Metaphor bannato da Warzone. Il top player interviene: “non sono un cheater, ecco le prove!”

Metaphor bannato da Warzone. Il top player interviene: “non sono un cheater, ecco le prove!”

Profilo di Stak
 WhatsApp

Metaphor Warzone – Al termine della scorsa settimana una notizia ha letteralmente gelato parte della community di Call of Duty, relativa ad un presunto ban ai danni del celebre Metaphor.

Metaphor è indubbiamente uno dei content creator più seguiti al mondo. Giocatore superlativo, ottimo “tecnico” per consigli e suggerimenti, Metaphor si è ormai ritagliato un’enorme fetta di estimatori nella community globale.

Durante lo scorso Sabato Metaphor ha però pubblicato un singolare video, all’interno del quale annunciava di essere stato bannato dal celebre BR Activision.

Ovviamente Metaphor non è un cheater, e deve essere accaduto qualcosa che non sarebbe mai dovuto accadere. Il Content creator ha quindi deciso di pubblicare un secondo video, durante il quale ha spiegato passo passo quali sono le “decisioni” e le scelte di gameplay che lo hanno portato ad agire come ha agito. Dimostrando di non aver alcun bisogno di cheat o wallhack per identificare e colpire i bersagli.

In più occasioni abbiamo ribadito che un occhio esperto è in grado di riconoscere un vero cheater da un giocatore semplicemente “sopra la media”.

La cosa che però in questo caso ci colpisce maggiormente è che anche il sistema anti-cheat può evidentemente commettere degli errori.

Non è la prima volta che un PRO viene “bannato” per errore, e di certo non sarà l’ultima. La domanda però sorge spontanea: e se un giocatore non fosse famoso o seguito? Riceverebbe lo stesso trattamento dei devs?

Già perchè la situazione si è (fortunatamente) risolta con i devs di Activision che hanno “manualmente” provveduto a sbloccare Metaphor, allegando anche delle scuse su Twitter per l’accaduto.

Ci auguriamo che questo tipo di situazioni non si verifichino troppe volte ai danni dei giocatori “normali”.

Articoli correlati: 

Modern Warfare 2: si parte a metà Settembre con il Call of Duty NEXT!

Modern Warfare 2: si parte a metà Settembre con il Call of Duty NEXT!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Gli sviluppatori di Activision hanno mantenuto la promessa, e lo scorso weekend hanno svelato alcune nuove informazioni sul prossimo Modern Warfare 2.

Il nuovo attesissimo titolo sarà infatti disponibile già dalla metà del prossimo mese, con i devs che hanno sostanzialmente confermato i leak sugli accessi anticipati della Beta. Il “nuovo grande evento” del franchise è stato quindi fissato al prossimo 15 Settembre, il giorno del Call of Duty Next.

Durante il COD Next gli sviluppatori ci parleranno di molteplici informazioni, tra cui:

  • Cosa sta per succedere su Call of Duty, con informazioni sia sul nuovo Modern Warfare 2, sia il prossimo Warzone 2 che la versione mobile di Warzone 1 (conosciuto come progetto Aurora)
  • Il reveal totale di tutte le novità in arrivo per il multiplayer
  • Altre informazioni/sorprese ancora “classificate”

Tutto l’evento sarà accompagnato dalla presenza di numerosi streamer che giocheranno in diretta alle novità proposte da Activision.

Il 15 Settembre sarà “l’inizio” di una nuova fase che proseguirà già dal weekend del 16/19 Settembre. Da questa data infatti, si darà il via alle danze degli accessi anticipati alla Beta, con i giocatori Play Station che saranno i primi a “battezzare” il nuovo multiplayer di Modern Warfare 2.

Queste le date per gli accessi anticipati alla Beta: 

  • Early Access: 16 – 17 Settembre
  • Open Beta: 18 – 20 Settembre
  • Xbox & PC Early Access: 22 – 23 Settembre
  • Xbox & PC Open Beta: 24 – 26 Settembre
  • PlayStation Open Beta: 22 – 26 Settembre

Nel corso della serata è stata anche svelata l’anteprima di una delle nuove mappe, la bellissima Grand Prix. Questa nuova mappa si presenta come un’Arena midrange (da media distanza, ndr) che richiama sin nei minimi dettagli il circuito di Marina Bay, storica sede del GP di Singapore di Formula Uno.

Da quello che vediamo nelle prime immagini, sembra che ci sia stata un’esplosione con relativo incendio scoppiato in uno dei box in pit lane. Come per le altre mappe, dal prossimo 15 Settembre dovremmo finalmente saperne di più.

Cosa ne pensate di tutte queste novità community? La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

Nuovo loadout MP40: la versione di TKS per Warzone!

Nuovo loadout MP40: la versione di TKS per Warzone!

Profilo di Stak
 WhatsApp

Loadout MP40 – Pur non essendo al vertice del meta ormai da tempo, l’MP40 continua ad essere una delle armi più amate e giocate di COD Warzone.

Facile da usare, l’arma è dotata di ottime potenzialità di fuoco. Il fatto che fosse un’arma già sbloccata, ha portato tantissimi giocatori a preferirla alle “migliori” Blixen, Welgun, Armaguerra e simili.

Oggi scopriamo una nuova versione che speriamo possa permettervi di affrontare al meglio possibile gli scontri in close range. Prima di proseguire però, è bene ribadire un concetto molto importante: l’MP40 non è un’arma di vertice, ed al momento ci sono ancora svariate opzioni migliori.

Per l’appunto, l’Armaguerra, la Blixen, la Welgun ma anche l’MP5 di Cold War sono sicuramente le armi che in questo momento godono di una “marcia in più” rispetto all’MP40. Come dicevamo sopra però, la piccola SMG tedesca è per svariate ragioni ancora una delle armi più giocate su Warzone. Giocarla per giocarla, meglio farlo con l’arma con tutti gli ultimi allegati consigliati e provati da un esperto.

In questo caso vediamo quindi la versione giocata da TheKoreanSavage, che si è detto certo del fatto che questo MP40 merita assolutamente le attenzioni dei giocatori di Warzone.

Loadout consigliato da TheKoreanSavage per MP40

Cosa ne pensate di questa versione community? La proverete sulla vostra MP40 main? Fateci sapere come vanno i test! La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: 

Metaphor loda gli AR a raffica: i loadout per M16 e Carv.2

Metaphor loda gli AR a raffica: i loadout per M16 e Carv.2

Profilo di Stak
 WhatsApp

Loadout M16 & CARV.2 – Il celebre Metaphor si è recentemente interessato delle armi a raffica presenti su COD Warzone, svelandone i loadout al momento migliori.

Stiamo parlando in particolare del devastante M16, e dello “sfotunatissimo” Carv.2. Il primo è sulla bocca di molti player ormai da giorni, merito di una recente tornata di buff che sono andati a risollevare le sorti di questo fucile e di molte altre armi di Modern Warfare e Cold War… Ci riferiamo all’M16, AR in grado di sparare raffiche di 3 colpi che in passato riusciva a fronteggiare alla pari finanche l’AUG di Black Ops.

Già questa mattina avevamo visto una versione dell’M16 proposta da TheKoreanSavage, anche se quella presente qui di seguito è leggermente diversa.

Sempre Metaphor si è poi dedicato al Carv.2, un fucile di Black Ops che non è mai riuscito a trovare un suo spazio di manovra nel meta. Poco amato e poco forte, il Carv.2 non ha mai rappresentato una valida alternativa per le nostre classi, dovendosi arrendere ad una concorrenza fin troppo spietata.

Oggi la situazione appare leggermente diversa, con il Carv.2 che è in grado di abbattere i nemici con 3/4 (o massimo 5, se colpite sempre le gambe) raffiche di fuoco. Il fucile è “immobile”, con Metaphor che l’ha provato con un mirino che ne ha potenziato la velocità ADS ed il rinculo.

Chi vi scrive preferisce indubbiamente l’M16 alle due, ma sono gusti variabili da giocatore a giocatore.

Loadout di Metaphor per M16 e CARV.2

Cosa ne pensate di queste versioni community? Quale andrete sicuramente a provare alla vostra prossima sessione di gioco su Warzone?

La discussione, come sempre, è aperta!

Articoli correlati: