene: “non sono un cheater, ecco le prove!”

Metaphor bannato da Warzone. Il top player interviene: “non sono un cheater, ecco le prove!”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Metaphor Warzone – Al termine della scorsa settimana una notizia ha letteralmente gelato parte della community di Call of Duty, relativa ad un presunto ban ai danni del celebre Metaphor.

Metaphor è indubbiamente uno dei content creator più seguiti al mondo. Giocatore superlativo, ottimo “tecnico” per consigli e suggerimenti, Metaphor si è ormai ritagliato un’enorme fetta di estimatori nella community globale.

Durante lo scorso Sabato Metaphor ha però pubblicato un singolare video, all’interno del quale annunciava di essere stato bannato dal celebre BR Activision.

Ovviamente Metaphor non è un cheater, e deve essere accaduto qualcosa che non sarebbe mai dovuto accadere. Il Content creator ha quindi deciso di pubblicare un secondo video, durante il quale ha spiegato passo passo quali sono le “decisioni” e le scelte di gameplay che lo hanno portato ad agire come ha agito. Dimostrando di non aver alcun bisogno di cheat o wallhack per identificare e colpire i bersagli.

In più occasioni abbiamo ribadito che un occhio esperto è in grado di riconoscere un vero cheater da un giocatore semplicemente “sopra la media”.

La cosa che però in questo caso ci colpisce maggiormente è che anche il sistema anti-cheat può evidentemente commettere degli errori.

Non è la prima volta che un PRO viene “bannato” per errore, e di certo non sarà l’ultima. La domanda però sorge spontanea: e se un giocatore non fosse famoso o seguito? Riceverebbe lo stesso trattamento dei devs?

Già perchè la situazione si è (fortunatamente) risolta con i devs di Activision che hanno “manualmente” provveduto a sbloccare Metaphor, allegando anche delle scuse su Twitter per l’accaduto.

Ci auguriamo che questo tipo di situazioni non si verifichino troppe volte ai danni dei giocatori “normali”.

Articoli correlati: 

TrueGameData rivela: “la UMG8 è un’arma META, ecco il loadout migliore”. Cooper Carbine, Whitley e Bruen le “altre” consigliate

TrueGameData rivela: “la UMG8 è un’arma META, ecco il loadout migliore”. Cooper Carbine, Whitley e Bruen le “altre” consigliate

Profilo di Stak
 WhatsApp

UMG8 Loadout – Benvenuti in un nuovo speciale interamente dedicato alle migliori versioni delle armi disponibili su Warzone.

In questo update faremo da cassa di risonanza all’analisi del meta proposta da TrueGameData, certamente uno degli analyst più apprezzati e conosciuti nella scena del BR Activision. Secondo TGD infatti, al momento la situazione sul fronte delle armi sarebbe molto diversa rispetto a quanto la maggior parte delle persone potrebbe immaginare.

TGD è convinto che al momento la migliore delle versioni a disposizione dei giocatori sia proprio la UMG8, la nuova LMG introdotta con la quarta stagione. Insieme a lei anche la Bruen, arma di cui infatti abbiamo più volte parlato in passato, ma anche la Whitley, la Cooper Carbine ed ovviamente anche l’NZ41.

Proprio la Whitley e la UMG8 sembrerebbero caratterizzate da una competitività che non trova eguali al momento tra le altre armi di Vanguard.

Anche il celebre Cloakzy è tra i giocatori convinti della forza della nuova UMG8, e con un nuovo video ha voluto svelare proprio quella che ritiene al momento la migliore versione da giocare.

Loadout consigliati da TGD e Cloakzy per il long range – UMG8 e altre

Andiamo a vedere tutti i dettagli per ognuna di queste classi in analisi:

Loadout consigliato da Cloakzy per Blixen + UMG8
Meta Long Range – Cooper Carbine consigliato da TRUEGAMEDATA
Loadout consigliato da TrueGameData per UMG8
Loadout consigliato da TrueGameData per Whitley
Loadout per Bruen MK9 – Consigliato da TrueGameData

Cosa ne pensate community? Quale di queste armi vi ha maggiormente colpito?

La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: